Il British Medical Journal (BMJ), una delle più antiche e influenti riviste di medicina generale del mondo, a novembre scorso, ha pubblicato un articolo investigativo che riferiva della manipolazione dei dati della ricerca del vaccino Pfizer avvenuta in uno dei suoi siti di rilevazione, quello di Ventavia. L’articolo di The British Medical Journal non è però facilmente condivisibile sulla piattaforma di Facebook. Ecco la protesta del BMJ. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook/Meta
Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook/Meta


Caro Mark Zuckerberg,

Siamo Fiona Godlee e Kamran Abbasi, redattori di The British Medical Journal (BMJ), una delle più antiche e influenti riviste di medicina generale del mondo. Stiamo scrivendo per sollevare serie preoccupazioni circa il “fact checking” intrapreso da fornitori terzi per conto di Facebook/Meta.

Nel mese di settembre, un ex dipendente di Ventavia, una società di ricerca a contratto che aiuta a svolgere la principale sperimentazione del vaccino Pfizer covid-19, ha iniziato a fornire al BMJ decine di documenti aziendali interni, foto, registrazioni audio ed e-mail. Questi materiali hanno rivelato una serie di cattive pratiche di ricerca clinica che si verificano a Ventavia e che potrebbero avere un impatto sull’integrità dei dati e sulla sicurezza del paziente. Abbiamo anche scoperto che, nonostante abbia ricevuto un reclamo diretto su questi problemi oltre un anno fa, la FDA non ha ispezionato i siti di sperimentazione di Ventavia.

Il BMJ ha incaricato un giornalista investigativo di scrivere la storia per il nostro giornale. L’articolo è stato pubblicato il 2 novembre, dopo la revisione legale, la revisione peer esterna e soggetto alla consueta supervisione e revisione editoriale di alto livello di The BMJ.[1]

Ma dal 10 novembre, i lettori hanno iniziato a segnalare una serie di problemi quando hanno cercato di condividere il nostro articolo. Alcuni hanno riferito di non essere in grado di condividerlo. Molti altri hanno riferito di aver segnalato i loro post con un avviso di “contesto mancante … I fact-checkers indipendenti dicono che questa informazione potrebbe indurre in errore le persone”. Coloro che hanno cercato di pubblicare l’articolo sono stati informati da Facebook che le persone che ripetutamente condividono “informazioni false” potrebbero avere i loro post spostati più in basso nel News Feed di Facebook. Gli amministratori dei gruppi in cui l’articolo è stato condiviso hanno ricevuto messaggi da Facebook che li informavano che tali post erano “parzialmente falsi”.

I lettori sono stati indirizzati a un “fact check” eseguito da un appaltatore di Facebook chiamato Lead Stories.[2]

Troviamo che il “fact check” eseguito da Lead Stories sia impreciso, incompetente e irresponsabile.

— Non riesce a fornire alcuna affermazione sul fatto che l’articolo del BMJ si sia sbagliato.
— Ha un titolo senza senso: “Fact Check: Il British Medical Journal non ha rivelato rapporti squalificanti e ignorati di difetti nelle prove del vaccino Pfizer COVID-19”.

— Il primo paragrafo etichetta inesattamente il BMJ come “blog di notizie”.

— Contiene uno screenshot del nostro articolo con un timbro sopra che dichiara “Flaws Reviewed,” (rilevate imprecisioni, ndr)  nonostante l’articolo di Lead Stories non identifichi nulla di falso o non veritiero nell’articolo di The BMJ

— Ha pubblicato l’articolo sul suo sito web sotto un URL che contiene la frase “hoax-alert”. (avviso di bufala, ndr)

Abbiamo contattato Lead Stories, ma si rifiutano di cambiare qualcosa sul loro articolo o sulle azioni che hanno portato Facebook a segnalare il nostro articolo.

Abbiamo anche contattato direttamente Facebook, chiedendo la rimozione immediata dell’etichetta “fact checking” e di qualsiasi link all’articolo di Lead Stories, permettendo così ai nostri lettori di condividere liberamente l’articolo sulla vostra piattaforma.

C’è anche una preoccupazione più ampia che vogliamo sollevare. Siamo consapevoli che The BMJ non è l’unico fornitore di informazioni di alta qualità ad essere stato colpito dall’incompetenza del regime di fact checking di Meta. Per fare un altro esempio, vorremmo evidenziare il trattamento da parte di Instagram (anch’esso di proprietà di Meta) di Cochrane, il fornitore internazionale di revisioni sistematiche di alta qualità delle prove mediche.[3] Invece di investire una parte dei sostanziali profitti di Meta per aiutare a garantire l’accuratezza delle informazioni mediche condivise attraverso i social media, avete apparentemente delegato la responsabilità a persone incompetenti nello svolgimento di questo compito cruciale. Il controllo dei fatti è stato un punto fermo del buon giornalismo per decenni. Quello che è successo in questo caso dovrebbe essere motivo di preoccupazione per chiunque apprezzi e faccia affidamento su fonti come The BMJ.

Speriamo che lei agisca rapidamente: in particolare per correggere l’errore relativo all’articolo di The BMJ e per rivedere i processi che hanno portato all’errore; e in generale per riconsiderare il suo investimento e l’approccio al fact checking in generale.

I migliori auguri,

Fiona Godlee, redattore capo
Kamran Abbasi, direttore entrante
Il BMJ

 

References:

[1] Thacker PD. Covid-19: Researcher blows the whistle on data integrity issues in Pfizer’s vaccine trial. BMJ. 2021 Nov 2;375:n2635. doi: 10.1136/bmj.n2635. PMID: 34728500. https://www.bmj.com/content/375/bmj.n2635

[2] Miller D. Fact Check: The British Medical Journal Did NOT Reveal Disqualifying And Ignored Reports Of Flaws In Pfizer COVID-19 Vaccine Trials. Nov 10, 2021. ​​https://leadstories.com/hoax-alert/2021/11/fact-check-british-medical-jo…

[3] https://twitter.com/cochranecollab/status/1458439812357185536

 

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email