In questo periodo così critico occorre ascoltare tutte le voci, comprese quelle russe che vengono censurate a motivo della guerra in Ucraina. La censura di queste voci non aiuta il dialogo ed il raggiungimento della pace in quel martoriato paese. Come abbiamo già fatto altre volte per altri personaggi, rilancio oggi alcuni brani del discorso che il Ministro degli esteri russo, Sergey Lavrov, ha pronunciato il 24 aprile scorso durante la 9308esima riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite con all’ordine del giorno “Mantenimento della pace e della sicurezza internazionale, multilateralismo efficace attraverso la protezione dei principi della Carta delle Nazioni Unite”. I brani sono stati scelti dal giornalista Pepe Escobar e pubblicati su ZeroHedge. La trascrizione completa del discorso la potete trovare qui, sul Substack di Igor Chudov. Ecco i brani nella mia traduzione. 

 

 

O la nostra strada o l’autostrada. Quell'”ordine basato sulle regole”:

“Il sistema ONU-centrico sta attraversando una profonda crisi. La causa principale è stato il desiderio di alcuni membri della nostra organizzazione di sostituire il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite con una sorta di “ordine basato sulle regole”. Nessuno ha visto queste “regole”, non sono state oggetto di negoziati internazionali trasparenti. Sono inventate e utilizzate per contrastare i processi naturali di formazione di nuovi centri di sviluppo indipendenti, che sono una manifestazione oggettiva del multilateralismo. Si cerca di contenerli con misure unilaterali illegittime, tra cui l’interruzione dell’accesso alle moderne tecnologie e ai servizi finanziari, l’estromissione dalle catene di approvvigionamento, la confisca delle proprietà, la distruzione delle infrastrutture critiche dei concorrenti e la manipolazione di norme e procedure universalmente concordate. Il risultato è la frammentazione del commercio mondiale, il collasso dei meccanismi di mercato, la paralisi dell’OMC e la definitiva, già senza maschera, trasformazione del FMI in uno strumento per raggiungere gli obiettivi degli Stati Uniti e dei suoi alleati, compresi quelli militari”.

 

Distruggere la globalizzazione:

“Nel disperato tentativo di affermare il proprio dominio punendo i disobbedienti, gli Stati Uniti hanno continuato a distruggere la globalizzazione, che per molti anni è stata esaltata come il bene più alto di tutta l’umanità, al servizio del sistema multilaterale dell’economia mondiale. Washington e il resto dell’Occidente, che si è sottomesso ad essa, usano le loro “regole” ogni volta che è necessario per giustificare passi illegittimi contro coloro che costruiscono le loro politiche in conformità con il diritto internazionale e rifiutano di seguire gli interessi egoistici del “miliardo d’oro”. I dissidenti vengono messi nella lista nera secondo il principio: “Chi non è con noi è contro di noi”. Per i nostri colleghi occidentali è stato a lungo “scomodo” negoziare in format universali, come l’ONU. Per giustificare ideologicamente la politica di indebolimento del multilateralismo, è stato introdotto il tema dell’unità delle “democrazie” in opposizione alle “autocrazie”. Oltre ai “vertici per la democrazia”, la cui composizione è determinata dall’autoproclamato egemone, si stanno creando altri “club delle élite”, aggirando le Nazioni Unite”.

 

“Giardino” vs. “Giungla”:

“Chiamiamo le cose con il loro nome: nessuno ha permesso alla minoranza occidentale di parlare a nome di tutta l’umanità. È necessario comportarsi con decenza e rispettare tutti i membri della comunità internazionale. Imponendo un “ordine basato su regole”, i suoi autori rifiutano con arroganza un principio chiave della Carta delle Nazioni Unite: l’uguaglianza sovrana degli Stati. La quintessenza del “complesso di esclusività” è stata la dichiarazione “orgogliosa” del capo della diplomazia dell’UE, Josep Borrell, secondo cui “l’Europa è il giardino dell’Eden e il resto del mondo è una giungla”. Citerò anche la dichiarazione congiunta NATO-UE del 10 gennaio di quest’anno, in cui si afferma che l'”Occidente unito” utilizzerà tutti gli strumenti economici, finanziari, politici e – presto particolare attenzione – militari a disposizione della NATO e dell’UE per garantire gli interessi del “nostro miliardo”.

 

La “linea di difesa” della NATO:

“Al vertice dello scorso anno a Madrid, la NATO, che ha sempre convinto tutti della sua ‘pacificità’ e della natura esclusivamente difensiva dei suoi programmi militari, ha dichiarato la ‘responsabilità globale’, la ‘indivisibilità della sicurezza’ nella regione euro-atlantica e nella cosiddetta regione indo-pacifica. In altre parole, ora la “linea di difesa” della NATO (come Alleanza difensiva) si sta spostando sulle sponde occidentali dell’Oceano Pacifico. Gli approcci di blocco che minano il multilateralismo centrato sull’ASEAN si manifestano nella creazione dell’alleanza militare AUKUS, in cui vengono spinti Tokyo, Seul e alcuni Paesi dell’ASEAN. Sotto gli auspici degli Stati Uniti, si stanno creando meccanismi per intervenire nelle questioni di sicurezza marittima con l’obiettivo di garantire gli interessi unilaterali dell’Occidente nel Mar Cinese Meridionale. Josep Borrell, che ho già citato oggi, ha promesso ieri di inviare forze navali dell’UE nella regione. Non si nasconde che l’obiettivo delle “strategie indo-pacifiche” è contenere la RPC e isolare la Russia. È così che i nostri colleghi occidentali intendono il ‘multilateralismo efficace’ nella regione Asia-Pacifico”.

 

“Promuovere la democrazia”:

“Dalla Seconda guerra mondiale, ci sono state decine di avventure militari criminali da parte di Washington – senza alcun tentativo di ottenere una legittimità multilaterale. Perché, se esistono ‘regole’ sconosciute a tutti? La vergognosa invasione dell’Iraq da parte della coalizione guidata dagli Stati Uniti nel 2003 è stata condotta in violazione della Carta delle Nazioni Unite, così come l’aggressione alla Libia nel 2011. Una grave violazione della Carta delle Nazioni Unite è stata l’interferenza degli Stati Uniti negli affari degli Stati post-sovietici. Sono state organizzate “rivoluzioni colorate” in Georgia e Kirghizistan, un sanguinoso colpo di Stato a Kiev nel febbraio 2014 e tentativi di prendere il potere con la forza in Bielorussia nel 2020. Gli anglosassoni, che guidano con sicurezza l’intero Occidente, non solo giustificano tutte queste avventure criminali, ma sbandierano anche la loro linea di “promozione della democrazia”. Ma ancora una volta, secondo le sue “regole”: Kosovo – riconoscere l’indipendenza senza alcun referendum; Crimea – non riconoscere (anche se c’è stato un referendum); non toccare le Falkland/Malvinas, perché lì c’è stato un referendum (come ha detto recentemente il ministro degli Esteri britannico John Cleverly). È divertente”.

 

La geopolitica della “questione ucraina”:

“Oggi tutti capiscono, anche se non tutti ne parlano ad alta voce: non si tratta affatto dell’Ucraina, ma di come si costruiranno ulteriormente le relazioni internazionali: attraverso la formazione di un consenso stabile basato su un equilibrio di interessi – o attraverso la promozione aggressiva ed esplosiva dell’egemonia. È impossibile considerare la “questione ucraina” separatamente dal contesto geopolitico. Il multilateralismo presuppone il rispetto della Carta delle Nazioni Unite in tutta l’interconnessione dei suoi principi, come già detto. La Russia ha spiegato chiaramente i compiti che persegue nell’ambito di un’operazione militare speciale: eliminare le minacce alla nostra sicurezza create dai membri della NATO direttamente ai nostri confini e proteggere le persone che sono state private dei loro diritti proclamati dalle convenzioni multilaterali, per proteggerle dalle minacce dirette di sterminio e di espulsione dai territori in cui i loro antenati hanno vissuto per secoli dichiarate pubblicamente dal regime di Kiev. Abbiamo detto onestamente per cosa e per chi stiamo combattendo”.

 

Il Sud globale reagisce:

“Il vero multilateralismo nella fase attuale richiede che le Nazioni Unite si adattino alle tendenze oggettive nella formazione di un’architettura multipolare delle relazioni internazionali. La riforma del Consiglio di Sicurezza deve essere accelerata aumentando la rappresentanza dei Paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina. L’attuale scandalosa sovrarappresentazione dell’Occidente in questo principale organo delle Nazioni Unite mina il multilateralismo. Su iniziativa del Venezuela, è stato creato il Gruppo di amici in difesa della Carta delle Nazioni Unite. Chiediamo a tutti gli Stati che rispettano la Carta di aderirvi. È inoltre importante sfruttare il potenziale costruttivo dei BRICS e della SCO. L’UEEA, la CSI e la CSTO sono pronte a contribuire. Siamo favorevoli a utilizzare l’iniziativa delle posizioni delle associazioni regionali dei Paesi del Sud globale. Anche il Gruppo dei Venti può svolgere un ruolo utile per mantenere il multilateralismo se i partecipanti occidentali smettono di distrarre i loro colleghi dalle questioni di attualità all’ordine del giorno, nella speranza di mettere in sordina il tema della loro responsabilità nell’accumulo di fenomeni di crisi nell’economia mondiale”.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments