influenza raffreddore giovane donna

 

Il rischio di reinfezione da SARS-CoV-2 tra le persone non vaccinate con precedente COVID-19 è oggetto di dibattito. Alcuni ricercatori, Jessica P. Ridgway, MD; Samuel Tideman, MS; Bill Wright, PhD; et al., hanno eseguito un’analisi di sopravvivenza in un’ampia popolazione statunitense con il fine di valutare il grado e la durata della protezione associata all’immunità naturale negli individui non vaccinati. Lo studio è stato effettuato su un grosso campione e con una lunga durata del follow-up, cioè di controlli periodici. Esso è stato pubblicato sulla rivista medica Jama Network.

Il Journal of the American Medical Association (JAMA) è una rivista scientifica peer-reviewed di ambito medico pubblicata dalla American Medical Association. La rivista viene pubblicata a partire dal 1883, ed è ritenuta tra le più autorevoli del settore. 

L’ampio studio di coorte ha utilizzato i dati di pazienti testati per SARS-CoV-2 in 1300 centri di cura in 6 stati degli Stati Uniti occidentali nel sistema sanitario di Providence tra il 1 ottobre 2020 e il 21 novembre 2021. Sono stati inclusi pazienti non vaccinati e con sintomi coerenti con COVID-19 al momento del test. A partire da 90 giorni dopo il test iniziale di amplificazione dell’acido nucleico SARS-CoV-2 (NAAT), i pazienti sono stati monitorati per il successivo COVID-19, come determinato da un risultato positivo per SARS-CoV-2 NAAT in presenza di sintomi.

 

Risultati
Lo studio ha identificato 24 043 casi che erano guariti dalla COVID e 97 572 controlli (cioè che non avevano avuto la COVID e che pertanto fungevano da controllo); 2762 persone appartenenti al gruppo dei controlli (2,8%) hanno sviluppato la COVID-19 rispetto a 98 di coloro che appartenevano ai guariti da COVID (0,4%) (Tabella). La figura mostra la sopravvivenza libera da malattia tra i casi e i controlli.

Dunque, la presenza di una guarigione da COVID è stata associata a una protezione dell’85% contro qualsiasi COVID-19 ricorrente, dell’88% contro l’ospedalizzazione per COVID-19 e dell’83% contro la COVID-19 che non richiede l’ospedalizzazione. La protezione è rimasta stabile durante il periodo dello studio, senza attenuazione fino a 9 mesi dall’infezione iniziale.

Tra 121 615 pazienti con più di 10 milioni di giorni di follow-up (controlli periodici), gli individui non vaccinati con una precedente COVID-19 sintomatica avevano un rischio inferiore dell’85% di acquisire la COVID-19 rispetto agli individui non vaccinati senza una precedente COVID-19. Studi precedenti che indagavano la protezione contro la reinfezione da SARS-CoV-2 hanno trovato risultati simili, con una protezione associata all’immunità naturale che andava dall’80,5% al 100%. Questo livello di protezione è simile a quello riportato per i vaccini mRNA. I risultati che i pazienti con precedente COVID-19 avevano l’88% di protezione contro l’ospedalizzazione per COVID-19 e l’83% di protezione contro COVID-19 che non richiedeva l’ospedalizzazione suggeriscono che l’immunità naturale era associata a una protezione simile contro la malattia lieve e grave. I vaccini mRNA sono associati a una protezione prolungata simile contro la COVID-19 grave come trovato nel nostro studio, anche se la protezione associata al vaccino dalla COVID-19 lieve ha dimostrato di diminuire a 6 mesi.

 

 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments