Nella simulazione che abbiamo tracciato, non solo la NATO viene risucchiata involontariamente nel conflitto, ma la Russia sgancia armi nucleari nella sua disperazione.

Rilancio un articolo scritto da Harry J. Kazianis, direttore degli studi sulla difesa al Center for the National Interest di Washington DC, pubblicato su The Federalist, nella mia traduzione. 

 

esplosione nucleare, guerra nucleare, armi nucleari

 

Perché abbiamo appena ucciso un miliardo di persone?

In soli tre giorni, come ho fatto innumerevoli volte negli ultimi anni, un gruppo di alti funzionari governativi statunitensi passati e presenti di entrambi gli schieramenti si è riunito per scatenare una guerra NATO-Russia in una simulazione alla fine del 2019. Nel corso di quella che abbiamo chiamato la guerra NATO-Russia del 2019, abbiamo stimato un miliardo di morti. E se non stiamo attenti, quello che è successo in una simulazione potrebbe accadere se una guerra NATO-Russia scoppiasse sull’Ucraina.

Infatti, nella simulazione che ho menzionato sopra del 2019, in cui la Russia invade l’Ucraina in un modo simile a quello dell’ultima settimana o giù di lì, non solo la NATO viene risucchiata involontariamente, ma la Russia alla fine sgancia armi nucleari nella sua disperazione. Il risultato è un’escalation finale di armi nucleari più grandi e più pericolose con la perdita di oltre un miliardo di vite.

Ma prima di iniziare a fissare l’abisso, permettetemi di spiegare l’obiettivo di tali simulazioni. La NATO avrebbe chiaramente un enorme vantaggio [con armi] convenzionali in qualsiasi guerra con Mosca, assicurando che in uno scontro diretto Putin perderebbe. Tuttavia, la Russia ha dichiarato più volte che userà le armi nucleari per difendere il suo territorio e il suo regime se si sente minacciata mortalmente. La nostra simulazione sembra sempre chiedere: possiamo mai sconfiggere il presidente russo Vladamir Putin in un conflitto armato sull’Ucraina o sui Baltici e non iniziare una guerra nucleare nel processo?

Finora, in almeno diversi anni, e con almeno 100 diversi partecipanti che hanno tutti idee diverse sulla guerra e sulle fedeltà politiche, la risposta è un secco no.

 

Preparare la scena per la guerra

Lo scenario che il gruppo ha deciso di testare alla fine del 2019 era simile a quello di oggi: La Russia ha deciso di invadere l’Ucraina con la scusa che deve difendere i popoli di lingua russa che vengono “oppressi” dal governo fascista dell’Ucraina. Nel nostro scenario, abbiamo supposto che la Russia si comporti in modo molto più ammirevole di oggi, ma che abbia obiettivi più limitati, nel senso che Mosca voglia collegare la Crimea alle regioni separatiste dell’Ucraina orientale che sono sotto il suo effettivo controllo. Abbiamo supposto che la Russia lo faccia rapidamente, raggiungendo la maggior parte dei suoi obiettivi militari in circa quattro giorni.

Ma l’Ucraina non si arrende così facilmente, proprio come nella vita reale di oggi. Le forze ucraine, dopo aver subito pesanti perdite, montano un impressionante contrattacco, per cui la Russia perde più di 100 carri armati e oltre 2.500 soldati. Le immagini sui social media mostrano le armature russe in fiamme, i jet da combattimento d’élite Su-35 sono abbattuti dai cieli, e le armi stanno affluendo dall’Occidente in massa.

Putin è indignato. Pensava che l’Ucraina si sarebbe semplicemente arresa, ma non tiene conto nel suo calcolo dell’addestramento quasi decennale che Kiev ha ricevuto dagli Stati Uniti e dalla NATO, né del rafforzamento militare dell’Ucraina negli ultimi anni che si è concentrato su questo scenario.

La Russia decide allora che i suoi limitati obiettivi militari sono stati un errore, e che tutta l’Ucraina deve essere “smilitarizzata“. Mosca lancia un massiccio attacco con missili balistici e da crociera, seguito dall’aviazione russa che lancia la propria campagna “shock and awe”, distruggendo la stragrande maggioranza della struttura di comando e controllo dell’Ucraina, l’aviazione, la difesa aerea e le unità corazzate nel processo. Allo stesso tempo, la Russia inizia a portare truppe ai confini dell’Ucraina in quella che sembra un’imminente invasione generale e occupazione dell’intero paese.

 

La scintilla

Qui è dove le cose prendono la piega peggiore. Il sistema di guida di un missile balistico russo fallisce e si schianta sulla Polonia, membro della NATO, uccidendo 34 civili mentre atterra tragicamente in un villaggio popolato lungo il confine tra Polonia e Ucraina. Mentre il missile non era diretto intenzionalmente alla Polonia, le immagini sui social media mostrano bambini che piangono le loro madri e corpi che sono diventati irriconoscibili, e le richieste di giustizia e vendetta aumentano.

A suo credito, la Polonia, che ha la sua storia tormentata con l’Unione Sovietica e la Russia, fa del suo meglio per mostrare moderazione. Pur non rispondendo con il proprio esercito, guida uno sforzo per vedere che Mosca paga un prezzo salato per la sua aggressione in Ucraina e le azioni, anche involontarie, in Polonia. Varsavia guida un boicottaggio diplomatico ed economico di Mosca, con il risultato che la Russia viene cacciata dallo SWIFT e sanzioni dirette sulle banche russe, simili a quelle che vediamo oggi.

Nel nostro scenario, la reazione della Russia è anche rapida. Mosca decide di lanciare un massiccio attacco informatico contro la Polonia, avendo basato guerrieri informatici in tutto il territorio della NATO, utilizzando la loro geografia e i server proxy per mascherare l’origine dell’attacco. La Russia, in sole due ore, mette off-line l’intera rete elettrica della Polonia, il settore bancario, gli impianti energetici e altro – essenzialmente riportando la Polonia all’età della pietra.

Ed è qui che inizia l’incubo. Anche se l’attribuzione è difficile da ottenersi, la Polonia si appella alla NATO e inizia a condividere privatamente il suo desiderio di invocare l’articolo 5 del Trattato della NATO, dichiarando che un attacco a uno è un attacco all’intera alleanza. La NATO è preoccupata, dato che c’è un dibattito su quanto punire la Russia e allo stesso tempo si sente come se non avesse un chiaro obiettivo militare tra gli stati membri, dato che alcuni vogliono rispondere a ciò che è successo alla Polonia mentre altri sentono di dover intervenire militarmente in Ucraina.

 

La risposta

Qui è dove la NATO sorprende tutti. L’alleanza decide di istituire una no-fly zone limitata intorno alla città ucraina di Lviv per proteggere i civili innocenti e i rifugiati che sono intrappolati e non hanno un posto dove andare. La Russia è avvertita: La NATO non interviene nel conflitto, ma farà in modo che i suoi aerei e lo spazio aereo intorno a Lviv siano protetti. La NATO chiarisce che i suoi jet saranno nei cieli sopra l’Ucraina, ma non opereranno dal territorio ucraino.

A Mosca, Putin ora ha la sensazione che la NATO sia destinata a intervenire dalla parte dell’Ucraina. La Russia teme che la NATO userà questo corridoio protetto come base operativa per inviare armi sempre più sofisticate. E con la sua economia ora a picco a causa delle sanzioni, Putin sente i muri chiudersi su di lui. Prima che la NATO possa imporre la sua no-fly zone, Putin ordina di colpire tutti i rimanenti campi d’aviazione e le risorse militari intorno a Lviv.

Ma è qui che Putin sbaglia i calcoli e pone le basi per una guerra NATO-Russia. Putin ordina un altro massiccio attacco informatico alle infrastrutture militari degli stati baltici, pensando che la NATO userà i Baltici per mettere in scena un’invasione della Russia.

Questo finisce per essere l’ultima goccia per la NATO, che poi decide che un intervento diretto in Ucraina è necessario per respingere l’aggressione russa. Prima ancora che venga fatto un annuncio, l’intelligence russa vede movimenti di missili e truppe che indicano un imminente attacco della NATO e decide di colpire per prima – con armi nucleari tattiche. La NATO decide di rispondere a sua volta.

La Russia prende poi di mira le città europee con armi nucleari, e la NATO e l’America rispondono a loro volta. Ciò che rimane non è altro che un’apocalisse, con quello che si stima sia un miliardo di morti.

 

Nessuna guerra va come previsto

In ogni scenario di cui ho fatto parte c’è un tema comune a tutti loro: Quando Vladimir Putin si sente in trappola e sente che la Russia è direttamente minacciata, di solito da un errore che fa sul campo di battaglia, decide di usare qualsiasi passo di escalation che desidera per cercare di rimediare.

Mentre potremmo presto vedere l’Ucraina e la Russia trovare un percorso diplomatico per uscire da questa guerra brutale, entrambe le parti sembrano trincerate. Ciò significa che le possibilità di un’escalation come quella di cui sopra sono alte. E se la Russia e la NATO vengono coinvolte in un conflitto diretto, Putin sa che in una lotta convenzionale il suo regime sarebbe sconfitto. Ciò significa che la Russia sceglierà la guerra nucleare.

L’unica domanda in una guerra NATO-Russia sembra ovvia: quanti milioni o miliardi di persone morirebbero?

 

 

Harry J. Kazianis è direttore degli studi sulla difesa al Center for the National Interest di Washington DC e redattore esecutivo del loro braccio editoriale, The National Interest. Le opinioni espresse in questo articolo sono sue.

 

Facebook Comments