E’ l’incredibile ingiustizia subita da una ricercatrice femminista britannica, che aveva osato esprimere sui social la fondatezza biologica della realtà sessuale.

Articolo di Isabella Childs, pubblicato su Lifesitenews, nella traduzione di Wanda Massa.

 

Maya Forstater
Maya Forstater

 

Alcuni tweet che negano la possibilità di cambiare il proprio sesso hanno provocato il ritorno di fiamma della lobby transgender e sono costati il posto di lavoro a una ricercatrice e femminista britannica nel novembre 2019. Un anno e mezzo (e due udienze in tribunale) dopo, Maya Forstater ha difeso con successo il suo diritto di credere nella realtà biologica.

Forstater stava lavorando come visiting fellow al Center For Global Development, un think tank dedicato alla lotta contro la povertà, quando ha twittato: “Non credo che sia possibile per qualcuno cambiare il proprio sesso… [anche se] è possibile cambiarlo su un certificato di nascita“. Forstater ha anche sollevato preoccupazioni per gli uomini che usano gli spazi riservati alle donne, affermando che tali violazioni dei “diritti delle donne alla privacy” sono “fondamentalmente illiberali (è come costringere gli ebrei a mangiare carne di maiale)“. Una controversia seguita a queste e altre osservazioni simili ha portato alla sospensione del contratto di Forstater con l’organizzazione (abbiamo trattato del conflitto di interessi tra lobby LGBT e femministe in un precedente articolo).

Il caso di Forstater è stato ascoltato per la prima volta in un Tribunale del Lavoro a Londra nel novembre 2019. Il giudice James Taylor ha stabilito che le convinzioni di Forstater erano semplicemente filosofiche, astratte, come lei aveva sostenuto, e stavano molestando le persone che sostengono di essere un membro del sesso opposto. “La ricorrente è assolutista nella sua visione del sesso … L’approccio non è degno di rispetto in una società democratica“, ha sostenuto il giudice.

Nella sua dichiarazione di testimone della ricorrente del 2019, la Forstater aveva insistito sulla differenza tra genere e sesso. “Credo che il ‘sesso’ sia una realtà fisica che non dovrebbe essere confusa con il ‘genere‘”. Ha sottolineato che il genere non ha nulla a che fare con la biologia, ma riguarda semplicemente “i ruoli socialmente costruiti che ci si aspetta dagli uomini e dalle donne nella società“.

Forstater ha sottolineato che il riconoscimento della realtà materiale del sesso è fondamentale per garantire la protezione dei diritti delle donne. “In particolare credo che sia importante poter parlare chiaramente della realtà materiale dei due sessi per agire contro la discriminazione, la violenza e l’oppressione che ancora colpiscono donne e ragazze perché sono nate femmine.

Ha discusso degli svantaggi, “come i percorsi di carriera“, che le donne già sperimentano nella società. Fingere che i maschi biologici siano femmine biologiche impedirebbe alla società di aiutare le donne svantaggiate, ha sostenuto. “Credo che alterare la parola ‘donna’ in modo che significhi ‘qualsiasi persona che si identifica come donna’ (e viceversa per ‘uomo’) elimina la possibilità di analizzare le condizioni materiali dell’esistenza della donna“.

Con la sua causa, Forstater si è unita ad altre femministe, in particolare l’autrice di Harry Potter J.K. Rowling, nel combattere almeno alcuni aspetti dell’ideologia di genere e proteggere i diritti delle donne.

Il 10 giugno 2021, il giudice Choudhury ha ribaltato la precedente sentenza del Tribunale del Lavoro. Secondo questa nuova sentenza, coloro che condividono la visione critica di Forstater sul transgenderismo nel Regno Unito sono legalmente protetti dalla discriminazione secondo l’Equality Act 2010.

Secondo un comunicato stampa della Forstater, La Corte d’Appello ha sottolineato che le sue convinzioni non sono estremiste, e sono quindi legittime: “Le convinzioni critiche di genere della ricorrente, che erano ampiamente condivise, e che non intendevano ledere i diritti delle persone trans, chiaramente non rientravano in quella categoria [di estremismo, come il nazismo e il totalitarismo]“.

Il giudice Choudhury ha spiegato: “È chiaro dalla giurisprudenza della Convenzione che … una persona è libera, in una società democratica, di avere qualsiasi credo che desideri, soggetto solo ad ‘alcuni modesti, oggettivi, requisiti minimi’ … Il credo critico di genere della ricorrente non è unico per lei; è un credo condiviso da altri che ritengono che sia importante avere un dibattito aperto su questioni riguardanti il sesso e l’identità di genere“.

Sono felice di essere stata vendicata“, ha detto la Forstater dopo la sentenza. “Ho perso il mio lavoro semplicemente per aver espresso un’opinione che è vera e importante, e sostenuta dalla grande maggioranza delle persone in questo paese: il sesso conta. Essere donna è una realtà materiale. Non è un costume o un sentimento. Le istituzioni che fanno finta che il sesso non conti diventano luoghi ostili particolarmente per le donne “.

Nella sua dichiarazione video, Forstater ha celebrato la sua vittoria e ha invitato altri individui e istituzioni a mantenere e proteggere la realtà che ci sono solo due sessi. Ha notato quanto sia cruciale lottare per la libertà di dire la verità nel nostro tempo.

Essere liberi di avere un credo significa essere liberi di essere molestati, discriminati o di vedersi portare via i propri mezzi di sostentamento se si esprime quel credo“, ha detto. “Sono orgogliosa del ruolo che ho avuto nel chiarire la legge e nell’ispirare più persone a parlare. Ma non possiamo lasciare agli individui l’onere di mettere a posto le cose”.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print