1

L’infezione naturale da SARS-CoV-2 probabilmente induce la produzione di anticorpi contro il virus per la maggior parte della vita.

Una scoperta di alcuni scienziati pubblicata sulla prestigiosa rivista Nature suggerisce che le persone che sono guarite dal COVID-19 produrranno anticorpi contro il virus per la maggior parte della loro vita grazie alle cellule produttrici di anticorpi di lunga durata che si trovano nel midollo osseo. L’immunologo Menno van Zelm fa delle “implicazioni”, attenzione, solo “implicazioni”, che la stessa cosa possa avvenire con i vaccini. La ricerca, infatti, riguarda l’infezione naturale.

Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Una plasmacellula del midollo osseo (colorata artificialmente). Tali cellule, che producono anticorpi, permangono per mesi nei corpi delle persone che sono guarite dalla COVID-19. Credit: Dr Gopal Murti/Science Photo Library
Una plasmacellula del midollo osseo (colorata artificialmente). Tali cellule, che producono anticorpi, permangono per mesi nei corpi delle persone che sono guarite dalla COVID-19. Credit: Dr Gopal Murti/Science Photo Library

 

Molte persone che sono state infettate dalla SARS-CoV-2 probabilmente produrranno anticorpi contro il virus per la maggior parte della loro vita. Così suggeriscono i ricercatori che hanno identificato cellule produttrici di anticorpi di lunga durata nel midollo osseo di persone che sono guarite dal COVID-19 (1).

Lo studio fornisce la prova che l’immunità innescata dall’infezione da SARS-CoV-2 sarà straordinariamente duratura. Aggiungendo alla buona notizia, “le implicazioni sono che i vaccini avranno lo stesso effetto duraturo” (attenzione, “implicazioni” logiche, non una prova, ndr), , dice Menno van Zelm, un immunologo della Monash University di Melbourne, Australia.

Gli anticorpi – proteine che possono riconoscere e aiutare a inattivare le particelle virali – sono una difesa immunitaria chiave. Dopo una nuova infezione, le cellule a vita breve chiamate plasmablasti sono una fonte iniziale di anticorpi.

Ma queste cellule si ritirano subito dopo che il virus è stato eliminato dal corpo, e altre cellule più durature producono anticorpi: le cellule B della memoria pattugliano il sangue per la reinfezione, mentre le plasmacellule del midollo osseo (BMPC) si nascondono nelle ossa, producendo anticorpi per decenni.

“Una plasmacellula è la nostra storia di vita, in termini di patogeni a cui siamo stati esposti”, dice Ali Ellebedy, un immunologo delle cellule B alla Washington University di St. Louis, Missouri, che ha guidato lo studio, pubblicato su Nature il 24 maggio.

I ricercatori presumevano che l’infezione da SARS-CoV-2 avrebbe innescato lo sviluppo delle BMPC – quasi tutte le infezioni virali lo fanno – ma ci sono stati segnali che il COVID-19 grave potrebbe interrompere la formazione delle cellule (2). Anche alcuni dei primi studi sull’immunità da COVID-19 hanno alimentato le preoccupazioni, quando hanno scoperto che i livelli di anticorpi crollavano non molto tempo dopo il recupero (3).

Il team di Ellebedy ha monitorato la produzione di anticorpi in 77 persone che erano guarite da casi per lo più lievi di COVID-19. Come previsto, gli anticorpi della SARS-CoV-2 sono crollati nei quattro mesi successivi all’infezione. Ma questo declino è rallentato, e fino a 11 mesi dopo l’infezione, i ricercatori potevano ancora rilevare anticorpi che riconoscevano la proteina spike della SARS-CoV-2.

Per identificare la fonte degli anticorpi, il team di Ellebedy ha raccolto cellule B di memoria e midollo osseo da un sottogruppo di partecipanti. Sette mesi dopo aver sviluppato i sintomi, la maggior parte di questi partecipanti aveva ancora cellule B di memoria che riconoscevano la SARS-CoV-2. In 15 dei 18 campioni di midollo osseo, gli scienziati hanno trovato popolazioni ultra-basse ma rilevabili di BMPC la cui formazione era stata innescata dalle infezioni da coronavirus degli individui 7-8 mesi prima. I livelli di queste cellule erano stabili in tutte e cinque le persone che hanno dato un altro campione di midollo osseo diversi mesi dopo.

“Questa è un’osservazione molto importante”, date le affermazioni sulla diminuzione degli anticorpi contro la SARS-CoV-2, dice Rafi Ahmed, un immunologo della Emory University di Atlanta, Georgia, il cui team ha scoperto le cellule alla fine degli anni ’90. Quello che non è chiaro è come saranno i livelli di anticorpi a lungo termine e se offrono una protezione, aggiunge Ahmed. “Siamo all’inizio del gioco. Non stiamo guardando a cinque anni, dieci anni dopo l’infezione”.

Il team di Ellebedy ha osservato i primi segni che il vaccino mRNA di Pfizer dovrebbe innescare la produzione delle stesse cellule 4(). Ma la persistenza della produzione di anticorpi, che sia suscitata dalla vaccinazione o dall’infezione, non assicura un’immunità duratura al COVID-19. La capacità di alcune varianti emergenti di SARS-CoV-2 di smussare gli effetti protettivi degli anticorpi significa che potrebbero essere necessarie ulteriori vaccinazioni per ripristinare i livelli, dice Ellebedy. “La mia presunzione è che avremo bisogno di un richiamo”.