Rilancio un articolo di Joe Wang, Ph.D., già scienziato capo del progetto del vaccino SARS di Sanofi Pasteur nel 2003, che parla della gaffe fatta dal CDC quando in un numero della collana di aggiornamento della pandemia in USA ha rivelato una verità importante, che limmunità naturale è quella che fornisce la migliore protezione, anche rispetto al vaccino. Resosi conto di quanto fatto, negli altri numeri non ha più parlato dell’immunità naturale. 

L’articolo è apparso su The Epoch Times e ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

The Centers for Disease Control and Prevention, Atlanta. (AP Photo/John Bazemore)
The Centers for Disease Control and Prevention, Atlanta. (AP Photo/John Bazemore)

 

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) è uno dei principali componenti operativi del governo degli Stati Uniti, un’agenzia sotto il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani.

La dichiarazione di missione del CDC recita: “Il CDC aumenta la sicurezza sanitaria della nostra nazione. … CDC salva le vite e protegge le persone dalle minacce alla salute”.

L’agenzia si impegna anche nei confronti del popolo americano a “basare tutte le decisioni di salute pubblica su dati scientifici di altissima qualità, derivati in modo aperto e oggettivo”.

Bene, la COVID-19 è stata la più grande minaccia per la salute della nazione negli ultimi due anni. Ha avuto un enorme impatto sulla vita di ogni americano. Durante questi due anni, migliaia di scienziati e ricercatori sanitari hanno studiato la COVID e hanno accumulato un’enorme quantità di informazioni sulla malattia.

Siamo arrivati gradualmente a capire che la forza più efficace per porre fine alla pandemia è l’immunità naturale. Persino Bill Gates ha ammesso che “il virus stesso, in particolare la variante chiamata Omicron, è un tipo di vaccino“. Con la rapida diffusione di Omicron e con molte infezioni asintomatiche, milioni di persone hanno sviluppato un’immunità naturale, che sta portando la COVID-19 fuori dal suo stadio pandemico e verso l’endemicità.

Con il suo budget annuale di 15,4 miliardi di dollari, si potrebbe pensare che il CDC avrebbe fatto un buon lavoro fornendo ai contribuenti i dati sulla COVID-19. Se la ricerca all’avanguardia è troppo impegnativa per il CDC, avrebbero almeno dovuto fornire al pubblico i dati di sorveglianza di base, come ad esempio:

Chi è stato infettato dalla SARS-CoV-2, quando, quale variante e quali erano i sintomi?
Chi è stato vaccinato, con quale vaccino, quando, e ci sono stati effetti collaterali?
Chi è stato vaccinato, si è infettato, quando ed è guarito?
Chi non è mai stato vaccinato e non si è mai infettato (mai testato o mai risultato positivo)?

Il Morbidity and Mortality Weekly Report (MMWR) del CDC pubblicato il 28 gennaio ha presentato alcune informazioni molto interessanti dalla California e da New York, confrontando l’immunità contro la COVID-19 di quattro gruppi di persone, indicando che la sola immunità naturale fornisce la migliore protezione.

Da allora, ho aspettato con ansia altri dati, dato che ci sono altri 48 stati, e anche per la California e New York, dati importanti come questo dovrebbero essere aggiornati mensilmente, se non settimanalmente.

Con mia sorpresa e delusione, non sono stato in grado di trovare altri dati sull’immunità naturale dal MMWR dal 28 gennaio. Sono sicuro che hanno i dati – solo che non vogliono condividerli con noi.

Sto cominciando a chiedermi se CDC stia per Center for Data Control.

 

Quelli guariti dalla COVID sono più protetti

Il 1° marzo, la rivista scientifica Clinical Infectious Diseases ha pubblicato un articolo peer-reviewed intitolato “Risk of reinfection after seroconversion to SARS-CoV-2: A population-based propensity-score matched cohort study”. Questo studio svizzero “ha osservato una riduzione del 94% del rischio di essere infettati tra i partecipanti sieropositivi alla SARS-CoV-2, rispetto ai controlli sieronegativi, più di 8 mesi dopo la valutazione sierologica”.

Questo livello di protezione (immunità naturale) dall’infezione da SARS-CoV-2 (94%) è paragonabile a quello del vaccino Pfizer, ma dura più a lungo (otto mesi e oltre).

In un articolo peer-reviewed pubblicato sulla rivista Science Immunology il 25 gennaio, gli scienziati della Oregon Health & Science University hanno dimostrato in dati grezzi che gli anticorpi derivati da una precedente infezione da COVID-19 sono almeno 10 volte più potenti di quelli generati dalla sola vaccinazione. Hanno comunque concluso che “la vaccinazione è altamente efficace nel prevenire gli esiti più gravi della COVID-19 e dovrebbe essere fornita indipendentemente dallo stato di infezione precedente e dall’età”. Sono confuso dalla loro conclusione, ma felice di vedere i dati grezzi.

Allo stesso modo, nel mio articolo del 5 febbraio “Pandemic Lessons Learned: Dibattito scientifico messo a tacere, con conseguenze mortali”, ho scritto: “Ora, i Centri statunitensi per il controllo delle malattie ammettono in un rapporto pubblicato il 28 gennaio che l’immunità naturale contro la COVID-19 è superiore a qualsiasi regime vaccinale disponibile”.

Una lettrice ha commentato che “ha cercato in tutto il sito del CDC e non ha trovato queste informazioni. … Ora chi è ‘soggettivo’?”.

La lettrice aveva ragione. Avrei dovuto spiegare nel mio articolo che la conclusione che ho tratto non era una citazione diretta, ma piuttosto un mio riassunto basato sui dati grezzi del CDC.

Il rapporto del CDC del 28 gennaio includeva il seguente grafico, ma ha trascurato di fornire un riassunto che confronta la protezione tra le persone vaccinate senza immunità naturale e le persone non vaccinate che sono guarite dalla COVID e ora hanno l’immunità naturale.

Sembra che sia necessario immergersi un po’ più a fondo nei dati per elaborare il mio punto, poiché gli autori del rapporto non hanno concluso l’ovvio. Per favore, abbiate pazienza.

 

 

Il grafico CDC qui sopra mostra i dati della California sulla protezione contro il COVID-19 raccolti da quattro gruppi di persone tra il 30 maggio 2021 e il 20 novembre 2021:

1) I non vaccinati, senza precedenti diagnosi di COVID-19 (linea continua in alto)
2) I vaccinati, senza precedenti diagnosi di COVID-19 (linea tratteggiata sotto la linea continua)
3) I non vaccinati, con diagnosi precedente
4) Il vaccinato, con diagnosi precedente

È evidente che le linee che rappresentano 3) e 4) si sovrappongono l’una all’altra, indicando che la vaccinazione non ha avuto praticamente alcun impatto sulla protezione quando una persona è guarita dall’infezione da COVID-19, il che significa che l’immunità naturale domina la protezione sulla vaccinazione ad un livello che ha reso la vaccinazione irrilevante.

Anche se la differenza più grande si trova tra i non vaccinati senza precedente infezione e tutti gli altri, la seconda differenza più grande, tuttavia, è tra la linea “Vaccinati, senza precedente diagnosi di COVID-19” (immunità vaccinale) e la linea “Non vaccinati, con precedente diagnosi di COVID-19” (immunità naturale), con la linea dell’immunità naturale che ha un “hazard rate” molto più basso, che significa migliore protezione.

Il rapporto ha anche rivelato risultati simili per lo stato di New York.

 

Il CDC sta censurando i dati sull’immunità naturale?

Il MMWR del CDC è un rapporto settimanale. Il grafico qui sopra fa parte del rapporto dell’ultima settimana di gennaio, ed era solo per due dei 50 stati, California e New York. Quando stavo scrivendo il mio articolo del 5 febbraio, ho pensato che forse era un’omissione benigna che il CDC non avesse concluso l’ovvio. Di sicuro, altri dati sarebbero arrivati dal CDC in febbraio e marzo, ho pensato, perché ci avrebbero insegnato molto di più sull’immunità naturale.

Tuttavia, non si sono materializzati. Dal 28 gennaio, ci sono stati 10 rapporti MMWR pubblicati sul sito web del CDC, per un totale di 29 articoli. Coprono argomenti che vanno dalla vaccinazione per località geografiche, alla fiducia nel vaccino per orientamento sessuale, alla strategia di isolamento per i giocatori della NFL completamente vaccinati, e così via. Finora, il rapporto del 28 gennaio è stato l’unico che ha incluso “non vaccinati, con diagnosi precedente” nei dati, e questo è un peccato. Tutti gli altri rapporti erano per rafforzare la conclusione che i vaccini sono efficaci, con quasi nulla sull’immunità naturale. Ecco uno screenshot del sito web MMWR:

 

Per esempio, uno degli ultimi rapporti del CDC, pubblicato il 18 marzo, include il seguente grafico:

 

 

Qui, i dati di ospedalizzazione sono stati tracciati rispetto a 1) persone non vaccinate, 2) vaccinati senza un richiamo, 3) vaccinati con un richiamo. Non ci sono informazioni sulle persone che erano guarite dal COVID-19. In altre parole, le informazioni sull’immunità naturale sono censurate.

Secondo le informazioni del CDC, gli Stati Uniti hanno avuto circa 80 milioni di casi di COVID-19. La stragrande maggioranza dei pazienti è guarita dalla malattia. Questa enorme parte della popolazione statunitense ora gode dell’immunità naturale. Questo vale anche per il Canada e molte altre parti del mondo.

Sembra che il CDC stia evitando tutto ciò che riguarda l’immunità naturale. Ma perché?

Forse il CDC è come Bill Gates, che ha detto alla conferenza sulla sicurezza di Monaco il mese scorso: “Purtroppo, il virus stesso, in particolare la variante chiamata Omicron, è un tipo di vaccino. Cioè, crea un’immunità sia alle cellule B che alle cellule T”. Quello che voleva dire è che sarebbe una cosa triste se fosse l’immunità naturale, non i vaccini di Big Pharma, a sconfiggere il COVID-19.

Lasciamo che il CDC e il signor Gates si sentano tristi. Il resto di noi è pronto ad andare avanti con le proprie vite.

 

Joe Wang, Ph.D., era uno scienziato capo del progetto del vaccino SARS di Sanofi Pasteur nel 2003. Ora è il presidente di New Tang Dynasty TV (Canada), un media partner di The Epoch Times.

 

 

Facebook Comments