Proponiamo, nella nostra traduzione, un articolo di Libération del 28 gennaio 2022.

 

Ursula von der Leyen
Ursula von der Leyen

 

Ursula von der Leyen sembra proprio voler alimentare le teorie del complotto. Infatti, la presidente della Commissione si è rifiutata di rendere pubblico l’SMS scambiato nell’aprile 2021 con il direttore generale del laboratorio farmaceutico americano Pfizer, il greco Albert Bourla, mentre stava negoziando, a nome degli Stati membri dell’Unione, l’acquisto di 1,8 miliardi di dosi aggiuntive del vaccino contro il Covid per un importo di 35 miliardi di euro. La particolarità di questo contratto, concluso a maggio, è che ha aumentato il costo della dose da 15,50 a 19,50 euro, un aumento di un quarto del prezzo, che non è certo un risultato brillante data la quantità ordinata…

Una sfortuna per Ursula von der Leyen: la Mediatrice europea, l’irlandese Emily O’Reilly, pescata da una giornalista del New York Times che aveva dedicato un’inchiesta a questi negoziati per la meno opaca, ha ritenuto, venerdì, di aver sbagliato a rifiutare l’accesso a questi SMS, la cui esistenza la Presidente della Commissione ha pubblicamente riconosciuto, in quanto facevano parte della trattativa in corso e quindi non erano coperti dal diritto alla privacy.

I messaggi scompaiono

“L’elemento determinante di un documento non è il suo mezzo. È altresì irrilevante il fatto che un messaggio sia stato registrato nel sistema di gestione dei registri dell’ente. Ciò che conta è il contenuto del documento e se si riferisce o meno alle “politiche, attività e decisioni” di cui l’istituzione è responsabile”, afferma il Mediatore, che denuncia un caso di “cattiva amministrazione”. Questo è quindi il caso degli SMS o di qualsiasi altro messaggio inviato via e-mail, perché “la registrazione di un documento è una conseguenza dell’esistenza di un documento e non un prerequisito della sua esistenza”.

Ma ecco quanto: questi messaggi sono stati distrutti, come riconosce la Commissione: “A causa della loro natura effimera e di breve durata, gli SMS e i messaggi istantanei sono stati cancellati”… Una spiegazione curiosa visto che tutti conservano i loro messaggi, con qualche eccezione, e questi per loro natura non sono affatto “effimeri”, a meno di non decidere che lo siano. Non sapremo quindi mai cosa Von der Leyen e Bourla si sono detti, soprattutto perché il Mediatore non ha la competenza di sequestrare un telefono cellulare ed esaminarlo. Solo un giudice penale potrebbe farlo, e ci dovrebbero ancora essere prove sufficienti contro di lei.

Problema con la nozione di trasparenza

Non è la prima volta che la Presidente della Commissione ha problemi con la conservazione dei dati che potrebbero incriminarla. Una commissione d’inchiesta del Bundestag è stata incaricata di far luce sui succosi contratti conclusi, spesso senza rispettare le procedure di gara, dall’ex ministro della Difesa tedesco con consulenti esterni. Solo nel 2015 e nel 2016, questi consulenti privati hanno ricevuto più di 200 milioni di euro, più di un quarto di quanto sono costati tutti i consulenti esterni che hanno lavorato per il governo federale tra il 2014 e il 2018. Tuttavia, la commissione ha scoperto nel dicembre 2019 che tutti i dati sul telefono cellulare di Von der Leyen erano stati cancellati un mese dopo la sua partenza dal governo di Angela Merkel. Un deputato verde, Tobias Lindner, ha persino presentato una denuncia contro Von der Leyen per aver cancellato “dati che potrebbero essere utilizzati come prova” nell’ambito di un’indagine.

Due “SMSgate” in meno di due anni sono tanti e dimostrano almeno che Ursula von der Leyen ha un autentico problema con la nozione di trasparenza. Tanto più che, nel caso dei negoziati con Pfizer, ci si chiede perché sia stata coinvolta in questa vicenda quando non era affatto il principale negoziatore, anche se alla fine ha dovuto approvare i contratti con i suoi 26 Commissari e i 27 Stati membri. Abbastanza per alimentare tutti i sospetti di collusione e conflitti di interesse quando l’Europa non ne ha davvero bisogno in questo momento. La cosa peggiore è che non ci sarà alcuna sanzione, poiché il Parlamento europeo, detenuto da una coalizione di conservatori, socialisti e liberali, non ha intenzione di censurare la Commissione. Così sta andando la democrazia nell’Unione – male.

 

 

 

Facebook Comments