Rilancio la lettera aperta che David Penner ha scritto a tutti quei medici che rimangono silenziosi davanti ai gravi fatti che stanno accadendo. La lettera è stata pubblicata su World Council for Health. Eccola nella mia traduzione. 

 

infermiere medico

 

“La triste verità è che la maggior parte del male è fatta da persone che non decidono mai di essere buone o cattive”.

– Hannah Arendt, La vita della mente

Questa è una lettera al medico silenzioso. Questa è una lettera a tutti i medici che sentono che il colpo di stato biofascista in corso è scientificamente, moralmente e politicamente sbagliato, eppure mantengono una politica di ostinata ignoranza per proteggere le loro carriere. Non è troppo tardi per liberarsi dalle sordide catene di un’obbedienza cieca e disumana. Gettate via queste bugie, questi mostruosi inganni, e sostenete quel sacro giuramento senza il quale un medico non è che un guscio annerito e senz’anima.

La professione medica è nobile, ma solo se si sostiene il consenso informato e il principio del “primo, non nuocere”. In assenza di questo quadro bioetico, la medicina si trasforma in un manganello insanguinato che viene brandito dai tiranni. Come ha avvertito Vera Sharav, sopravvissuta all’Olocausto, la bancarotta morale del medico tedesco durante il Terzo Reich ha giocato un ruolo cruciale nel gettare le basi per la macchina hitleriana dell’omicidio di massa. Inoltre, come dimostrano il Vioxx (farmaco ritirato dal commercio per problemi di sicurezza sulla salute, ndr), l’epidemia di oppioidi, l’epidemia di psicofarmaci, l’eccesso di prescrizione di benzodiazepine e barbiturici, il programma di vaccini infantili del CDC (decine di mandati abbinati alla protezione della responsabilità del produttore), un sistema multilivello vergognoso e milioni di bancarotte mediche pre-Covid, tra le altre depravazioni, l’armamento dell’assistenza sanitaria americana è in corso da decenni. Tuttavia, è stato solo con l’arrivo del culto di Branch Covidian che questa militarizzazione ha avvolto il mondo in un’ombra mortale, minacciando di sradicare per sempre l’autonomia e la libertà corporea.

Oltre all’etica del consenso informato e al primum non nocere, ogni pilastro critico dell’etica medica è stato gravemente violato: il Codice di Norimberga, la diagnosi precoce e il trattamento precoce, la prescrizione off-label, la distinzione tra un farmaco autorizzato per l’uso in emergenza (EUA) e un farmaco pienamente approvato dalla FDA, il diritto di visitare i propri cari ricoverati in ospedale, l’inviolabilità delle cartelle cliniche elettroniche e l’importanza di interrompere un esperimento medico quando vi sono prove inequivocabili di un danno.

Sir William Osler ricorda ai suoi colleghi medici l’importanza dell’altruismo in Aequanimitas:

“La pratica della medicina è un’arte, non un mestiere; una vocazione, non un affare; una vocazione in cui il vostro cuore sarà esercitato in egual misura con la vostra testa. Spesso la parte migliore del vostro lavoro non avrà a che fare con pozioni e polveri, ma con l’esercizio dell’influenza del forte sul debole, del giusto sul malvagio, del saggio sullo stolto”.

Dall’arrivo della SARS-CoV-2 sulle coste vergini transumane, le agenzie a tre lettere hanno protetto i deboli dai forti e i giusti dai malvagi?

La CNN e altri mass media ci hanno informato che più di un milione di americani sono morti a causa del Covid, ma la maggior parte di questi decessi ha riguardato anziani e persone con comorbidità significative. In effetti, si è trattato in larga misura di morti con Covid, non di morti per Covid. Indubbiamente, molti sono morti anche a causa della soppressione di modalità di trattamento precoci come il protocollo Zelenko (cure domiciliari precoci, ndr), il protocollo dell’Associazione dei Medici e Chirurghi Americani e i protocolli della Frontline Covid-19 Critical Care Alliance (FLCCC), oltre a trattamenti ospedalieri di dubbia efficacia come descritto nel libro di Erin Olszewski Undercover Epicenter Nurse: How Fraud, Negligence, and Greed Led to Unnecessary Deaths at Elmhurst Hospital. Il blocco delle prime opzioni terapeutiche che prevedono l’uso di farmaci riproposti, unito a una pressione incessante e assolutamente isterica per l’assunzione di un vaccino sperimentale, è emblematico di un’inversione dell’etica medica.

Per quale altro problema medico un medico dice a un paziente che non esistono trattamenti precoci e che dovrebbe semplicemente recarsi al pronto soccorso più vicino quando le sue condizioni si deteriorano al punto da temere per la sua vita? Questo nichilismo terapeutico viene insegnato in qualsiasi scuola di medicina del mondo? Come ha osservato il medico argentino Hector Carvallo, non si può restare impassibili a guardare mentre la casa del vicino va a fuoco. Anche se ci possono essere diversi modi per offrire assistenza, non fare nulla è indifendibile.

La produzione di un nuovo vaccino richiede in genere almeno dieci anni, e questo utilizzando i metodi tradizionali della tecnologia vaccinale. I vaccini a mRNA utilizzano una tecnologia completamente nuova. Non è possibile farlo in modo sicuro in dieci mesi.

Miliardi di esseri umani sono stati costretti con la prepotenza, il braccio di ferro e il ricatto a sottoporsi a un’inoculazione sperimentale, violando così la più luminosa delle linee rosse della medicina. Inoltre, ciò è avvenuto mentre l’idrossiclorochina e l’ivermectina, farmaci approvati dall’FDA decenni fa e con un profilo di sicurezza consolidato, sono stati implacabilmente diffamati e demonizzati nonostante un robusto insieme di prove che ne dimostrano l’efficacia. La censura delle voci dissenzienti da parte di Facebook, Twitter e YouTube, che a loro volta hanno tratto profitto dai lockdown, ha contribuito a spegnere il dibattito scientifico, senza tuttavia riuscire a modificare la verità. In “Promoting Unlicensed Vaccines is Lawbreaking” (Promuovere vaccini senza licenza è una violazione della legge), del dottor Robert Malone, l’autore scrive:

“A mio parere, la FDA e i CDC hanno continuato ad aggirare le norme regolamentari consolidate e hanno permesso attività del tutto illegali (tra cui la commercializzazione vietata di prodotti medici senza licenza) nella loro fretta di distribuire prodotti vaccinali genetici per una malattia che è facilmente gestibile utilizzando un’ampia varietà di protocolli di trattamento clinico precoce”.

Il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), il sistema britannico Yellow Card, il VigiAccess dell’OMS e l’EudraVigilance mostrano tutti un numero sorprendentemente elevato di eventi avversi da vaccino in relazione al vaccino mRNA, e attualmente ci sono più di 30.000 decessi su VAERS, un numero senza precedenti. (Il rapporto Lazarus Harvard Pilgrim Health Care ha concluso che VAERS cattura in genere meno dell’1% dei dati reali sugli eventi avversi da vaccino). Steve Kirsch, che è stato instancabile nello smontare la narrativa ufficiale, ha analizzato i dati VAERS ed è giunto a un fattore di sotto-segnalazione per i vaccini Covid pari a 41. Ci sono altri segnali che meritano di essere indagati, come il drammatico aumento della mortalità segnalato dalle compagnie di assicurazione sulla vita e il fatto che la principale causa di morte nella provincia canadese di Alberta per il 2021 era “mal definita e sconosciuta”.

È chiaro che i vaccini non conferiscono immunità né impediscono la trasmissione. La nuova affermazione, secondo cui le iniezioni sperimentali diminuiscono la virulenza, è assurda. Un vaccino che non riesce a immunizzare è un ossimoro. Inoltre, come si può dimostrare questo con un virus il cui tasso di mortalità varia ampiamente a seconda dell’età, del peso e delle comorbidità? Come disse Osler in “Chauvinism in Medicine”: “Maggiore è l’ignoranza, maggiore è il dogmatismo”.

Informed Choice Australia ha compilato un elenco di mille studi peer-reviewed che collegano il vaccino mRNA a miocardite, pericardite, trombocitopenia, Guillain-Barré, linfoadenopatia, mielite trasversa, rabdomiolisi, oltre ad altre gravi patologie. Il Dr. James Thorp, la Dr.ssa Jessica Rose, la Dr.ssa Tess Lawrie, il Dr. Christof Plothe, il Dr. Pierre Kory e il Dr. Roger Hodkinson, insieme ad altri illustri medici e scienziati, hanno espresso preoccupazione per il fatto che le iniezioni sperimentali vengano somministrate a donne incinte, da tempo considerate una grave violazione dell’etica medica; inoltre, vi sono prove che la vaccinazione con mRNA possa avere un impatto insidioso anche sulla fertilità maschile. In “Danni vascolari e agli organi indotti dai vaccini a mRNA: Prova inconfutabile di causalità“, del Dr. Michael Palmer e del Dr. Sucharit Bhakdi, gli autori concludono che “Nel complesso, questi vaccini non possono più essere considerati sperimentali – l'”esperimento” ha portato al disastro che molti medici e scienziati avevano previsto fin dall’inizio”.

Come hanno notato Robert F. Kennedy Jr. e altri, i governi di tutto il mondo hanno approfittato della pandemia per ignorare i protocolli costituzionali, imporre leggi di emergenza e governare per decreto esecutivo; questa totalitarizzazione è stata particolarmente diffusa in Occidente. Privo di una bussola morale, il medico automa continuerà a essere usato come pedina per fomentare la tirannia. A causa del ruolo di primo piano svolto dal complesso medico-industriale americano nell’orchestrare il colpo di stato biofascista, è di vitale importanza che un maggior numero di medici americani denunci lo sventramento della loro professione, una professione che apparentemente è di guarigione, ma che sta devastando l’umanità.

I lockdowns hanno terrorizzato persone di ogni estrazione sociale, distruggendo innumerevoli posti di lavoro e aggravando notevolmente la disuguaglianza economica, l’abuso di sostanze, il suicidio e l’atomizzazione. Un’analisi di queste misure medievali condotta dalla Johns Hopkins ha concluso quanto segue:

“Sebbene questa meta-analisi concluda che i provvedimenti di chiusura hanno avuto pochi o nessun effetto sulla salute pubblica, essi hanno imposto enormi costi economici e sociali laddove sono stati adottati. Di conseguenza, le politiche di lockdowns sono infondate e dovrebbero essere respinte come strumento di politica pandemica”.

Sottoporre i bambini all’obbligo di Covid, quando in assenza di una grave patologia di base hanno un rischio statisticamente nullo di morire a causa di Covid, è particolarmente inqualificabile. Uno studio condotto da ricercatori della Brown sull’impatto domestico della mascherina e della chiusura delle scuole ha concluso che “i bambini nati durante la pandemia hanno prestazioni verbali, motorie e cognitive complessive significativamente ridotte rispetto ai bambini nati prima della pandemia”. Ironia della sorte, la dottoressa Leana Wen, appassionata di lockdown, si lamenta ora del fatto che la mascherina ha avuto un impatto deleterio sullo sviluppo del linguaggio di suo figlio.

Certo, lo straordinario potere dell’industria farmaceutica di corrompere, intimidire e convincere rende difficile resistere a questa agenda demoniaca. Tuttavia, è la collaborazione dei medici a dare a questo colpo di stato una patina di legittimità e rispettabilità. Continuerete a rimanere in silenzio mentre le forze delle tenebre ci trascinano inesorabilmente in un vortice di tradimento, illegalità e brutalità sfrenata? Questa non è la fine del progetto di biosicurezza, ma solo l’inizio.

Se non verrà invertita, l’usurpazione dell’etica del consenso informato da parte dell’etica medica nazista, che giustifica qualsiasi atrocità se compiuta in nome del “bene superiore”, renderà permanente questa nuova era di autoritarismo.

La polarizzazione che ha seguito l’ascesa di questa psyop (guerra psicologica militare, ndr) globale – la prima del suo genere – ruota attorno alla questione se questi mandati draconiani siano stati implementati in nome della salute pubblica o se il loro vero obiettivo sia quello di cancellare la democrazia e imporre una dittatura della salute in cui tutti, tranne i ricchi e i potenti, siano relegati allo status di animali da allevamento. Di conseguenza, questa dicotomizzazione, che ha distrutto innumerevoli relazioni e fatto a pezzi intere famiglie, è prima di tutto una lotta ideologica tra coloro che credono nel consenso informato e coloro che si sono inginocchiati davanti alla testa di scrofa del dispotismo.

È per questo che avete frequentato la facoltà di medicina, per poter guardare dall’altra parte mentre azioni atroci venivano commesse da una cabala spietata e rapace? So che almeno uno di voi sta ascoltando. Infatti, queste barbarie vengono perpetrate in vostro nome – in nome della scienza, della medicina e della salute pubblica.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email