Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Norman Fenton e Martin Neil e pubblicato sul loro blog. Norman Fenton, Ph.D., è un matematico alla Queen Mary University di Londra e Martin Neil è Professore di informatica e statistica presso la Queen Mary, University of London. REGNO UNITO. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. Se non volete leggere i dati andate subito alle avvertenze e conclusioni nella parte finale dell’articolo. 

Vaccini-covid

 

Abbiamo fornito numerose spiegazioni (vedi qui e qui) e video (vedi qui e qui) che spiegano perché un vaccino che in realtà è solo un placebo (cioè semplice acqua, ndr) sembrerà inevitabilmente avere un’elevata efficacia se c’è un ritardo dopo la vaccinazione durante il quale il partecipante è classificato come “non vaccinato”.

Alcuni hanno sostenuto che gli esempi – che utilizzano dati ipotetici – non sono realistici e che, con ipotesi diverse sul tasso di infezione sottostante, l’illusione non si verificherebbe. Non è vero.

Questo esempio simula l’introduzione e la valutazione dell’efficacia di un vaccino, che è essenzialmente il modo in cui sono stati condotti tutti gli studi osservazionali del 2021 sui vaccini Covid.

 

 

Ipotesi:

  • L’intera popolazione inizia la settimana 1 come non vaccinata e alla settimana 14 circa il 90% della popolazione ha ricevuto un singolo vaccino (si noti che si parte da una popolazione di un milione di persone, ma i risultati di efficacia sono esattamente gli stessi indipendentemente dalla popolazione di partenza).
  • Il programma di vaccinazione inizia con l’1% della popolazione non vaccinata che viene vaccinata nella prima settimana e raggiunge un picco del 35% nell’ottava settimana, per poi scendere al 10% in ciascuna delle ultime tre settimane.
  • Il tasso di infezione settimanale è costante per tutto il periodo (nell’esempio che segue è del 2% ma, come mostra il video, i numeri di “efficacia” sono esattamente gli stessi indipendentemente dal tasso fisso).
  • Qualsiasi persona vaccinata che si infetta entro le prime due settimane dalla vaccinazione viene classificata come non vaccinata (in realtà, come si può vedere qui, l’Office for National Statistics classifica come non vaccinate le persone infettate entro le prime tre settimane dalla vaccinazione). Si noti anche che questo è il caso della Svezia).

Il modello Excel può essere scaricato da qui:

 

 

 

Per calcolare il tasso di infezione per la settimana n per i soggetti classificati come vaccinati, si divide il numero cumulativo di persone classificate come infette e vaccinate entro la settimana n per il numero cumulativo di persone classificate come vaccinate alla fine della settimana n.

Ad esempio, alla fine della quarta settimana sono state classificate come vaccinate 161.147 persone, di cui 596 sono state classificate come infette. Il tasso di infezione alla quarta settimana è quindi 596/161.147, pari allo 0,37%. Lo stesso vale per le persone classificate come non vaccinate, quindi il tasso di infezione alla quarta settimana per i non vaccinati è del 2,22%. Si noti che, sebbene i tassi di infezione settimanali reali dei vaccinati e dei non vaccinati siano sempre lo stesso 2%, i tassi di infezione dopo la “classificazione” sono sempre inferiori al 2% per i classificati come “vaccinati” e superiori al 2% per i classificati come “non vaccinati”:

 

 

Per calcolare il tasso di efficacia della settimana n, dividiamo il tasso di infezione dei vaccinati per il tasso di infezione dei non vaccinati e lo sottraiamo da 1, esprimendo il risultato in percentuale. Pertanto, il tasso di efficacia alla quarta settimana è 1 – (0,37/2,22) = 0,834 = 83,4%.

 

 

Ora vediamo che un vaccino completamente inutile (con efficacia reale dello 0%) sembra avere un’efficacia molto elevata nelle prime settimane. Anche se diminuisce continuamente, è ancora superiore al 50% dopo la 9a settimana. Alla 14a settimana l’efficacia è ancora positiva, ma solo del 12,1% ….. da qui la necessità di una nuova dose di richiamo! Questi risultati simulati sono molto simili ai tassi di efficacia reali osservati nei primi tre mesi di un nuovo vaccino o richiamo.

Ecco i risultati se c’è un periodo di tre settimane, 21 giorni, prima che una persona sia classificata come vaccinata (come da metodo ONS) (l’Office for National Statistics, cioè l’equivalente del nostro ISTAT, ndr):

 

 

95% di efficacia con la regola dei 21 giorni

L’efficacia ottenibile con un periodo di 3 settimane è:

 

 

Quindi ora potrebbero affermare che il vaccino inizia con un’efficacia del 95%, ma ancora una volta è necessario il richiamo dopo 3 mesi perché la vaccinazione sia veramente efficace.

Per coloro che dubitano che l’ONS calcoli l’efficacia del vaccino in questo modo, ecco uno screenshot dal loro documento:

 

 

Lo stesso vale per le dosi successive, per le quali c’è sempre un ritardo di 21 giorni prima di poter essere classificati come in possesso dell’ultima dose di richiamo.

Anche un’efficacia negativa può essere fatta sembrare efficace al 95%!

Si noti che per un vaccino placebo è impossibile ottenere un’efficacia negativa. Tuttavia, se il tasso di infezione del vaccino è leggermente più alto rispetto a quello di nessun vaccino, le stesse ipotesi producono un’efficacia inizialmente elevata prima di diventare negativa. Ecco i risultati se il vaccino aumenta effettivamente il tasso di infezione del 50% (quindi un tasso di infezione del 3% nei vaccinati anziché il 2% ipotizzato nelle simulazioni precedenti):

 

 

Avvertenze

In pratica ci sono una serie di fattori che, se inclusi nella simulazione, produrrebbero un tasso di efficacia ancora più elevato di quello che si potrebbe sostenere per un vaccino placebo. Ad esempio:

  • L’introduzione del vaccino nel Regno Unito nel 2021 è avvenuta in un periodo in cui il tasso di infezione da Covid era in calo.
  • Le persone asintomatiche non vaccinate avevano molte più probabilità di essere sottoposte a test PCR (per andare al lavoro o partecipare a eventi, ristoranti, ecc.) rispetto alle persone asintomatiche vaccinate, poiché queste ultime dovevano solo mostrare la prova della vaccinazione. In Israele, durante questo periodo, una persona non vaccinata aveva una probabilità sei volte maggiore di dover essere sottoposta al test PCR rispetto a una persona vaccinata. L’elevato tasso di falsi positivi per gli asintomatici aumenterebbe quindi artificialmente il tasso di infezione dei non vaccinati.
  • Le persone che erano (o erano state recentemente) positive alla PCR non potevano essere vaccinate fino a 14 giorni dopo un test negativo. Ciò significa che la coorte vaccinata conteneva una percentuale maggiore di persone che avevano già un’immunità naturale.

Come abbiamo dimostrato, l’illusione di un’elevata efficacia è presente anche se il vaccino è peggiore di un placebo (cioè semplice acqua, ndr). In particolare, sappiamo che per i vaccini contro la Covid c’è stato un tasso di infezione sproporzionatamente alto nei primi 14 giorni dopo la vaccinazione. Dato che tutti i soggetti infettati nei primi 14 giorni sono classificati come non vaccinati, questo porterebbe a tassi di efficacia ancora più elevati di quelli mostrati nella nostra simulazione.

Per quanto riguarda la questione dell’immunità, una semplificazione fatta nella simulazione è che non si tiene conto del fatto che coloro che si infettano durante il periodo (che siano vaccinati o meno) quasi certamente non si infetteranno di nuovo (e quindi dovrebbero essere rimossi dal conteggio nelle settimane successive). Tuttavia, a meno che il tasso di infezione generale non sia molto alto, questo ha un impatto minimo sui risultati di efficacia.

Conclusione

Può essere ragionevole prevedere un certo periodo di tempo perché un vaccino “funzioni”. Tuttavia, classificare una persona che si infetta entro 14 o 21 giorni dalla vaccinazione come un “caso non vaccinato” nel calcolo dell’efficacia del vaccino è a dir poco una truffa. Garantisce che qualsiasi vaccino che non sia diverso (o addirittura peggiore) di un placebo sarà considerato ad alta efficacia iniziale.

Utilizzare il periodo di 21 giorni prima di considerare una persona vaccinata – come fanno l’ONS e altri per i vaccini COVID – significa garantire tassi di efficacia artificiali fraudolentemente elevati. L’apparente, ma del tutto artificiale, “declino” dell’efficacia può anche essere usato in modo subdolo per sostenere l’idea che dopo 3 o 4 mesi sia necessaria un’altra dose di vaccino per riacquistare la protezione. Poiché lo stesso ritardo nella classificazione viene utilizzato per coloro che hanno ricevuto un’ulteriore dose, è garantito che l’elevata efficacia possa essere nuovamente rivendicata per le dosi successive.

Tutto ciò crea un modello di business ripetibile per Big Pharma.

Qualunque sia l’efficacia dichiarata per i vaccini Covid, abbiamo le prove dei nostri occhi e delle nostre orecchie. Mentre sono rari i casi di covid in persone non vaccinate che sono state precedentemente infettate, sono i vaccinati a soffrire di ripetuti attacchi di covid.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments