Di seguito rilancio un articolo scritto da Tracy Beanz & Michelle Edwards, pubblicato su The HighWire. Eccolo nella mia traduzione. I link contenuti nel testo li trovate nell’articolo in lingua originale. 

 

 

In occasione dell’incontro del World Economic Forum (WEF) tenutosi la scorsa settimana a Davos, il CEO di Moderna Stéphane Bancel ha dichiarato che gli piacerebbe “avere capacità di mRNA in ogni continente”. Il suo commento al raduno annuale delle élite globali non deve sorprendere. Dopo tutto, il gigante farmaceutico ha sviluppato la tecnologia di editing genico dell’mRNA per la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) per oltre un decennio. Tuttavia, per testare le cose su larga scala, al duo mancavano “la necessità e l’opportunità”. Due anni fa, in un momento di straordinaria fortuna per Moderna (e Pfizer), la pandemia COVID-19 ha fornito l’opportunità perfetta e rapida di introdurre la nuova tecnologia dell’mRNA alle masse. Senza dubbio, l’introduzione della codifica di proteine mRNA in tutto il pianeta ha guidato i piani strategici sia della DARPA – un’agenzia segreta del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti – sia di Moderna per oltre dodici anni.

Tuttavia, per coloro che non conoscono o non sono attualmente disciplinati dalle notizie mainstream controllate da Pfizer, la consapevolezza dei retroscena è essenziale per garantire il futuro del pianeta. È necessario ricordare la narrazione in atto; pertanto, sembra opportuno fare un breve riassunto di come siamo arrivati a questo punto.

Anni prima della pandemia COVID-19, la DARPA, con il suo programma ADEPT: PROTECT e la sua Piattaforma di prevenzione delle pandemie (P3), costata 96 milioni di dollari, era in missione segreta per trovare un modo di sviluppare un anticorpo per qualsiasi virus del mondo entro sessanta giorni dalla ricezione del campione di sangue di un sopravvissuto. Con il pretesto della “sicurezza nazionale”, la visione della DARPA di un rapido sviluppo di trattamenti a base di mRNA è condivisa dal partner Moderna e dal suo CEO Bancel.

Il 12 settembre 2019, in un’interessante e tempestiva affermazione dei suoi sforzi, Moderna ha annunciato – con il sostegno della DARPA – di aver raggiunto una “significativa svolta scientifica” nella tecnologia di creazione di proteine mRNA formulate all’interno del suo sistema di somministrazione proprietario LNP. La scoperta è arrivata esattamente tre mesi prima che un gruppo di pazienti in Cina “cominciasse a manifestare i sintomi di una malattia atipica tipo polmonite che non risponde bene ai trattamenti standard” e un mese prima dell’esercitazione pratica sulla pandemia denominata Event 201, sponsorizzata dal WEF, dalla Johns Hopkins e da Bill Gates. Nel comunicare i risultati positivi dello studio e “convalidare” le “tecnologie basate sugli acidi nucleici per le malattie infettive” della DARPA, Moderna ha dichiarato che:

“Questi dati di Fase 1 rappresentano una svolta scientifica significativa: questo studio dimostra per la prima volta la capacità di generare livelli terapeutici di una proteina complessa negli esseri umani attraverso la somministrazione sistemica di un mRNA, istruendo essenzialmente il corpo a produrre i suoi farmaci.

Questi dati entusiasmanti dimostrano un nuovo modo di affrontare le malattie infettive che utilizza l’mRNA per produrre anticorpi negli esseri umani, stabilendo una tecnologia potente che potrebbe essere impiegata in un contesto di pandemia.”

 

 

L’11 marzo 2020, sei mesi dopo, grazie a una dichiarazione dell’OMS (finanziata da Bill Gates), l’umanità è stata minacciata da una pandemia globale e quindi gettata nel panico. Improvvisamente, alla DARPA (e, in misura maggiore, all’élite globale) si presentò la tanto attesa “necessità e opportunità” di mettere in atto la sua strategia di sviluppo. Il 17 marzo 2020, come se fosse in dirittura d’arrivo, Moderna e l’équipe di ricerca di Anthony Fauci al NIAID iniziarono i primi test sull’uomo del suo vaccino mRNA-1273 contro il COVID-19. Il vaccino incorporava un nuovo (e più che mai pericoloso) agente patogeno. Il vaccino incorporava una nuova (e pericolosa) “nanoparticella lipidica (LNP) incapsulata a base di mRNA che codifica per una proteina spike (S) della SARS-CoV-2 a lunghezza completa e stabilizzata per prefusione”.

Con sorprendente lungimiranza, la rapida impresa di Moderna nel campo dell’mRNA (che presto sarà completamente integrato con l’intelligenza artificiale) ha ottenuto l’immediato sostegno alla produzione da parte della Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI) per garantire che i vaccini di modifica genetica della pandemia attraversino il mondo. È significativo che la CEPI sia stata fondata nel 2017 dal WEF, dalla Fondazione Bill & Melinda Gates, da Wellcome e dai governi di Norvegia e India. Allineato con gli stessi obiettivi della DARPA, il CEPI è un’associazione globale di organizzazioni pubblico-private la cui missione è evidenziare le minacce pandemiche, prepararsi costantemente alla prossima “malattia X” e far progredire i vaccini.

Attualmente sono state somministrate oltre 13 miliardi di dosi di vaccini COVID-19 in tutto il mondo. Con i produttori di vaccini protetti da responsabilità, le prove indicano sempre più che le iniezioni di mRNA non solo falliscono ma, cosa più significativa, causano molti eventi avversi gravi, tra cui miocardite, aumento del rischio di cancro e ictus e morte.

 

 

In una recente apparizione su The Highwire, il dottor Ryan Cole ha spiegato perché le iniezioni di mRNA possono essere così pericolose. In parole povere, le cellule umane sono destinate a produrre proteine umane, non le proteine spike estranee che i farmaci mRNA programmano affinché le nostre cellule le producano. Secondo il dottor Cole, la piattaforma mRNA si è dimostrata così pericolosa che non solo i vaccini COVID devono essere fermati immediatamente, ma l’intera piattaforma sperimentale – e le agenzie che si sono prese carta bianca per continuare a portarla avanti (come Moderna e DARPA) – devono essere fermate. Ma purtroppo, nonostante gli allarmi, fermare l’mRNA appare improbabile. Invece, con commenti come quello di Bancel, è ovvio che Big Pharma e le nascenti partnership pubblico-privato con influenza all’interno del Grande Governo non si fermeranno. Il futuro di Moderna si basa sullo sviluppo di trattamenti a base di mRNA. L’azienda ha attualmente in cantiere ben 48 prodotti e più di 35 studi clinici in corso per la cura di patologie a base di mRNA, tra cui malattie infettive, immuno-oncologia, vaccini antitumorali personalizzati, malattie cardiovascolari, malattie autoimmuni e malattie rare.

 

 

Per assicurarsi che l’elenco dei prodotti a base di mRNA dell’azienda continui a prosperare in tutto il mondo, il 7 marzo 2022 Moderna ha annunciato la sua strategia globale per la salute pubblica e il programma mRNA Access. Constatando che la pandemia COVID-19 “non sarà l’ultima”, mRNA Access invita i ricercatori di tutto il mondo a collaborare con Moderna per “esplorare la possibilità dell’mRNA a beneficio della salute globale”. Armata di “consapevolezza patrimoniale” e della paura della prossima pandemia, la strategia impegna Moderna a “far avanzare negli studi clinici, entro il 2025, i vaccini destinati a 15 agenti patogeni identificati dall’OMS e dal CEPI come i maggiori rischi per la salute pubblica”.

La schietta previsione di Bancel sull’invasione globale dell’mRNA non deve scandalizzare nessuno. Nonostante l’incombenza di un problema con Pfizer per la sua piattaforma tecnologica di mRNA, Moderna si è preparata per anni a questo momento. Il mese scorso, oltre alle partnership globali incentrate sull’espansione della tecnologia mRNA in Belgio, Danimarca, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Svezia e Canada, Moderna ha stretto una partnership decennale con il governo del Regno Unito. Allo stesso modo, l’azienda sta discutendo attivamente con la Cina per rifornire il Paese con i suoi prodotti a base di mRNA.

In effetti, l’mRNA non sta scomparendo. Al contrario, è il Santo Graal dell’élite globale, che apre le porte all’implementazione della tecnologia per superare le malattie. Alcuni lo definiscono un passo da gigante verso il transumanesimo. Per Moderna, la sua dichiarazione di missione di una sola frase trasmette l’obiettivo internazionale esplicito e a tutta velocità dell’azienda: “La nostra missione è fornire il massimo impatto possibile alle persone attraverso i farmaci a base di mRNA”.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments