L’ex cardinale Theodore McCarrick (ora ridotto allo stato laicale per abusi sessuali su minore, ndr) intervenne per far pressione sui membri della Fondazione Papale negli USA per sostenere una controversa richiesta di sovvenzione di 25 milioni di dollari, intesa a rimborsare un prestito illecito dell’APSA, la banca centrale del Vaticano, di 50 milioni di euro.  Un prestito che, prima di essere approvato dall’APSA, fu bocciato dal cardinale George Pell e dalle autorità finanziarie dell’Istituto per le Opere Religiose (IOR).

Ce ne parla Ed Condon in questo articolo  pubblicato su catholic News Agency

 

McCarrick Theodore ex cardinale ora ridotto allo stato laicale

McCarrick Theodore ex cardinale ora ridotto allo stato laicale

 

L’ex cardinale Theodore McCarrick (ora ridotto allo stato laicale per abusi sessuali su minore, ndr)  intervenne per far pressione sui membri della Fondazione Papale negli USA per sostenere una controversa richiesta di sovvenzione, intesa a rimborsare un prestito illecito dell’APSA, la banca centrale del Vaticano. McCarrick incontrò privatamente la direzione della banca nei mesi precedenti il suo intervento. 

McCarrick fece l’intervento nel dicembre 2017, dopo che furono sollevate obiezioni sulla richiesta del Vaticano di 25 milioni di dollari da parte della Fondazione Papale, per un ospedale italiano in fallimento, l’Istituto Dermopatico dell’Immacolata (IDI). 

La richiesta di finanziamento da parte della Segreteria di Stato vaticana, secondo i verbali di una riunione del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Papale di dicembre, fu fatta per la prima volta nel giugno 2017 come “richiesta di emergenza” del Papa, e si diceva che fosse destinata a coprire una crisi di liquidità a breve termine all’IDI.

La Fondazione Pontificia è un’organizzazione di beneficenza che, su richiesta della Santa Sede, conferisce donazioni a enti di beneficenza. Le sovvenzioni normalmente non superavano i 300.000 dollari, il che rese insolita la richiesta di 25 milioni di dollari. Nell’autunno 2017, diversi membri del consiglio di amministrazione si opposero alla richiesta perché avevano scoperto che l’ospedale era finanziariamente insolvente, e non solo in una fase di crisi di liquidità a breve termine, come i funzionari vaticani li avevano indotti a credere.

Tra coloro che si opposero c’era James Longon, presidente del comitato di revisione contabile della Fondazione, che in una nota ai membri del consiglio di amministrazione descrisse la richiesta come un “disastro per la Fondazione Papale. Non solo il processo decisionale è viziato, ma il destinatario ha un passato dubbio”.

All’inizio di dicembre 2017, un altro membro del consiglio inviò una lettera all’intero consiglio, sollevando obiezioni sulla richiesta di sovvenzione e delineando i problemi finanziari dell’IDI.

McCarrick rispose a quel consigliere con lettera del 14 dicembre 2017. Inviò in copia la sua lettera ai cardinali del consiglio della Fondazione. 

“Alcune delle vostre azioni recenti potrebbero aver causato danni alla Fondazione stessa”, scrisse il cardinale al membro del consiglio di amministrazione, citando precedenti episodi di “sfortunata pubblicità” e “divisione” alla fondazione, e suggerendo che le critiche alla richiesta di sovvenzione potrebbero causare più [danni] di quelli accaduti dello stesso genere.

“Le affermazioni e le accuse menzionate nella sua lettera si basano purtroppo su fonti anonime ‘dentro e intorno’ al Vaticano. È una vergogna che contengano materiale palesemente falso, irresponsabile e gravemente dannoso per la Pontificia Fondazione”, scrisse McCarrick. 

“Molte delle affermazioni che a quanto pare sono sostenute da ‘una fonte anonima’ possono essere smentite da una documentazione facilmente disponibile e pubblica. È stato un peccato che lei non sia stato in grado di verificare le informazioni dalla sua fonte anonima prima di diffonderle”.

“La mia obiezione non riguarda il suo disaccordo con la richiesta di sovvenzione, ma piuttosto che il suo disaccordo sembra mettere in discussione l’integrità stessa della Fondazione Papale”, scrisse McCarrick, suggerendo apparentemente che sollevare domande sulla richiesta vaticana fosse inappropriato.

Diverse fonti vicine alla Fondazione Papale hanno detto alla CNA che le “affermazioni palesemente false” a cui McCarrick aveva fatto riferimento includevano l’affermazione che l’IDI, che era stata dichiarata fallita nel 2013, aveva milioni di euro di debiti e passività. Tali debiti erano in realtà una questione di dati pubblici.

La CNA ha riferito che i fondi della sovvenzione non erano mai stati intesi come destinati all’ospedale, ma piuttosto a rimborsare parzialmente un prestito di 50 milioni di euro concesso dall’APSA, la banca centrale vaticana, ed erogato per finanziare l’acquisto dell’IDI in fallimento da parte di una partnership costituita tra la Segreteria di Stato e la Congregazione dei Figli dell’Immacolata Concezione – l’ordine religioso che originariamente possedeva e gestiva l’ospedale, che si era assunta la maggior parte dei debiti in essere dell’IDI. Tali informazioni non furono divulgate ai membri del consiglio di amministrazione della Fondazione Pontificia.

Non è chiaro se McCarrick fosse a conoscenza dell’effettiva destinazione dei fondi della sovvenzione al momento della sua lettera. Tuttavia, la CNA ha appreso che, nel luglio 2017, il segretario dell’APSA, padre Mauro Rivella, si incontrò personalmente con McCarrick a Washington DC – poco dopo la prima richiesta di finanziamento della Fondazione Papale, e due mesi dopo la prima accusa di abuso sessuale contro McCarrick fatta da Programma di Riconciliazione e Compensazione Indipendente di New York.

Al momento dell’invio della lettera di McCarrick, le accuse di abusi sessuali su minori a suo carico erano già state inoltrate al Vaticano. I cardinali Donald Wuerl e Timothy Dolan, entrambi membri del consiglio di amministrazione, erano a conoscenza delle accuse.

McCarrick ha fatto parte del consiglio di amministrazione dell’APSA fino al 2010, quando gli è stato richiesto di ritirarsi dopo aver compiuto 80 anni. Dopo il 2010, McCarrick ha continuato a prestare servizio come rappresentante degli Stati Uniti per la Fondazione Centesimus Annus Pro Pontifice, un gruppo no-profit controllato dall’APSA, ruolo che ha mantenuto fino alla sua pubblica disgrazia dopo la pubblicazione delle accuse di abuso sessuale nel 2018.

Il CNA ha riferito che il prestito APSA fu coordinato dal cardinale Angelo Becciu, poi sostituto presso la Segreteria di Stato, e che violò le politiche interne e gli accordi normativi internazionali. CNA ha anche riferito che APSA infine cancellò (considerò quelle poste come perdite contabili, ndr) 30 milioni dei 50 milioni di euro del prestito.

Il prestito dell’APSA arrivò dopo che la stessa proposta era stata negata dallo IOR, la banca depositaria del Vaticano che fornisce servizi bancari a ordini religiosi e impiegati curiali, dopo che il suo presidente, Jean-Baptiste Douville de Franssu, insieme al cardinale George Pell posero il veto al piano, concludendo che l’IDI non sarebbe stata in grado di rimborsare il prestito.

La lettera di McCarrick diceva che le informazioni riguardanti i debiti insoluti dell’IDI e la storia di frodi e appropriazione indebita erano “non verificate” e avevano “causato gravi danni alla Fondazione”.

McCarrick suggerì che i membri del consiglio di amministrazione laica rinviassero ai membri cardinali della fondazione per “riparare i danni che possono essere stati fatti” alla credibilità della Fondazione Papale e alla richiesta di sovvenzione, e “chiarire la vostra posizione”. 

Mentre i membri laici del consiglio di fondazione erano quasi unanimi nell’opporsi alla richiesta di sussidio, i vescovi e i membri cardinali del consiglio li misero in minoranza, e nel dicembre 2017, la richiesta di sussidio fu approvata.

Due rate iniziali della sovvenzione furono inviate a Roma tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, per un totale di 13 milioni di dollari. Dopo che i disaccordi interni sulla sovvenzione diventarono pubblici, il cardinale Donald Wuerl, incaricato di presentare la proposta, disse che avrebbe chiesto al Vaticano di annullare la richiesta e restituire i fondi. 

All’inizio del 2019, il Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano, disse che i 13 milioni di dollari sarebbero stati riclassificati come prestito, piuttosto che come sovvenzione, e sarebbero stati rimborsati attraverso “sconti” applicati ogni anno alla lista delle sovvenzioni richieste alla Fondazione Papale dagli uffici vaticani e dall’apostolato cattolico.

“I poveri finiranno per pagare il debito”, ha detto alla CNA una fonte vicina alla Fondazione Pontificia.

Una fonte di alto livello dell’APSA ha attribuito l’insuccesso della sovvenzione della Fondazione Papale a quello che riteneva essere un sentimento anti-Francesco tra i membri del consiglio di amministrazione della Fondazione Papale.

“Tutte queste obiezioni sollevate sul fatto che l’IDI non fosse come i normali beneficiari delle sovvenzioni sono solo giustificazioni”, ha detto a CNA. “Se questa fosse stata una richiesta di Benedetto o Giovanni Paolo II, avrebbero inviato il denaro senza pensarci”.

Alla domanda se la richiesta di sovvenzione fosse effettivamente arrivata da Papa Francesco, se il Papa avesse supportato la richiesta, o se fosse a conoscenza dello scopo segreto di compensare il prestito dell’APSA, il funzionario ha detto che la cosa era “irrilevante”.

“Per quanto riguarda la preoccupazione della Fondazione Pontificia, se la Segreteria di Stato chiede, è il Papa che sta chiedendo, rifiutare significa rifiutare al Papa”.

McCarrick è stato condannato dalla Santa Sede per abusi sessuali su minori e seminaristi e ridotto allo stato laicale all’inizio di quest’anno. McCarrick vive in isolamento in un convento in Kansas e non è disponibile per commenti.

 

__________________________________





 

Facebook Comments
1