Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Simon Caldwell e pubblicato su Catholic Herald. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

FBI

 

I fedeli cattolici in America sono stati spiati da agenti governativi sotto copertura, come ha rivelato una documentazione trapelata.

Almeno un agente sotto copertura del Federal Bureau of Investigation (FBI) è stato incaricato di raccogliere segretamente prove che potessero collegare i cattolici al “movimento nazionalista di estrema destra”, come ha appreso una commissione governativa statunitense.

L’FBI si è concentrata in particolare sui cattolici interessati alla Messa tradizionale in latino come gruppo all’interno della Chiesa presumibilmente più propenso a simpatizzare per attività estremiste violente.

I documenti mostrano tuttavia che l’FBI aveva pianificato di infiltrarsi non solo nelle organizzazioni tradizionaliste irregolari come la Società San Pio X, ma anche nella Chiesa tradizionale.

Gli agenti stavano anche pianificando di rivolgersi alle “parrocchie cattoliche tradizionali” e alla “leadership diocesana”, come risulta da un documento di 18 pagine pesantemente redatto.

Almeno un agente è stato inviato a spiare i cattolici che pregavano in chiese e cappelle nell’area di Richmond, in Virginia.

Le rivelazioni sono state fatte dal rappresentante Jim Jordan, dell’Ohio, che presiede la sottocommissione della Camera per l’armamento del governo federale.

In risposta alla sua inchiesta, l’FBI ha rilasciato alla sua commissione un documento censurato che rivela informazioni limitate sulle operazioni di spionaggio dell’agenzia sui cattolici.

La commissione ha richiesto la divulgazione a seguito della fuga di notizie di un memo interno del 23 gennaio della divisione di Richmond dell’FBI che chiedeva di effettuare tali operazioni contro le comunità cattoliche tradizionaliste, secondo quanto riportato dalla Catholic News Agency.

Il promemoria, intitolato “L’interesse degli estremisti violenti a sfondo razziale o etnico per l’ideologia cattolica radicale-tradizionalista presenta quasi certamente nuove opportunità di mitigazione”, ha spinto Jordan a citare in giudizio l’FBI per ottenere la documentazione completa e altri dettagli sulle attività dell’agenzia contro i gruppi religiosi.

“Ora sappiamo che l’FBI si è affidata ad almeno un agente sotto copertura per produrre la sua analisi”, ha dichiarato Jordan in una lettera al direttore dell’FBI Christopher Wray, quando ha presentato la sua richiesta di divulgazione completa.

Ha detto che il documento ha anche rivelato che l’agenzia intendeva utilizzare le organizzazioni religiose locali come “nuove vie per lo sviluppo di fonti e fili per far scattare una trappola (o tripwire, ndr)”.

Jordan ha detto che il documento è stato rivisto e approvato da due analisti di intelligence di alto livello e dal capo della divisione locale dell’FBI.

Nella sua testimonianza al Comitato ristretto sull’intelligence del Senato, Wray ha detto che il memo trapelato dalla divisione di Richmond dell’FBI non rifletteva gli standard rigorosi dell’FBI e ha affermato di essere rimasto “sbigottito” quando ne è venuto a conoscenza.

“Non conduciamo indagini basate su affiliazioni o pratiche religiose, punto e basta”, ha dichiarato Wray.

“Abbiamo anche ordinato alla nostra divisione di ispezione di esaminare come è successo e di cercare di capire come possiamo assicurarci che una cosa del genere non si ripeta”, ha aggiunto.

Jordan ha tuttavia affermato che le operazioni di spionaggio dell’FBI contro la Chiesa cattolica non solo sono “scioccanti”, ma rafforzano “la necessità della commissione di ottenere tutto il materiale dell’FBI che risponde alla nostra richiesta”.

“I documenti prodotti finora mostrano come l’FBI abbia cercato di arruolare le case di culto cattoliche come potenziali fonti per monitorare e riferire sui loro parrocchiani”, ha affermato in una lettera a Wray.

“Gli americani frequentano le chiese per praticare il loro culto e riunirsi per il loro miglioramento spirituale e personale. Devono essere liberi di esercitare i loro diritti fondamentali del Primo Emendamento senza preoccuparsi che l’FBI possa aver piazzato le cosiddette fonti ‘tripwire’ o altri informatori nelle loro case di culto”.

Egli ha affermato che la commissione non ha “chiaro” quanti dipendenti dell’FBI abbiano esplorato “nuove strade per lo sviluppo di fonti e fili per far scattare trappole” nelle case di culto cattoliche in tutto il Paese come risultato del documento di Richmond dell’FBI.

Una dichiarazione dell’FBI rilasciata alla Catholic News Agency ha affermato che l’agenzia “riconosce l’importanza della supervisione del Congresso e rimane pienamente impegnata a cooperare con le richieste di supervisione del Congresso, coerentemente con le sue responsabilità costituzionali e statutarie”.

Ha aggiunto che: “L’FBI sta lavorando attivamente per rispondere alle richieste di informazioni del Congresso – compresa la produzione volontaria di documenti”.

A febbraio, il governatore della Virginia Glenn Youngkin ha chiesto all’FBI piena trasparenza sulle sue operazioni di spionaggio dei cattolici e il procuratore generale della Virginia Jason Miyares ha firmato una lettera con altri 19 procuratori generali statali in cui si chiedeva all’FBI di fornire tutti i documenti relativi al memo.

Anche il vescovo Barry Knestout di Richmond ha criticato l’FBI per aver spiato i cattolici.

Ha detto: “Le persone di tutti i gruppi di fede hanno da tempo trovato rifugio nelle protezioni costituzionali della nostra grande nazione.

“Tutti cerchiamo di condividere il dono di Dio della vita, di godere dei frutti della libertà che la nostra nazione offre e di aiutarci l’un l’altro a garantire il bene comune”.

Simon Caldwell

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments