Di seguito vi propongo un articolo del dott. Robert Malone, pioniere della tecnologia a mRNA. L’articolo è stato pubblicato sul suo substack. Eccolo nella mia traduzione. 

 

CDC promuove richiami booster vaccini COVID

 

È difficile da credere, ma il CDC (vedi screenshot qua sopra) raccomanda a tutti di fare un richiamo ogni due mesi. Perché? Perché il CDC vuole che tutti pensino che questo è il periodo di tempo in cui le persone sono “protette” dopo l’iniezione.

Un nuovo studio mostra che, secondo le stime, il 94% della popolazione statunitense è stato infettato almeno una volta dal SARS-CoV-2.

Ora, poiché le nuove varianti dell’Omicron sono ancora meno patogene delle precedenti, il rapporto rischio/beneficio di un richiamo ogni due mesi è decisamente capovolto. Ma vediamo alcuni degli studi più recenti a sostegno di questa “affermazione”.

 

Cambiamenti nell’immunità della popolazione contro l’infezione e la malattia grave da varianti Omicron di SARS-CoV-2 negli Stati Uniti tra dicembre 2021 e novembre 2022

medRX,

dicembre 2022

Risultati:

Al 9 novembre 2022, si stimava che il 94% (95% CrI, 79%-99%) della popolazione statunitense fosse stato infettato almeno una volta dal SARS-CoV-2. In combinazione con la vaccinazione, si stima che il 97% (95%-99%) abbia avuto una qualche precedente esposizione immunologica al SARS-CoV-2. Tra il 1° dicembre 2021 e il 9 novembre 2022, la protezione contro una nuova infezione da Omicron è aumentata dal 22% (21%-23%) al 63% (51%-75%) a livello nazionale, e la protezione contro un’infezione da Omicron che porta a malattia grave è aumentata dal 61% (59%-64%) all’89% (83%-92%). Aumentando la diffusione del primo richiamo al 55% in tutti gli Stati (copertura attuale negli USA: 34%) e del secondo richiamo al 22% (copertura attuale negli USA: 11%), la protezione contro l’infezione aumenterebbe di 4,5 punti percentuali (2,4-7,2) e la protezione contro la malattia grave di 1,1 punti percentuali (1,0-1,5).

Punti salienti:

Se il 22% (il doppio dell’11% attualmente sottoposto a booster) della popolazione statunitense venisse sottoposto a un secondo booster, la protezione iniziale contro le infezioni aumenterebbe di 4,5 punti percentuali (2,4-7,2), e inoltre…

Se il 22% (il doppio dell’11% attualmente potenziato) della popolazione statunitense venisse sottoposto a un secondo booster, la protezione contro le malattie gravi aumenterebbe di 1 punto percentuale. Naturalmente, come ha lasciato intendere il CDC, questo 1% di protezione in più svanirebbe rapidamente e si esaurirebbe in sessanta giorni…

Non c’è niente di più chiaro di questo. Questi “booster” non sono efficaci. (e comunque non sono sicuri).

 

Gli anticorpi del SARS-CoV-2 persistono fino a 12 mesi dopo l’infezione naturale in dipendenti sani che lavorano in professioni non mediche ad alta intensità di contatto
Int J Infect Dis., 24 novembre 2022

Sintesi

Obiettivo: Valutare la dinamica dei livelli anticorpali in seguito all’esposizione al SARS-CoV-2 durante 12 mesi in parrucchieri e personale alberghiero olandesi non vaccinati.

Metodi: In questo studio prospettico di coorte, sono stati raccolti campioni di sangue ogni tre mesi per un anno e analizzati con un ELISA qualitativo per anticorpi totali e un ELISA quantitativo per anticorpi IgG. I partecipanti hanno compilato dei questionari, fornendo informazioni su dati demografici, salute e lavoro. Le differenze nei livelli di anticorpi sono state valutate utilizzando i test Mann-Whitney U e Wilcoxon Signed Rank. I coefficienti beta (B) e gli intervalli di confidenza al 95% (95%CI) sono stati calcolati utilizzando la regressione lineare.

Risultati: Novantacinque dei 497 partecipanti (19,1%) hanno avuto una misurazione sieropositiva ≥1 prima dell’ultima visita utilizzando l’ELISA qualitativo. Solo il 2,1% (2/95) ha avuto una sieroreversione durante il follow-up. Dei 95 partecipanti, 82 (86,3%) sono risultati sieropositivi alle IgG anche nel test ELISA quantitativo. I livelli di anticorpi IgG sono diminuiti significativamente nei primi mesi (p<0,01), ma sono rimasti rilevabili fino a 12 mesi in tutti i partecipanti. L’età più elevata (B, incremento di 10 anni: 24,6, 95%CI: 5,7-43,5) e l’IMC più elevato (B, incremento di 5 kg/m²: 40,0, 95%CI: 2,9-77,2) erano significativamente associati a un picco più elevato dei livelli di anticorpi.

Conclusioni: In questa coorte, gli anticorpi della SARS-CoV-2 sono perdurati fino a un anno dopo la sieropositività iniziale, suggerendo un’immunità naturale a lungo termine.

Confrontate i risultati dello studio sul richiamo di cui sopra, che mostra una protezione minima contro la malattia grave, con questo studio, che documenta un’immunità naturale a lungo termine in una popolazione priva di vaccino…

Il tasso di eventi avversi con questi vaccini è estremamente elevato. A questo punto, il rischio di un evento avverso è molto, molto più alto del rischio di malattie gravi causate dalle varianti circolanti di Omicron. Ma questo lo sappiamo già tutti, giusto?

I risultati sono evidenti. L’immunità naturale è la migliore contro l’Omicron.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email