L’infanzia sessualizzata è la prossima frontiera della rivoluzione sessuale.

“E se la rivoluzione sessuale non fosse finita nemmeno a metà? I rivoluzionari della sessualità hanno avuto molte vittorie dagli anni ’60, ma non hanno ancora realizzato le loro più grandi ambizioni. Promuovere la sessualità infantile li porterà più vicini al loro obiettivo.”

Un articolo di Scott Yenor,  pubblicato su The First Thing, nella mia traduzione. 

 

E se la rivoluzione sessuale non fosse finita nemmeno a metà? I rivoluzionari della sessualità hanno avuto molte vittorie dagli anni ’60, ma non hanno ancora realizzato le loro più grandi ambizioni. Promuovere la sessualità infantile li porterà più vicini al loro obiettivo.

I rivoluzionari della sessualità negli anni ’60 speravano di raggiungere la liberazione totale minando le istituzioni e i comportamenti che “reprimevano la sessualità”. In un’atmosfera libera dalla repressione, credevano che tutte le espressioni della sessualità sarebbero state benedette, mentre coloro che insegnavano che c’era un modo giusto e uno sbagliato di fare sesso sarebbero stati stigmatizzati come puritani o peggio.  

Eppure la fine della repressione è ancora lontana. I rivoluzionari speravano di vedere il matrimonio appassire sulla vite, ma la maggior parte degli americani si sposa ancora, e la maggior parte dei matrimoni dura una vita. I rivoluzionari hanno ottenuto l’accettazione pubblica dell’omosessualità e poi del matrimonio tra persone dello stesso sesso, ma il numero di omosessuali praticanti non è salito alle stelle. I rivoluzionari speravano di liberare il sesso da relazioni durature, ma la perversione polimorfa non è ancora diventata la norma americana. I rivoluzionari hanno anche sovvertito l’insegnamento morale e sessuale del loro più grande nemico, la fede cristiana, ma la maggior parte delle chiese continuano a porre dei limiti al comportamento sessuale. Le cose potrebbero andare peggio. 

I conservatori spesso sostengono che la rivoluzione sessuale incontrerà “limiti naturali”. Forse il principale limite naturale è il rispetto per l’innocenza sessuale dei bambini. La nostra società si è opposta a lungo a pensare ai bambini come oggetti sessuali o esseri sessuali, e raramente ha incoraggiato i bambini stessi a impegnarsi in giochi ed esplorazioni sessuali. L’infanzia è il momento di coltivare l’autocontrollo, di incoraggiare la modestia sessuale e di trasformare la vergogna in virtù sessuale. Facciamo rispettare questo limite con le leggi sull’età del consenso (la maggiore età, ndr) e con le leggi contro la pornografia infantile.  

Ma i rivoluzionari della sessualità non rispettano questo limite “naturale”. Infatti, i rivoluzionari della sessualità considerano i bambini come esseri sessuali con desideri sessuali che bramano l’appagamento. I leader della rivoluzione sessuale pensavano che la società cristiana e borghese sarebbe crollata se i bambini fossero cresciuti in un ambiente “sessualmente positivo” senza “repressione”. Per Wilhelm Reich, autore di Sexual Revolution, “l’astinenza per i bambini” è “patologica e causa il caos stesso che si sente chiamato a dominare”. In Eros e Civiltà, Herbert Marcuse ha dichiarato di sperare che la rivoluzione possa “erotizzare zone, tempi e relazioni precedentemente tabù”, come l’infanzia. L’influente Alfred Kinsey pensava che la distinzione tra la sessualità infantile e quella adulta sarebbe scomparsa in una società veramente non oppressiva.  

Per i rivoluzionari, la mancata sessualizzazione dell’infanzia spiega perché la rivoluzione sessuale non è progredita ulteriormente. Pertanto, molti stanno adottando un nuovo genere di educazione sessuale completa che inizia prima e incoraggia l’attività sessuale vera e propria. I rivoluzionari spacciano l’educazione sessuale precoce sotto la bandiera relativamente moderata di arrestare la gravidanza, prevenire gli abusi e fermare le malattie sessualmente trasmissibili. Il loro obiettivo finale è che le istituzioni pubbliche normalizzino il trattamento dei bambini come esseri sessuali. L’educazione sessuale precoce, sperano, influenzerà le abitudini e gli affetti dei bambini e influenzerà le loro azioni e i loro atteggiamenti.  

I nostri giganti della tecnologia incoraggiano la sessualità infantile. Il recente Cuties di Netflix possono fare per la sessualità infantile quello che Will e Grace hanno fatto per il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Chi può dimenticare “Desmond is Amazing” (qui e qui), la storia di un drag queen undicenne? I pubblicitari hanno abbandonato da tempo l’idea che i preadolescenti siano sessualmente innocenti.  

E le leggi sull’età del consenso stanno cambiando. La California è leader. Mentre rimane un crimine, per esempio, per un diciottenne fare sesso con un dodicenne, i giudici possono ora definire tale sesso volontario ma non consensuale e abbassare la pena per il colpevole (purché il divario di età sia di dieci anni o meno). Così, il sostegno legale per il mantenimento dell’innocenza sessuale dei bambini si sta erodendo. Presto le leggi sull’età del consenso cadranno nel disuso, proprio come le precedenti forme di regolamentazione sessuale.  

La piattaforma democratica 2020 sostiene “un’educazione sessuale accurata dal punto di vista medico, LGBTQ+ inclusiva e adeguata all’età”. A Boise, la task force del sindaco per la costruzione di una città più equa mira a “stabilire l’educazione sessuale al livello asilo-12° livello”. Questo sta accadendo in tutto il paese. Il sito web della campagna di Biden promette di perseguire un’educazione in età prescolare universale per tutti i bambini americani di tre e quattro anni. Questo includerà l’educazione sessuale? Più della metà degli stati richiede l’educazione sessuale nella scuola materna. Anche i consigli di amministrazione statali per l’istruzione sono favorevoli a questo tipo di approccio. 

La nuova educazione sessuale completa enfatizza la tolleranza per la fluidità sessuale e gli stili di vita alternativi. Come dice uno scrittore, istruisce i bambini sul “piacere sessuale, il loro corpo sessuale nascente e l’intimità sessuale”. I bambini possono imparare a conoscere il consenso praticando l’intimità sessuale alle elementari, come hanno fatto in Germania. Poiché le scuole adottano un’educazione sessuale precoce, l’intimità sessuale sarà insegnata prima e l’esplorazione del corpo passerà da scoraggiata, a facoltativa, a incoraggiata. Se i bambini sono per natura esseri sessuali, aspettatevi che la loro natura sessuale venga rivelata sempre prima: Se i bambini sono per natura sessuali, i rivoluzionari non potranno mai dire “è troppo presto”.  

Molti genitori sono disgustati dall’educazione sessuale della prima infanzia. Ma molti hanno anche rinunciato in gran parte al loro ruolo di genitori, confidando che gli esperti indottrinino i loro figli. I genitori oggi sono essi stessi prodotti della rivoluzione sessuale e probabilmente vedono meno ragioni per proteggere i bambini rispetto ai loro predecessori. Di conseguenza, la resistenza a questo nuovo genere di educazione sessuale non sarà più quella di una volta.  

I bambini sessualizzati, spogliati del senso di vergogna e incoraggiati ad essere sessualmente fluidi, avranno meno probabilità di sostenere il matrimonio e la genitorialità responsabile. Il sesso sarà ulteriormente distaccato dal matrimonio. Stili di vita alternativi e il sostegno alla pedofilia diventeranno più comuni, e la pornografia più diffusa. L’autocontrollo sessuale sarà meno comune. 

L’infanzia sessualizzata è la prossima frontiera della rivoluzione sessuale. Si presenta con la veste di una pecora della prevenzione della gravidanza e di stili di vita sani, ma è un lupo. Promette di disordinare i rapporti sessuali umani e di minare ciò che resta della nostra etica coniugale e familiare e di sovvertire la civiltà stessa.  

 

Scott Yenor è l’autore de Il recupero della vita familiare: Esporre i limiti delle ideologie moderne.