Le dimissioni del card. Sarah, accettate dal Papa, i tempi e i modi della sua partenza hanno suscitato interrogativi e ipotesi in tanti osservatori. Ed Condon prova a riassumere e analizzare le varie ipotesi. Ecco il suo articolo pubblicato sul sito The Pillar, nella mia traduzione. 

 

Card. Robert Sarah
Card. Robert Sarah

 

Sabato mattina, la Santa Sede ha annunciato che Papa Francesco ha accettato le dimissioni del cardinale Robert Sarah da prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti. 

La partenza del cardinale è stata annunciata dalla Sala Stampa Vaticana senza alcuna menzione di chi prenderà il suo posto. L’insolita mossa ha suscitato teorie contrastanti tra gli osservatori e i funzionari vaticani: Alcuni suggeriscono che Sarah sia stato punito pubblicamente, mentre altri si chiedono se l’annuncio sia un segno dell’imminente riforma strutturale del Vaticano. Nessuna delle due teorie è del tutto soddisfacente.

Nel giugno 2020 Sarah ha compiuto 75 anni, l’età in cui tutti i cardinali curiali sono tenuti ad offrire le loro dimissioni. Fino a questa mattina, era uno dei diversi capi dipartimento in servizio oltre l’età nominale di pensionamento. 

In questo senso, la partenza di Sarah fa parte dell’ordinario ricambio della vita romana. Ma i tempi e i modi della sua partenza sollevano domande, per le quali non ci sono ancora risposte chiare.

È particolarmente degno di nota il fatto che mentre Sarah ha 75 anni, è più giovane di altri capi curiali che il papa ha lasciato in carica, almeno per il momento:

Il capo della Congregazione per il Clero, il cardinale Beniamino Stella, ha quasi 80 anni ed è stato chiamato in udienza dal papa la scorsa settimana, spingendo a speculare sul fatto che potrebbe essere presto in pensione.

Il cardinale Marc Ouellet guida la Congregazione per i vescovi e, a 76 anni, è un anno più vecchio di Sarah. È stato ampiamente previsto che lasci l’incarico quest’anno.

La partenza di Sarah potrebbe essere solo la prima di una serie di tessere del domino curiale che cadranno in un più ampio rimpasto romano da parte di Papa Francesco. Questo è lo scenario più probabile. Ma i tempi e i modi della sua partenza lasciano ancora spazio a domande.

Da un lato l’età relativa di Sarah, il modo in cui il suo ritiro è stato annunciato è altamente insolito. 

I capi delle curie uscenti di solito non hanno le loro dimissioni formalmente annunciate come è avvenuto con quelle di Sarah. Invece la loro sostituzione è annunciata dall’ufficio stampa della Santa Sede, con il loro predecessore che se ne va in silenzio e senza fanfare.

Ed è sorprendente che il papa lasci la congregazione incaricata della disciplina sacramentale senza un responsabile nel periodo quaresimale che precede la Settimana Santa – soprattutto perché la pandemia di coronavirus solleva ancora problemi e questioni liturgiche in molti luoghi.

Tra lo staff del Vaticano e altri osservatori di Roma, ci sono due teorie principali in competizione, ma poche risposte certe, sul perché Francesco abbia preso questa decisione. 

Alcuni osservatori hanno ipotizzato che il papa voleva che le dimissioni di Sarah avessero il loro momento di pubblicità: Una sorta di umiliazione puntuale per un cardinale dipinto come un “ultra conservatore” in contrasto con il papa su una serie di questioni.

Ma questa idea – che il papa volesse svergognare personalmente Sarah in pubblico per presunte differenze ideologiche – probabilmente dice di più su coloro che la promuovono che sulle reali differenze di opinione tra il pontefice e il cardinale Sarah.

Questa teoria è più comune tra coloro che hanno visto Sarah come un ostacolo per Papa Francesco nei dibattiti su questioni come la riserva dell’ordinazione dei soli uomini, e sulla natura del matrimonio come tra un uomo e una donna, entrambe questioni risolte della dottrina cattolica.

Ma nonostante la frequente caratterizzazione mediatica del contrario, Francesco non ha fatto alcuno sforzo per avanzare una sfida alla dottrina della Chiesa su entrambi i temi. E sulla questione disciplinare del celibato sacerdotale, Sarah e il papa sono stati cospicuamente d’accordo tra loro sull’importanza della pratica – con la frustrazione di molti durante il recente sinodo sull’Amazzonia.

Inoltre, mentre Sarah è ampiamente considerato un tradizionalista nella liturgica, ci sono poche prove negli ultimi sette anni che la liturgia sia un argomento che il papa esercita molto, in un modo o nell’altro.

Allo stesso tempo, c’è una consultazione in corso sull’uso della Forma Straordinaria della Messa, e la partenza di Sarah, e la sua sostituzione, sembrano avere un impatto sicuro su come si concluderà questa consultazione.

Vale anche la pena notare che quando Francesco accettò le dimissioni del cardinale Gerhard Müller da capo della CDF nel 2017, alla fine di un mandato di cinque anni, fu immediatamente nominato un successore, e quella mossa fu ancora accettata come un “licenziamento” pubblico da parte del papa. Inquadrare sia le circostanze del pensionamento di Sarah che il mancato rinnovo dell’incarico di Muller come segni sicuri di un licenziamento – anche se le circostanze sono opposte tra loro – indica il pericolo di interpretare gli eventi attraverso il quadro predeterminato dell’ideologia o della partigianeria.

Un’altra teoria sul perché il papa abbia accettato le dimissioni di Sarah senza nominare un successore è che ciò potrebbe segnalare una nuova fase della riforma curiale. 

Una nuova costituzione di governo per la Curia romana è stata in lavorazione per anni, ed è ora alla sua terza bozza. Anche se il documento finale non dovrebbe essere pronto per la pubblicazione prima di alcuni mesi, è ampiamente previsto che includa il consolidamento di diversi dipartimenti curiali. 

Alcuni a Roma hanno ipotizzato che la partenza di Sarah potrebbe spianare la strada affinché la Congregazione per il Culto Divino sia combinata con un altro dipartimento a breve termine, come la Congregazione per le Cause dei Santi, con un nuovo prefetto confermato al momento di tale annuncio.

Ma con tutte le indicazioni che la nuova costituzione curiale sia lontana mesi dalla pubblicazione, combinare due dipartimenti relativamente importanti prima di una riforma più ampia sarebbe molto inaspettato, e suggerirebbe che il progetto ha incontrato un grosso blocco e che il papa ha deciso di attuare le sue riforme in modo frammentario, piuttosto che aspettare un documento finale.

Nessuna delle due teorie offerte per spiegare perché, quando e come sono state accettate le dimissioni del cardinale Sarah appare convincente. E il tempo potrebbe rendere più ovvie le ragioni e le circostanze della partenza di Sarah.

Molti a Roma insistono sul fatto che, mentre Sarah è stato leale al papa in pubblico, Francesco non si cura personalmente del cardinale guineano e che i due non vanno d’accordo.

Se questo è vero, e non c’è stata alcuna indicazione di un recente conflitto dottrinale o disciplinare tra gli uomini per spiegare la decisione del papa di rimuovere Sarah senza un sostituto sul posto, gli scontri di personalità potrebbero certamente essere un fattore – e questo è un punto importante.

I commentatori che si affrettano a trasformare una decisione personale in uno scontro ideologico su questioni più grandi probabilmente trascurano quanto contino le relazioni personali mentre si affrettano a inquadrare gli eventi come simbolo di narrazioni più ampie, quasi epocali.

Nel frattempo, la risposta più ovvia può essere che Papa Francesco ha l’abitudine di agire spontaneamente. Potrebbe non esserci una spiegazione migliore o peggiore per l’accettazione da parte del papa delle dimissioni di Sarah, se non che abbia semplicemente deciso di farlo.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email