Articolo di Autumn Jones pubblicato il 29 maggio su Catholic News Agency nella traduzione di Wanda Massa.

In questa intervista Lila Rose afferma che negli ultimi anni il movimento pro-life negli USA è enormemente cresciuto: non si era mai registrato prima un simile entusiasmo, mai così tante persone sono state informate e disposte a collaborare e ad impegnarsi.

Gli attivisti pro-aborto di conseguenza – guidati da Planned Parenthood – sono partiti al contrattacco con articoli, eventi e campagne.

Qualcosa di simile forse sta accadendo anche da noi, se ieri passando in macchina per Viale Zavattari a Milano mi sono imbattuta in due maxi manifesti contro l’obiezione di coscienza del personale sanitario alla pratica dell’aborto, che la, pur nefasta, legge 194/1978 prevede.

 

Lila Rose
Lila Rose, pro vita

 

All’inizio di questo mese Lila Rose, presidente di Live Action e attivista per i diritti umani pro-life, ha pubblicato Fighting for Life: Becoming a Force for Change in a Wounded World.(Combattere per la vita: Diventare una forza di cambiamento in un mondo ferito, ndt) Nel suo libro, Rose parla della sua vita personale e del suo attivismo pubblico con il movimento pro-life. La CNA ha avuto la possibilità di parlare con lei giovedì.

Congratulazioni per aver pubblicato il suo libro, Fighting for Life, all’inizio di questo mese! Che riscontri ha ricevuto finora sul libro?

Il mio feedback preferito è stato quello di donne di tutte le età che hanno detto che il libro ha infuso loro l’ispirazione e la chiarezza in più per essere coinvolte, e che potevano davvero ritrovarsi in molte delle lotte che ho condiviso e negli strumenti che ho fornito su come superare quelle lotte quando si sente un senso di chiamata a lottare per ciò che è giusto in alcune delle più importanti battaglie sociali e politiche odierne.

A volte c’è un senso di impotenza su come possiamo fare la differenza, che è esattamente il motivo per cui ho scritto il libro. Volevo sia fornire istruzioni per quello che sta succedendo nell’industria dell’aborto e nella battaglia sul clima, una prospettiva più ampia su quale sia la nostra risposta personale alle cause più scottanti del giorno.

Qual è stata la sua motivazione nello scrivere Fighting for Life?

Per anni mi è stato chiesto: “Come fai a fare quello che fai? Dove trovi il coraggio? Come hai imparato a costruire la tua organizzazione, e fare l’attivismo che hai fatto ed essere efficace?” Avevo anche pensato di scrivere un libro su tutte le mie scoperte nell’industria dell’aborto e sulla mia vita personale. Volevo aspettare il momento giusto, quando avessi sentito di avere abbastanza esperienza per fornire davvero il quadro completo di ciò che significa scoprire la propria vocazione, costruire una solida base e avere gli strumenti per perseguirla davvero.

C’è stato un momento particolare in cui ho sentito: “Questo è il momento“. In questo momento si stanno facendo progressi senza precedenti nel movimento pro-life, e ci sono anche attacchi senza precedenti dalla parte pro-aborto. Ho pensato che più che mai, abbiamo bisogno di chiarezza morale e di ispirazione per lottare per i bambini, e lottare per la nostra cultura e le nostre famiglie.

Quanto tempo ha impiegato a scrivere il libro, e come ha bilanciato la scrittura con la gestione e l’organizzazione e l’essere moglie e madre?

In un certo senso, il libro si è sviluppato nella mia anima negli ultimi dieci anni. C’è così tanto da scrivere che avevo già fatto perché stavo pensando di scrivere questo libro e assemblare consigli e lezioni che volevo condividere con gli altri.

C’è stato un momento durante la pandemia in cui ho avuto più tempo di prima a causa della cancellazione dei viaggi – è stata davvero un’opportunità per finirlo finalmente. C’è stata questa calma tra la pandemia e l’essere una nuova mamma che mi ha aiutato ad impegnarmi di più e a completare davvero il lavoro.

Era il momento giusto, e poi sapere che questo era il momento di condividere questo libro a causa di ciò che sta accadendo nel nostro paese e la necessità che la gente si metta a lottare.

Come hai iniziato come attivista e perché il movimento pro-life era così importante per te?

Ci sono stati molti momenti che sono stati punti di svolta, ma due di essi sono stati particolarmente determinanti per me. Avevano a che fare con lo strazio e la chiarezza morale. Ne parlo molto in Fighting for Life, perché chiunque veda l’ingiustizia nel mondo, o veda la nostra cultura o la nostra politica e sia preoccupato, deve permettere a sé stesso di avere davvero il cuore spezzato. Il vero cambiamento sociale richiede il crepacuore.

Per me, ho imparato questa lezione molto presto avendo il cuore spezzato quando stavo leggendo un libro sull’aborto. Il libro includeva un inserto che aveva immagini di bambini nel grembo materno, bellissima embriologia, e aveva anche immagini di bambini vittime dell’aborto. Ho visto per la prima volta un bambino che era stato fatto a pezzi da un potente aborto di aspirazione del primo trimestre, che è da 30 a 50 volte più potente di un aspirapolvere domestico. Guardando quell’immagine, mi si è spezzato il cuore – che questo accadeva ancora – che era socialmente accettato e legale.

Poi, all’età di 14 anni, sono andata in una clinica abortista per pregare fuori dalla Planned Parenthood con alcuni amici. Quello è stato un altro momento più profondo di strazio e di impotenza, guardando tutte le giovani donne e ragazze, alcune delle quali visibilmente incinte, che entravano in questo edificio di mattoni che uccideva i bambini fino a sei mesi, 24 settimane. Ricordo di aver pensato: “Sono a pochi metri da questi bambini che vengono fatti a pezzi, e non c’è alcuna protesta, la società sta accettando questo“.

Quei sentimenti di strazio, impotenza e rabbia per quello che veniva fatto mi hanno ispirato ad iniziare ad agire per educare gli altri e salvare vite, portando alla fine a fondare Live Action. La chiave era continuare a provare, continuare a sperimentare, continuare a imparare, e non arrendersi perché questa era una chiamata a cui non potevo rinunciare. Non potevo ignorare la crisi.

Dovevo fare qualcosa.

Pubblicità a favore dell'aborto, Milano, via Zavattari
Pubblicità a favore dell’aborto, Milano, via Zavattari (foto Wanda Massa)

Nella cultura secolare di oggi, vediamo molte spinte contro il movimento pro-life. Cosa la sprona ad andare avanti?

Il crepacuore è un’ispirazione perché se permetti a te stesso di essere colpito dalla situazione di coloro per cui stiamo lottando, la reazione viene messa in prospettiva. Avere una prospettiva sugli ostacoli che sto affrontando è stato essenziale per non lasciare che mi abbattano e ne parlo molto nel libro.

Ci sono anche cose molto pratiche che mi hanno aiutata, che condivido anche in Fighting for Life – cose come avere eroi nel mio cuore come esempi di ciò a cui aspiro, e avere mentori con cui mi incontro regolarmente per aiutarmi a crescere come persona, in modo da essere più forte e avere più grinta per gestire gli ostacoli.

Un’altra chiave è il pensiero che: “Tutto ciò per cui vale la pena lottare richiede la disponibilità a commettere errori e rialzarsi di nuovo“. Molte volte rinunciamo a provare perché pensiamo di non essere qualificati o di non avere quello che serve. Il modo di crescere come esseri umani – e parlo molto della trasformazione personale nel libro – inizia con il cambiare noi stessi e permettere a noi stessi di essere cambiati.

Che cosa ha trovato di speranzoso o ottimista nel movimento pro-life negli ultimi mesi?

Ci sono enormi ragioni per essere, non solo ottimisti, ma per vedere che il nostro movimento ha più successo che mai. Il tasso di aborto è diminuito negli ultimi 10 anni ed è al livello più basso da decenni. C’è stata una legislazione pro-life senza precedenti a livello statale negli ultimi due anni, con oltre 600 disegni di legge introdotti e decine che sono passati. La Corte Suprema ha maggior possibilità degli ultimi decenni di emettere una sentenza che riconosca ciò che la scienza rivela – che la vita inizia prima della nascita – e si attenga al principio che tutti gli esseri umani hanno diritti umani, e il primo diritto è la vita.

C’è stata un’enorme energia, entusiasmo e crescita del movimento pro-life negli ultimi dieci o due anni. Mai così tante persone sono informate, mai così tante persone sono connesse e attive. Il successo è possibile. È possibile abolire l’aborto.

Vedremo un’ondata di articoli, campagne, eventi da parte degli attivisti pro-aborto, guidati da Planned Parenthood, nei prossimi mesi perché sono preoccupati. Il movimento pro-life è più forte che mai.

Qual è qualcosa che vorresti che tutti capissero sull’aborto e sul movimento pro-life?

Tutti hanno l’opportunità di pensare all’aborto senza le prese di posizione politiche che spesso colorano la nostra mentalità intorno ad esso. Prendetevi un momento per pensare a quando inizia la vita – che è un fatto scientifico, non una credenza religiosa – al momento della fecondazione, quando un uovo viene fecondato da uno spermatozoo e si ha una vita umana unica che viene all’esistenza con il suo DNA unico e la sua capacità unica di crescere.

Vorrei che tutti avessero l’opportunità di vedere cosa fa un aborto a quel bambino. Abbiamo reso l’aborto così tanto asettico nella nostra cultura. L’abbiamo messo da parte come una procedura medica necessaria e persino positiva, senza mai affrontare ciò che fa. L’aborto è brutto e non solo perché è cruento, ed è cruento. L’aborto è brutto perché è una procedura progettata per massacrare un essere umano e per uccidere un essere umano vivo.

Vorrei che la gente avesse l’opportunità di vedere che se crede nei diritti umani, cosa che penso faccia la maggior parte della gente, e crede che nessun essere umano innocente dovrebbe mai essere ucciso intenzionalmente, allora potrebbe vedere che questo è ciò che fa l’aborto.

Il movimento pro-life si dedica quotidianamente alla cura dei bambini, nati e pre-nati, e delle loro madri. Le migliaia di centri per la gravidanza che esistono oggi non lucrano per salvare vite. Spendono soldi per salvare vite e poi ne spendono altri per aiutare le giovani mamme, e per fornire assistenza materiale e finanziaria per metterle in contatto con opportunità di lavoro e per dare loro un riparo. Ci sono migliaia di noi che adottano e danno in affidamento, e sostengono le famiglie che adottano e danno in affidamento.

Dire che il movimento pro-life non si preoccupa dei bambini è una bugia maligna ed è molto paradossale che venga da attivisti che stanno attivamente combattendo per il diritto di uccidere i bambini.

Qual è il suo consiglio per le donne che cercano di andare controcorrente e iniziare qualcosa di nuovo?

È naturale sentirsi nervosi – ci sono stati sicuramente molti momenti in cui mi sono sentita nervosa. Dio ti ha creato con i tuoi doni particolari, anche le lotte che stai affrontando, e con il tuo particolare senso di giustizia. Hai una chiamata nella tua vita.

Se sei disposto a compiere quel passo, anche se può essere spaventoso, e poi non mollare il giorno dopo e fare un altro passo, tutto quello che devi fare è un passo. Non arriverai in un giorno. Mi ci sono voluti anni per costruire Live Action. Devi fare solo quello che puoi fare oggi, ma prova a fare qualcosa. Ho un intero capitolo chiamato “Just Start” su questo.

La grazia per ciò che sei chiamato a fare, la troverai mentre provi a dire ““, mentre provi a rispondere alla chiamata e a fare effettivamente quel passo.

Non lasciate che i vostri pensieri vi fermino prima ancora di aver iniziato.

Ogni volta che c’è un’ingiustizia nella nostra società, ci vuole tempo e lavoro e qualche sofferenza per sradicare quell’ingiustizia. Tu hai quello che serve e ci sono persone che sono con te. Prenditi del tempo per trovarle. Se sei circondato solo da persone che non condividono i tuoi valori, sarà difficile crescere. Trova la tua squadra!

Cos’altro vorresti che i lettori sapessero di te, del tuo libro o della tua passione?

Nel libro parlo molto dell’esplorazione dei problemi di salute mentale e del nostro sviluppo personale: come cresciamo in virtù, come cresciamo nelle nostre capacità di avere relazioni sane, e anche la necessità di essere sani mentalmente oltre che fisicamente. Questo è collegato al successo che avremo nella nostra vocazione.

Abbiamo tutti tappe diverse nei nostri viaggi e abbiamo tutti ferite diverse, ma abbiamo tutti delle ferite. Nel mio libro sono molto sincera su alcune delle mie ferite e lotte, e parlo molto di aiuto e guarigione, e di traumi e problemi di salute mentale. Non se ne parla abbastanza, e se siamo disposti ad essere vulnerabili e a ricevere l’aiuto di cui abbiamo bisogno – sia che abbiamo un problema di salute mentale o solo una lotta personale – siamo molto meglio preparati a fare la differenza che siamo chiamati a fare.

Questo è davvero un grande messaggio in Fighting for Life, e voglio che sia utile ad altri cattolici. Penso che come cattolici pensiamo di avere la fede, di avere la verità morale, e questo è tutto. Ora, dobbiamo andare a fare il nostro apostolato, il nostro lavoro di missione. Sì, ma siamo esseri umani con ferite, emozioni, esperienze personali e lotte, e dobbiamo affrontare il nostro cammino di crescita in modo globale. Questo include anche la nostra salute mentale.

 

 

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1