Nel febbraio 2020, la ECLJ ha pubblicato un rapporto che rivela che 22 dei 100 giudici permanenti della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) tra il 2009 e il 2019 erano stati ex collaboratori di sette ONG attive davanti alla Corte, e che 18 di loro avevano addirittura giudicato 88 casi presentati o sostenuti dalle “loro” ONG, ponendosi così in una situazione di conflitto di interessi. Uno di questi 18 giudici è proprio Yonko Grozev, ex funzionario dell’Open Society di Soros(organizzazione attiva sul  fronte dell’eutanasia), che ha respinto l’appello dei familiari del cattolico polacco, lasciato morire di fame e di sete all’Ospedale di Plymouth.

L’articolo di Grégor Puppinck, direttore dell’European Center for Law and Justice (ECLJ), prende le mosse proprio dall’ultima sentenza della CEDU per mostrare come la Corte Europea dei Diritti Umani sia ormai uno strumento del tutto inutile e come agisca in aperta violazione del suo stesso codice deontologico.

La traduzione è a cura di Wanda Massa.

 

Yonko Grozev
Yonko Grozev, giudice della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo

 

Il giudice Yonko Grozev, un ex membro della Open Society di George Soros, ha giudicato sommariamente un caso di eutanasia e lo ha respinto senza fornire spiegazioni. La sua decisione è definitiva e non viene pubblicata sul sito web del tribunale; il paziente polacco morirà di fame e di sete. Il dossier, n. 55987/20, sarà presto distrutto. “Il caso solleva ancora una volta la questione della parzialità dei giudici della Corte europea dei diritti dell’uomo“, spiega Gregor Puppinck, direttore dell’European Center for Law and Justice (ECLJ).

Yonko Grozev, uno degli ex dipendenti di George Soros, che è diventato un giudice della CEDU, ha appena lasciato morire un paziente polacco che è in coma dallo scorso novembre senza ulteriori processi. È stato con una semplice lettera che il tribunale ha informato gli avvocati del paziente della sua decisione, considerando il suo ricorso manifestamente infondato.

Una decisione presa da un solo giudice, senza alcuna spiegazione…

Quest’uomo sta morendo di sete e di fame, unendosi a Vincent Lambert, Alfie Evans e alcuni altri che la Corte ha abbandonato prima di lui.

Questo paziente polacco – il cui nome e immagine non possono essere rivelati, per ordine dei tribunali britannici – è ricoverato in Gran Bretagna, in un reparto che ha deciso di abbandonarlo alla morte e, secondo la sua famiglia, di prelevare alcuni dei suoi organi perché si era dichiarato un potenziale donatore. La sua famiglia e il governo polacco hanno comunque chiesto che venga rimpatriato nella sua terra natale, dove sarà trattato con dignità. I vescovi polacchi hanno detto che avrebbero coperto tutti i costi. Senza alcun risultato. I tribunali britannici hanno deciso che doveva morire nel Regno Unito, e il signor Grozev ha appena dato loro ragione.

Non avrà la fortuna della piccola Tafida Raqeeb, anche lei “condannata a morte” nel Regno Unito, ma che i genitori sono riusciti a portare in Italia nel 2019, dove le sue condizioni sono migliorate notevolmente da allora.

Mentre la CEDU aveva proceduto con una sentenza di merito nel caso di Vincent Lambert, è stato deciso che questo caso non meritava tale onore. Yonko Grozev, presidente della sezione, l’ha giudicato da solo e l’ha liquidato sommariamente senza fornire alcuna spiegazione. La sua decisione è definitiva e non viene pubblicata sul sito web della Corte. Il file, n. 55987/20, sarà distrutto a breve.

Yonko Grozev, alunno di Open Society, fondazione leader nell’eutanasia

Avendo scoperto che questa decisione era stata presa da un ex dipendente della Open Society di George Soros, la famiglia del ricorrente, con una mossa disperata, ha scritto al presidente della Corte, Robert Spano, chiedendo una revisione del caso. La famiglia fa leva sul fatto che la Open Society è stata a lungo attiva e generosa nel promuovere il suicidio assistito e l’eutanasia, anche donando milioni di dollari a organizzazioni attiviste come “Compassion & Choices” o “Death with Dignity National Center“. Il signor Grozev è stato un funzionario della Open Society fino a quando è diventato un giudice della Corte nel 2015. La famiglia del paziente può quindi legittimamente temere che egli condivida questo impegno attivista per l’eutanasia, e che questo influisca sulla sua imparzialità.

Le regole della Corte specificano che nessun giudice può partecipare all’esame di un caso se, tra le altre ragioni, “la sua indipendenza o imparzialità può essere legittimamente messa in discussione“. La Corte ha dichiarato che l’imparzialità è definita, tra l’altro, dall’assenza di pregiudizio o di parzialità da parte dei giudici e che, a questo proposito, “anche le apparenze possono essere importanti“.

Nonostante questo, il presidente della Corte ha appena respinto la domanda di revisione il 19 gennaio 2020, limitandosi a dichiarare infondate le “accuse” che sfidano l’imparzialità del signor Grozev, segnando così il destino del paziente polacco.

Quel che è peggio è che il signor Grozev potrebbe aver preso questa decisione senza nemmeno preoccuparsi di aprire il fascicolo del paziente polacco n. 55987/20, seguendo il destino del 95% delle domande presentate alla Corte, che sono state respinte a priori, come ha rivelato l’ex giudice Boštjan Zupančič. Potrebbe anche essere che questa domanda sia stata messa nel mucchio delle domande inammissibili per essere meglio respinta; ma non si osa pensare a questo. Questo caso è esemplare.

Un problema di parzialità dei giudici delle ONG

In primo luogo, dimostra che le persone in coma non hanno più nulla da aspettarsi dalla Corte e che la gente si sta abituando all’eutanasia. Mostra anche quanto sia pregiudizievole reclutare attivisti, piuttosto che magistrati professionisti, per sedere nella Corte, perché saranno sempre – e giustamente – sospettati di parzialità, non essendo mai stati soggetti a un obbligo di riserva. Dimostra anche che i casi importanti possono essere giudicati rapidamente, annegati nella marea di domande respinte sommariamente.

Infine, illustra, ancora una volta, il rifiuto della Corte di affrontare il problema strutturale dei pregiudizi dei suoi giudici ONG. Nel febbraio 2020, la ECLJ ha pubblicato un rapporto che rivela che 22 dei 100 giudici permanenti della Corte tra il 2009 e il 2019 erano stati ex collaboratori di sette ONG attive davanti alla Corte, e che 18 di loro avevano addirittura giudicato 88 casi presentati o sostenuti dalla “loro” ONG, ponendosi così in una situazione di conflitto di interessi. In particolare, di questi 18 giudici, il giudice Grozev era in conflitto di interessi in otto occasioni (leggi qui) è possibile scaricare il rapporto in pdf). Ancora nel novembre 2020, ha giudicato una causa intentata dalla ONG che lui stesso aveva fondato e diretto fino al 2013: la sezione della Corte da lui presieduta aveva respinto una richiesta di ricusazione avanzata nei suoi confronti dal governo bulgaro poche settimane dopo la pubblicazione del rapporto della Corte europea di giustizia (D.K. v. Bulgaria n. 76336/16).

Interrogati ripetutamente su questo tema da giornalisti, parlamentari e ambasciatori al Consiglio d’Europa, il signor Spano e il suo predecessore, il signor Sicilianos, hanno costantemente rifiutato di rispondere proprio sulla questione dei conflitti di interesse.

Il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa si è occupato della questione dall’aprile 2020, ma non è ancora riuscito ad adottare una risposta comune.

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email