ivermectina

 

 

di Sabino Paciolla

 

Un articolo pubblicato su PubMed  ha fatto una meta-analisi del rischio di ventiquattro studi randomizzati controllati, verificando l’efficacia dell’ivermectina, farmaco antiparassitario, con proprietà antivirali e antinfiammatorie, nel ridurre grandemente la mortalità nei casi di COVID-19.

La meta-analisi di 15 studi ha rilevato che l’ivermectina ha ridotto il rischio di morte rispetto all’assenza di ivermectina. Prove a bassa certezza hanno scoperto che la profilassi con ivermectina ha ridotto l’infezione da COVID-19 in media dell’86% (intervallo di confidenza 95% 79%-91%).

Le conclusioni dello studio sono queste: “Prove di moderata certezza rilevano che sono possibili grandi riduzioni dei decessi per COVID-19 utilizzando l’ivermectina. L’uso dell’ivermectina all’inizio del decorso clinico può ridurre il numero [di casi] che progredisce verso una malattia grave. L’apparente sicurezza e il basso costo suggeriscono che è probabile che l’ivermectina abbia un impatto significativo sulla pandemia di SARS-CoV-2 a livello globale.”

Eppure, nonostante guarigioni rapide e miracolose dopo la somministrazione dell’antiparassitario a persone che erano in terapia intensiva con ventilatori, incapaci di respirare da soli, la Ivermectina viene messa da parte dai paesi occidentali per ragioni poco chiare. Basta vedere la mappa dei paesi del mondo dove viene più utilizzata per uso umano. Ma c’è qualche paese che non la pensa così. A gennaio scorso, le autorità sudafricane hanno approvato l’uso dell’ivermectina per curare i pazienti con coronavirus.

Ma arriva un altro studio che porta la firma anche del Premio Nobel Satoshi Ōmura, Ph.D., lo scopritore della ivermectina, che mette in evidenza i chiari ed evidenti benefici clinici  del prodotto antiparassitario nel curare la COVID-19, anche se non si conoscono ad oggi chiaramente tutti i meccanismi che portano a questi ottimi risultati sui malati.

Di seguito vi riporto alcuni stralci della parte finale della ricerca del prof. Satoshi Ōmura.

La concentrazione efficace di ivermectina contro la SARS-CoV-2 in un esperimento in vitro di Caly et al. è di 2 μM; nella pratica clinica, è necessario somministrare decine di volte la dose normale per ottenere una tale concentrazione nel sangue. Pertanto, ci sono opinioni della IDSA e di altri che l’effetto terapeutico del COVID-19 non possa essere atteso dalla somministrazione della dose normale di ivermectina. Tuttavia, nella pratica medica reale, ci sono molti studi che dimostrano che la somministrazione di una dose normale mostra effettivamente una risposta clinica. risposta clinica. Al 27 febbraio 2021, i risultati di 42 studi clinici in tutto il mondo sono stati sottoposti a meta-analisi e hanno concluso che l’ivermectina è efficace nel trattamento e nella prevenzione della COVID-19. Nel Regno Unito, una raccomandazione basata sul consenso di 75 operatori sanitari provenienti da 17 paesi del mondo è stata effettuata e presentata all’OMS per incoraggiare ulteriormente l’emanazione di linee guida per l’uso dell’ivermectina nel trattamento e nella prevenzione della COVID-19. Dobbiamo considerare perché si sta verificando una tale discrepanza.

(…) 

In un esperimento di infezione in vivo condotto presso l’Istituto Pasteur in Francia (…) una significativa diminuzione del rapporto di IL-6/IL-10 nel polmone è stata osservata nel gruppo trattato con ivermectina. È stato suggerito che l’ivermectina potrebbe essere efficace sulla COVID-19 agendo nella regolazione delle reazioni infiammatorie dell’ospite. L’ivermectina ha una struttura macrolide. Come altri composti macrolidi, è nota per esibire azioni estremamente diversificate. La regolazione della risposta infiammatoria dell’ospite è uno di questi diversi effetti.

In Giappone, nel 1994, in anticipo sul resto del mondo, è stato istituito un gruppo di ricerca sulla nuova azione dei macrolidi. È stato fatto allo scopo di chiarire le azioni diverse dall’attività antibatterica dei composti macrolidi, come la claritromicina. E’ stato realizzato l’uso clinico di diversi antibiotici macrolidi efficaci per la gestione e il trattamento dei pazienti con malattia polmonare diffusa (precedentemente designati come malattie refrattarie). (…) Diversi studi sono stati condotti anche per indagare gli effetti inibitori della claritromicina sulla produzione di citochine (nota la tempesta citochinica nella COVID-19, ndr). Uno di questi studi riguarda la soppressione delle reazioni infiammatorie eccessive causate dall’influenza e da altre malattie otorinolaringoiatriche. Prima di questo, effetti come questi che vanno oltre l’attività antibatterica degli antibiotici macrolidi non avrebbero mai potuti essere immaginati. (…) Le reazioni biologiche dei composti macrolidi sono state dimostrate essere estremamente diverse. Anche se alcune sono state chiarite, è difficile stimare quante altre azioni potrebbero non essere state ancora chiarite.

Anche se i risultati degli studi clinici sono stati e continuano ad essere accumulati dimostrando che l’ivermectina è efficace nel trattamento e nella prevenzione della COVID-19, i risultati di base in vitro che possono spiegare ragionevolmente la sua efficacia non sono  stati ancora ottenuti. Si ritiene che un’ampia varietà di attività biologiche esibite dai composti macrolidi, come le azioni sopra menzionate, in più fasi potrebbe eventualmente servire a esercitare un’azione/un effetto globale e più completo. effetto. Anche se deve essere ulteriormente chiarito da studi futuri, l’efficacia clinica può essere determinata

dall’indagine di uno dei seguenti parametri: (1) attività antivirale, (2) inibizione della relazione tra il virus e la cellula ospite e (3) azioni relative alla regolazione delle reazioni dell’ospite. È necessario dimostrare che vengono esercitati altri effetti, e sembra che tali indagini potrebbero essere argomenti di ricerca adatti per ricercatori di base, ricercatori farmacologici e clinici al fine di collaborare e chiarire la situazione.

Quando l’efficacia dell’ivermectina per la pandemia di COVID-19 sarà confermata con la cooperazione dei ricercatori di tutto il mondo e il suo uso clinico sarà realizzato su scala globale, esso potrebbe rivelarsi di grande beneficio per l’umanità. Potrebbe persino rivelarsi paragonabile ai benefici raggiunti dalla scoperta della penicillina, considerata una delle più grandi scoperte del ventesimo secolo. Qui, un altro uso per l’ivermectina, che è stata descritta come farmaco “miracoloso” o medicina delle “meraviglie”, viene aggiunto. La storia ha dimostrato che l’esistenza di tali composti di derivazione naturale con effetti così diversi è estremamente rara.

Tuttavia, per tramandare ai posteri il fatto che l’ivermectina è diventata ampiamente utilizzata per controllare la pandemia di COVID-19 che ha sconvolto il mondo, è necessaria solo una semplice azione: l’aggiunta di una sola parola, COVID-19, alla nona voce (delle 11 elencate) sotto la categoria Antivirale nell’”ivermectina: la futura” sezione del documento delle Nobel Lectures intitolata “Splendido dono dalla Terra”.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email