Ricevo la segnalazione e rilancio. 

 

Don Camillo e madame Elisabeth Borne primo ministro della Francia
Don Camillo e madame Elisabeth Borne primo ministro della Francia

 

Madame le Premier Ministre,

sono parroco, in Italia, di una bella e nota cittadina sulle rive del mare Adriatico: Cervia, ma, come si può facilmente intuire dal mio nome, ho la doppia nazionalità (italiana e francese) e sono bilingue.

Sono, quindi, europeo “de facto” e sono fiero di godere della nazionalità di due paesi fondatori dell’Unione europea.

Mi permetto, detto ciò, di indirizzarle questa lettera aperta, perché ho trovato il suo recente intervento a commento del risultato delle elezioni politiche in Italia, sinceramente, una vera e propria ingerenza.

Proviamo ad immaginare se si fosse verificata la stessa cosa a parti invertite. La Francia, giustamente, non lo tollererebbe!

Lei ha affermato che “la Francia vigilerà al “rispetto” dei diritti umani e del diritto all’aborto in Italia”. Ma chi gliel’ha chiesto?
Non desidero mettermi a discutere su principi etici ( anche se ne sono fortemente tentato), ma, Madame, accetterebbe che l’Italia vigilasse per controllare se lei è in grado di guidare un governo di minoranza come l’attuale governo francese?

In questo momento storico tutti i paesi europei devono affrontare enormi problemi e, soprattutto, una tragica guerra dagli esiti ancora imprevedibili.

In Italia – come hanno ricordato i nostri Vescovi – l’agenda dei problemi è fitta: le povertà in aumento costante e preoccupante, l’inverno demografico, la protezione degli anziani, i divari tra i territori, la transizione ecologica e la crisi energetica, la difesa dei posti di lavoro, soprattutto per i giovani, l’accoglienza, la tutela, la promozione e l’integrazione dei migranti, il superamento delle lungaggini burocratiche, le riforme dell’espressione democratica dello Stato e della legge elettorale…
In Francia non siete, francamente, messi meglio.

Mi permetta, perciò, di ricordarle un principio del diritto romano e che la dottrina sociale della Chiesa ha fatto suo: “unicuique suum”( “a ciascuno il suo”).

Sono certo che Lei abbia già tante preoccupazioni, perciò non aggiunga ad esse anche il “vigilare” l’Italia.

Gli italiani, come i francesi, amano la loro Patria: la sua storia, la sua cultura e la sua libertà.

Le rivolgo, quindi, – come cittadino italiano e francese – un invito, con rispetto e cortesia: “occupez-vous de vos oignons”!

Veuillez apprécier, Madame le Premier Ministre, mes salutations les plus distinguées.

Don Pierre Laurent Cabantous

Curé

 

Cabantous Pierre Laurent è parroco presso Concattedrale di Cervia – S. Maria Assunta

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments