Cosa c’entra il femminismo, la rivoluzione sessuale, l’aborto con il movimento LGBT+ ed il transgenderismo dei nostri giorni? Lo spiega Carrie Gress nel suo articolo pubblicato sul National Catholic Register. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Transgender
Transgender

 

Il movimento LGBTQ+ ha fatto passi da gigante nell’ultimo decennio. Poche istituzioni e grandi aziende hanno resistito alle sue pressioni aggressive per abbracciare il suo programma, sventolare le sue bandiere e pronunciare i suoi pronomi.

Il movimento trans è l’ultima finzione che ci viene propinata, mentre gli uomini biologici schiacciano le donne biologiche. Dovremmo ignorare la farsa e affermare che questi uomini sono “effettivamente donne”. Anche la “transizione” nell’altra direzione è fortemente incoraggiata, in quanto le giovani donne si sottopongono a iniezioni di testosterone e a interventi chirurgici “della parte sueriore”[del corpo].

Questi enormi cambiamenti culturali, che si allontanano da qualsiasi cosa che assomigli alla moralità cristiana, sembrano aver fatto irruzione sulla scena con poco preavviso. Persino Tucker Carlson è rimasto a grattarsi la testa in cerca di risposte. Di recente, il conduttore del talk show ha sottolineato che un tempo c’erano “dibattiti razionali sul modo in cui raggiungere risultati reciprocamente concordati”, come la prosperità e la libertà. Questi dibattiti si sono trasformati in qualcosa di totalmente diverso, come la castrazione della prossima generazione e la mutilazione sessuale dei bambini. “Mi dispiace, ma questo non è un dibattito”, ha detto Carlson. “Non ha nulla a che fare con la politica. Qual è il risultato che desideriamo? Una popolazione androgina? Stiamo discutendo per questo?”.

La realtà è che le idee alla base del nostro naufragio sociale sono molto più antiche di quanto la maggior parte di noi si renda conto. Il progetto è stato definito secoli fa, fin dalle prime fasi del movimento femminista.

Molte scrittrici femministe hanno sostenuto che, negli anni ’60 e ’70, il movimento si è distaccato in modo significativo da un vecchio marchio di femminismo migliore, ma uno sguardo più attento rivela una storia diversa, i cui risultati sono contenuti nel mio libro di prossima pubblicazione, The End of Woman: How Smashing the Patriarchy Has Destroyed Us (Regnery, agosto 2023).

La mia ricerca è stata sorprendente perché ho visto che molte delle idee filosofiche che animano il femminismo contemporaneo erano già presenti ai suoi albori. Ciò che è accaduto negli anni ’60 e ’70 – e ciò che sta accadendo ora – non è altro che l’estensione logica del primo pensiero filosofico femminista.

Il femminismo, che risale addirittura alla fine del 1700, è partito dalla domanda sbagliata. Non si è chiesto: “Come aiutare le donne in quanto donne?”, ma piuttosto: “Come aiutare le donne a diventare più simili agli uomini?”.

La risposta femminista a questa domanda implicava una miscela di tre elementi intessuti nel tessuto stesso del movimento: l’occulto, l’amore libero e la ristrutturazione della società – o quello che venne chiamato “distruggere il patriarcato”. Questi elementi, in varia misura, erano prevalenti nel primo femminismo, comprese le opere di Elizabeth Cady Stanton e Susan B. Anthony.

Con il progredire del movimento, queste tre idee – l’occulto, l’amore libero e la ristrutturazione della società – si sovrapposero agli ideali comunisti di amore libero, ristrutturazione della società e ateismo. Questa sovrapposizione li rese alleati naturali e il femminismo divenne una piattaforma privilegiata, persino un cavallo di Troia, per i rivoluzionari comunisti che si facevano strada segretamente nelle istituzioni statunitensi.

Il connubio tra femminismo e comunismo è iniziato negli anni ’40. In particolare, è iniziato con un’organizzazione chiamata Congress for American Women (CAW). Il lavoro (essenzialmente di propaganda sovietica) del CAW finì per attirare l’attenzione del Congresso degli Stati Uniti e fu indagato dalla Commissione per le attività antiamericane della Camera. Il Congresso sciolse il CAW nel 1950.

Prima dello scioglimento, tuttavia, erano coinvolte molte donne molto influenti, tra cui la moglie di un importante proprietario di grandi magazzini e molte donne accademiche. Tra queste donne c’era anche una giovane Betty Friedan, la cui influenza sul femminismo non può essere sopravvalutata.

Friedan ha sempre sostenuto di essere una semplice casalinga e di non sapere nulla del comunismo. Ma questa semplice casalinga ha scritto il libro La mistica femminile nel 1963. Il libro vendette 3 milioni di copie nei primi anni. La sua influenza, in particolare l’affermazione che la casa è un “comodo campo di concentramento”, ha influenzato quasi tutte le donne del mondo civilizzato.

Friedan, seguendo Marx ed Engels, era profondamente convinta che le donne sarebbero state libere solo se avessero lasciato la casa. Inconsapevolmente, forse, si è fatta influenzare dalla frase resa famosa da Hitler ad Auschwitz: Arbeit macht frei (“Il lavoro rende liberi”).

Friedan, che aveva studiato psicologia, fu abile nel convincere le donne che la casa era un luogo terribile. Si è appellata al nostro senso di vittimismo. Ci ha insegnato, in breve, a pensare come dei marxisti.

La presa marxista sulle donne, iniziata con Friedan, si intensificò grazie all’influenza di un gruppo di accademici marxisti, i Frankfort Thinkers, della prestigiosa Columbia University. Uno di loro, Wilhelm Reich, scrisse nel 1936 il libro profondamente influente La rivoluzione sessuale, che fu un progetto per quella che oggi conosciamo come rivoluzione sessuale.

Le idee rivoluzionarie dei pensatori di Frankfort hanno influenzato in modo fondamentale femministe radicali come Kate Millett e Angela Davis, che hanno diffuso le loro idee in profondità nell’accademia e, cosa forse più importante, nella cultura popolare degli anni Sessanta e Settanta. Da loro, la guerra di classe marxista fu trasformata in una battaglia dei sessi. Gli uomini vennero ampiamente etichettati come oppressori. Le donne erano di default gli oppressi. Il sesso determinava tutto.

Dichiarata la guerra tra i sessi, le femministe consideravano la forma femminile e le relazioni femminili superiori alle relazioni eterosessuali. Naturalmente, il lesbismo non implicava il rimanere incinta e non richiedeva che le donne servissero mai gli uomini. Una femminista ha spiegato nel libro La sorellanza è potente che una lesbica “non deve fare lavori umili per loro (almeno a casa), né soddisfare il loro ego, né sottomettersi a incontri sessuali frettolosi e inetti. È libera dalla paura di una gravidanza indesiderata e dai dolori del parto, e dalle fatiche dell’educazione dei figli”.

Altre femministe fecero ulteriori passi avanti negli anni ’70, con la raccomandazione di eliminare del tutto gli uomini, come il Manifesto SCUM di Valerie Solanas, o la Society for Cutting Up Men, seguito dalle idee di cancellare del tutto il genere e dalla fluidità di genere. Gli uomini non erano più necessari perché le donne erano state sufficientemente responsabilizzate per vivere senza di loro; le donne erano diventate, grazie all’ideologia femminista, migliori di loro. Echi di ciò sono stati sentiti più recentemente dalla redattrice dell’Huffington Post Emily McComb: “I propositi per il nuovo anno: 1. Coltivare le amicizie femminili; 2. Unirsi per uccidere tutti gli uomini”.

I progressi tecnologici, come la pillola, hanno favorito la finzione che le donne possano essere “proprio come gli uomini”, prevenendo la gravidanza o eliminando le gravidanze indesiderate. La gravidanza e la maternità (anche quella psicologica e spirituale) sono diventate un optional, come la patente di guida, invece che un attributo essenziale della femminilità. Ma non è finita lì. La tecnologia ha infine acquisito la capacità di trasformare le donne in uomini (più o meno). Iniezioni di testosterone, interventi chirurgici “nelle parti superiori” e “nelle parti inferiori” vengono presentati come opzioni per correggere il “corpo sbagliato”, nonostante non sia possibile cancellare completamente gli elementi cromosomici XX presenti in quasi tutte le cellule corporee di una donna.

Nessuno dovrebbe sorprendersi del fatto che l’ideologia femminista si stia finalmente mangiando il suo stesso corpo, come accade a tutte le ideologie. Si è sviluppata una grande spaccatura tra le femministe trans-affermatrici e le loro rivali, le TERF, le femministe radicali transescludenti, come J.K. Rowling. Si tratta di una divisione all’apice di un movimento che implicitamente ha desiderato che le donne diventassero il sesso più ambito: gli uomini. Molte femministe radicali, fedeli a 200 anni di progresso ideologico, sembrano pensare che il sesso debba essere abolito, mentre altre, vedendo dove il movimento le ha portate, non sono entusiaste di vedere le donne cancellate del tutto. Nel frattempo, molte donne oggi non sono più in grado di enumerare le caratteristiche che definiscono la femminilità o cosa significhi essere una donna.

Sebbene molti si chiedano cosa sia successo, la risposta è che le donne d’élite hanno lentamente e costantemente servito la loro ideologia a donne molto ricettive per qualche tempo, in una realtà parallela che pochi hanno notato fino a poco tempo fa. L’offerta è stata quella di sogni di successo, emancipazione e ambizione. Queste cose, ci hanno assicurato, ci renderanno felici. Non avremo più bisogno di uomini, di una casa o della “fatica” dei figli. Tutte queste cose, ci hanno detto, non faranno altro che ostacolarci. Eppure, le statistiche raccontano una storia molto diversa: depressione, divorzio, malattie sessualmente trasmissibili, aborti e suicidi sono diventati dettagli biografici comuni a molte donne. Alcune donne sono state in grado di riprendersi dal femminismo. Questo nuovo danno, la sterilizzazione di giovani donne e uomini, non può, tragicamente, essere annullato.

Forse il dettaglio più inquietante del femminismo è che, tra tutti i tiranni sanguinari del XX secolo, l’ideologia femminista ha ucciso più di tutti loro messi insieme attraverso il flagello dell’aborto. Uno studio Guttmacher del 2022 ha riportato 73 milioni di aborti all’anno in tutto il mondo, eliminando più di circa l’intera popolazione del Regno Unito (69 milioni). Non si tratta di un soldato che uccide un soldato, ma di una madre che si è convinta che uccidere il proprio figlio sia per il suo bene.

Come affermo nel mio libro:

“Per andare avanti, le donne devono riconoscere dove risiede il nostro vero potere e capire come usarlo bene. Dobbiamo anche porre fine al vilipendio degli uomini e procedere al ripristino della famiglia. Se facciamo queste cose, il mondo non finirà – al contrario, come un giardino sterile, emergerà lentamente, tornando alla vita, per essere rianimato con quegli elementi che abbiamo afferrato ma che ci sono sfuggiti”.
Finché non riconosceremo il terribile danno arrecato alla nostra cultura dal femminismo, non saremo in grado di limitare il potere del movimento LGBTQ+. Pandora deve essere rimessa nel suo vaso. I nostri figli e le generazioni future dipendono da questo.

Le donne sono incredibilmente potenti. Elizabeth Cady Stanton aveva previsto che il movimento femminile avrebbe scatenato “la più grande rivoluzione che il mondo abbia mai visto”, e non si sbagliava, se si intendono le dimensioni e l’influenza piuttosto che la bontà morale. Se non fossimo potenti, la nostra cultura non avrebbe mai ceduto ai danni provocati dal femminismo e dalla sua “grande rivoluzione”. Il problema è che non abbiamo usato il nostro potere in modo adeguato.

Carrie Gress

 

Carrie Gress, Ph.D., è borsista presso l’Ethics and Public Policy Center e studiosa presso l’Institute for Human Ecology della Catholic University of America. È redattrice della rivista femminile online Theology of Home e coautrice della sua serie di libri. Dottore di ricerca presso la Catholic University of America, è autrice di diversi libri, tra cui The End of Woman: How Smashing the Patriarchy Has Destroyed Us, The Marian Option: La soluzione di Dio per una civiltà in crisi e The Anti-Mary Exposed: Rescuing the Culture from Toxic Femininity. Carrie è coautrice con George Weigel di City of Saints: A Pilgrims Guide to John Paul II’s Krakow. Madre di cinque figli che studiano a casa, vive con la sua famiglia in Virginia. Visitate il suo blog all’indirizzo www.carriegress.com

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments