Ricevo e volentieri pubblico

 

Antonietta D’Oria, sindaco di Lizzano, Lecce

Antonietta D’Oria, sindaco di Lizzano, Taranto

 

COMUNICATO STAMPA dell’Associazione Iustitia in Veritate

Lizzano, ancora una volta i diritti violati di cittadini e credenti

Il gravissimo abuso perpetrato a Lizzano (TA) ai danni della libertà di culto è significativo della violenza insita nell’ideologia gender e della pericolosità del ddl Zan Scalfarotto Boldrini e richiede una presa di posizione chiara da parte di tutti coloro a cui stanno a cuore le libertà di cui la nostra Costituzione è garante.

Di seguito i fatti.

Militanti di associazioni LGBT si assembrano con manifesti di protesta sul sagrato della Chiesa di San Nicola a Lizzano per boicottare il momento di preghiera comunitaria in difesa della famiglia.

Il parroco chiede l’intervento dei carabinieri per controllare la manifestazione Lgbt non autorizzata all’esterno della chiesa (pienamente nel suo diritto costituzionale).
A sua volta il capogruppo dei manifestanti Lgbt chiama in soccorso il sindaco Antonietta D’Oria. Ed ecco che accade l’impossibile: il primo cittadino invece di invitare i partecipanti alla manifestazione non autorizzata sciogliere le fila e a rispettare la libertà di culto garantita dalla Costituzione, chiede al maresciallo dei Carabinieri di identificare i partecipanti al rito religioso.

I Carabinieri, nel rispetto della Costituzione, dei Patti concordatari e del ruolo che gli compete a difesa della giustizia rifiutano decisamente di sottostare all’assurda richiesta del sindaco.

A questo punto la signora D’Oria emette un comunicato in cui inneggia alla tolleranza e alla Chiesa buona contro la Chiesa cattiva del parroco del suo paese. Insomma sembra che le nuove competenze del sindaco siano quelle di decidere chi sia degno di pregare e chi no, e quale debba essere l’oggetto della preghiera e quale l’oggetto di preghiera vietato e perseguibile.
In un altro paese un comune in cui il sindaco sostiene la violazione delle libertà costituzionali e del Concordato sia con l’invito alle forze dell’ordine di ledere i diritti dei suoi concittadini sia con il comunicato che ha seguito la sua assurda presa di posizione susciterebbe un immediato intervento per il commissariamento.

Noi di Iustitia in Veritate non possiamo rassegnarci a questa deriva e vogliamo lottare con tutte le nostre forze perché la Costituzione sia rispettata e venga fatta rispettare.

Chiediamo a tutte le persone che hanno a cuore le libertà civili di unirsi a quella che ormai sembra una battaglia quotidiana in difesa della nostra dignità di cittadini e di credenti.

Iustitia in Veritate

 

Milano – Corso Venezia 40 [email protected]

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print