Dai documenti Pfizer desecretati che la FDA (l’ente americano che autorizza la commercializzazione dei farmaci) è stata costretta a rendere pubblici per ordine di un giudice vengono fuori interessanti informazioni che mai avremmo saputo se non fosse stato per l’azione di avvocati che hanno intrapreso la causa di accesso agli atti. Come le informazioni che seguono contenute in un articolo pubblicato su substack da un autore sotto pseudonimo, The Nake Emperor. Ve lo propongo nella mia traduzione.

 

A bottle of BioNTech-Pfizer Covid-19 vaccine is placed on the table in the Metropolishalle at Filmpark Babelsberg’s newly opened Corona Vaccination Center in Potsdam, Germany, Tuesday, Jan. 5, 2021. (Soeren Stache/POOL via AP)

 

Il prossimo lotto dei dati di Pfizer che sarà desecretato è previsto a breve. Si tratta di documenti che la FDA aveva chiesto di rendere pubblici nel corso di 75 anni, ma che un giudice federale ha ordinato di rendere pubblici entro la fine di quest’anno. Tuttavia, per una qualche ragione un documento solitario è stato pubblicato il 24 marzo. Questo documento era una richiesta di Pfizer per la revisione prioritaria, cioè stavano cercando di ottenere la licenza del vaccino nel maggio 2021.

Un certo numero di cose interessanti sono saltate fuori da questo documento. In primo luogo a pagina 8, guardando i dati sulla sicurezza della fase 1, si dice:

“La reattogenicità e gli AE [eventi avversi] sono stati generalmente più lievi e meno frequenti nei partecipanti del gruppo più anziano rispetto al gruppo più giovane e nel complesso tendevano ad aumentare con l’aumentare della dose di BNT162b2 (vaccino Pfizer, ndr)”.

Sicuramente quindi, con un vaccino che sta producendo reazioni ed eventi avversi più frequenti e più gravi negli individui più giovani, il vaccino avrebbe dovuto essere limitato a coloro che erano effettivamente a rischio di grave COVID-19.

Subito dopo questa frase, si dice:

“Le valutazioni cliniche di laboratorio hanno mostrato una diminuzione transitoria dei linfociti che è stata osservata in tutti i gruppi di età e di dose dopo la Dose 1, che si è risolta entro circa 1 settimana, non sono stati associati a qualsiasi altra sequela clinica, e non sono stati considerati clinicamente rilevanti.

I vaccini a base di acido ribonucleico (RNA) sono noti per indurre l’interferone di tipo I, e gli interferoni di tipo I regolano il ricircolo dei linfociti e sono associati alla migrazione transitoria e/o alla ridistribuzione dei linfociti.11 Questo rapido rimbalzo dei linfociti conferma che i linfociti non vengono esauriti, ma migrano temporaneamente fuori dal sangue periferico, e successivamente rientrano nel flusso sanguigno al momento della valutazione successiva.

La diminuzione dei linfociti per una settimana, che sono migrati fuori dal flusso sanguigno, suggerisce che c’è qualche disregolazione immunitaria in corso. Questo potrebbe aumentare il rischio di infezione, compreso il rischio di prendere la SARS-CoV-2.

Molti paesi hanno mostrato un grande aumento delle infezioni nelle prime settimane dopo la vaccinazione. Ciò è stato liquidato come una coincidenza, ma è la linfopenia la causa? Gli studi della Pfizer hanno mostrato che ci sono stati più casi sospetti di COVID-19 entro i primi 7 giorni dalla vaccinazione.

“I casi sospetti di COVID-19 che si sono verificati entro 7 giorni dopo qualsiasi vaccinazione erano 409 nel gruppo del vaccino contro 287 nel gruppo placebo. È possibile che lo squilibrio nei casi sospetti di COVID-19 che si verificano nei 7 giorni post-vaccinazione rappresenti la reattogenicità del vaccino con sintomi che si sovrappongono a quelli della COVID-19.”

Si potrebbe avere il miglior vaccino del mondo, ma se aumenta la possibilità di prendere la malattia prima di essere protetti da essa, allora è davvero il miglior vaccino del mondo? Sicuramente non dovrebbe essere obbligatorio.

Come molti di noi hanno detto durante tutta la pandemia, la vaccinazione di massa quando i casi sono alti è una ricetta per il disastro. Combinate questo con la de-regolazione del sistema immunitario delle persone e state gettando benzina sul fuoco e alimentando le fiamme allo stesso tempo.

***

La successiva area di interesse nel documento riguarda l’efficacia e in particolare l’efficacia contro la malattia grave.

In primo luogo, Pfizer ha esaminato l’efficacia del vaccino contro la COVID-19 grave secondo la definizione dell’FDA che si verifica almeno 7 giorni dopo la dose 2. Hanno concluso che questa era del 95,3%.

“Tra i partecipanti senza evidenza di infezione da SARS-CoV-2 prima e durante il regime di vaccinazione (popolazione con efficacia valutabile), la VE (efficacia del vaccino, ndr) stimata contro la COVID-19 grave come definita dalla FDA (definizione del protocollo) che si è verificata almeno 7 giorni dopo la dose 2 è stata del 95,3% (2-sided 95% CI: 71,0%, 99,9%), con 1 e 21 casi nei gruppi BNT162b2 (vaccino Pfizer, ndr) e placebo, rispettivamente.

Allo stesso modo, la VE stimata era anche 95,3% (2-sided 95% CI: 70,9%, 99,9%) tra i partecipanti con o senza evidenza di infezione SARS-CoV-2, anche con 1 e 21 casi nei gruppi BNT162b2 e placebo, rispettivamente.”

Tuttavia, si noti che divide i gruppi in quelli senza evidenza di infezione da SARS-CoV-2 prima e durante il regime di vaccinazione e quelli con o senza evidenza. Quindi, togliendo i numeri dal gruppo ”senza”, possiamo lavorare sui numeri del gruppo ”con”.

In questo caso è molto facile perché i numeri sono identici (1 e 21 casi senza evidenza e 1 e 21 casi con e senza evidenza di infezione). Quindi, ci sono stati 0 (zero) casi di malattia grave nei partecipanti al trial con evidenza di infezione da SARS-CoV-2 prima e durante il regime di vaccinazione.

La stessa cosa è successa quando hanno guardato l’efficacia stimata del vaccino contro la COVID-19 grave come definita dal CDC che si è verificata almeno 7 giorni dopo la Dose 2.

“Tra i partecipanti senza evidenza di infezione da SARS-CoV-2 prima e durante il regime di vaccinazione (popolazione con efficacia valutabile), la VE stimata contro la COVID-19 grave definita dai CDC che si è verificata almeno 7 giorni dopo la Dose 2 è stata del 100,0% (2-sided 95% CI: 88,1%, 100,0%), con 0 (zero) e 32 casi nei gruppi BNT162b2 e placebo, rispettivamente.

Allo stesso modo, il VE stimato era anche 100,0% (2-sided 95% CI: 88,0%, 100,0%) tra i partecipanti con o senza evidenza di infezione da SARS-CoV-2 prima e durante il regime di vaccinazione, anche con 0 e 32 casi nei gruppi BNT162b2 e placebo, rispettivamente.

Questa volta, nel gruppo senza evidenza di infezione ci sono stati 0 casi con malattia grave nel gruppo del vaccino e 32 nel gruppo del placebo. Nel gruppo con e senza infezione è rimasto lo stesso, 0 e 32, il che significa che il gruppo con evidenza di SARS-CoV-2 ha avuto 0 casi in entrambi i gruppi vaccino e placebo.

Quindi, per gli individui con evidenza di infezione da SARS-CoV-2 prima e durante il regime di vaccinazione ci sono stati 0 casi di malattia grave, qualunque sia la definizione usata. Sicuramente questo dimostra che l’immunità naturale ha fatto ciò che sa fare meglio e ha protetto questi individui dalla malattia grave.

Se gli studi della Pfizer hanno dimostrato che l’immunità naturale proteggeva le persone da malattie gravi, allora perché l’immunità naturale era un argomento così tabù? E perché le persone che erano state precedentemente infettate non sono state avvisate che la vaccinazione non era necessaria? La risposta cinica è che gli studi hanno dimostrato che queste persone non avrebbero avuto malattie gravi e quindi avrebbero fatto apparire le statistiche migliori per quanto riguarda l’efficacia del vaccino nel mondo reale.

 

 

Facebook Comments