Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Norman Solomon e pubblicato su AntiWar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

bombardamento-israeliano-su-Gaza
bombardamento israeliano su Gaza

 

I governi di Israele e degli Stati Uniti sono ora in disaccordo su quanti civili palestinesi sia lecito uccidere. La scorsa settimana, quando il bilancio delle vittime dei massicci bombardamenti israeliani su Gaza si è avvicinato a 10.000 persone, tra cui diverse migliaia di bambini, gli alti funzionari statunitensi hanno iniziato a preoccuparsi della crescente indignazione in patria e all’estero. Così, hanno reso pubbliche le loro perplessità e i loro appelli per una “pausa umanitaria”. Ma il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha chiarito che non ne vuole sapere.

Queste piccole divergenze tattiche non intaccano la solida alleanza tra i due Paesi, che hanno concluso un accordo decennale che garantisce 38 miliardi di dollari di aiuti militari statunitensi a Israele. E ora, mentre la carneficina a Gaza continua, Washington si sta affrettando a fornire ulteriore assistenza militare per un valore di 14 miliardi di dollari.

Giorni fa, In These Times ha riferito che l’amministrazione Biden sta cercando il permesso del Congresso “per approvare unilateralmente la futura vendita di attrezzature militari e armi – come missili balistici e munizioni d’artiglieria – a Israele senza notificare il Congresso”. In questo modo, “il governo israeliano potrebbe acquistare fino a 3,5 miliardi di dollari in articoli e servizi militari in completa segretezza”.

Mentre le forze israeliane utilizzavano le armi fornite dagli Stati Uniti per massacrare i civili palestinesi, i voli di rifornimento atterravano in Israele grazie ai contribuenti statunitensi. La rivista Air & Space Forces Magazine ha pubblicato una foto che mostra “aviatori dell’aeronautica statunitense e membri dell’esercito israeliano che scaricano un carico da un C-17 Globemaster III dell’aeronautica statunitense su una rampa della base di Nevatim, in Israele”.

Le immagini scattate il 24 ottobre mostrano che il carico militare è andato dalla Travis Air Force Base in California alla Ramstein Air Base in Germania fino a Israele. Complessivamente, riporta la rivista, “la flotta di trasporto aereo dell’Aeronautica Militare ha lavorato costantemente per consegnare munizioni essenziali, veicoli blindati e aiuti a Israele”. Così, il Paese dell’apartheid sta ricevendo un’enorme spinta per assistere le uccisioni.

Le terribili atrocità commesse da Hamas il 7 ottobre hanno aperto la porta a terribili atrocità prolungate da parte di Israele con l’assistenza fondamentale degli Stati Uniti.

Oxfam America ha pubblicato un documento informativo che denuncia i piani del Pentagono di spedire decine di migliaia di proiettili di artiglieria da 155 mm all’esercito israeliano. L’organizzazione ha osservato che “l’uso di queste munizioni da parte di Israele nei conflitti passati dimostra che il loro uso sarebbe praticamente garantito come indiscriminato, illegale e devastante per i civili di Gaza”. Oxfam ha aggiunto: “Non esistono scenari noti in cui i proiettili d’artiglieria da 155 mm possano essere utilizzati nelle operazioni di terra di Israele a Gaza nel rispetto del diritto umanitario internazionale”.

Nelle ultime settimane, “diritto internazionale umanitario” è stata una frase comune del Presidente Biden che ha espresso il suo sostegno alle azioni militari di Israele. È un’assurdità orwelliana, come se fosse sufficiente pronunciare queste parole mentre si aiuta costantemente Israele a violare il diritto umanitario internazionale in numerosi modi.

“Le forze israeliane hanno usato il fosforo bianco, una sostanza chimica che si incendia a contatto con l’ossigeno, causando orribili e gravi ustioni, in quartieri densamente popolati”, ha scritto a fine ottobre Clive Baldwin, consulente legale senior di Human Rights Watch. “Il fosforo bianco può bruciare fino alle ossa e le ustioni sul 10% del corpo umano sono spesso fatali”.

Baldwin ha aggiunto: “Israele si è anche impegnato in una punizione collettiva della popolazione di Gaza, tagliando cibo, acqua, elettricità e carburante. Questo è un crimine di guerra, così come bloccare volontariamente i soccorsi umanitari per raggiungere i civili in difficoltà”.

Alla fine della scorsa settimana, l’organizzazione Win Without War ha osservato che “gli alti funzionari dell’amministrazione sono sempre più allarmati dal modo in cui il governo israeliano sta conducendo le sue operazioni militari a Gaza, così come dalle ripercussioni sulla reputazione del sostegno dell’amministrazione Biden a una strategia di punizione collettiva che viola chiaramente il diritto internazionale. Molti temono che gli Stati Uniti vengano incolpati per gli attacchi indiscriminati dell’esercito israeliano contro i civili, in particolare donne e bambini”.

Le notizie ci dicono che Biden e il Segretario di Stato Antony Blinken vogliono correggere un po’ la rotta. Per loro, la costante uccisione su larga scala di civili palestinesi è diventata preoccupante quando è diventata un problema di pubbliche relazioni.

Vestite da una scorta inesauribile di retorica eufemistica e di doppi sensi, tali politiche immorali sono sbalorditive da vedere in tempo reale. E, per molti abitanti di Gaza, lasciano letteralmente senza fiato.

Ora, guidata da calcoli politici, la Casa Bianca sta cercando di persuadere il Primo Ministro israeliano a ridurre le dosi letali di bombardamenti su Gaza. Ma come Netanyahu ha chiarito negli ultimi giorni, Israele farà quello che vuole, nonostante le suppliche del suo patrono.

Sebbene, in effetti, operi in Medio Oriente come parte della macchina da guerra statunitense, Israele ha una propria agenda. Tuttavia, i due governi sono legati da interessi strategici condivisi, a lungo termine e di ampio respiro in Medio Oriente, che non hanno assolutamente bisogno dei diritti umani, se non come decorazione retorica. Biden lo ha detto chiaramente l’anno scorso, quando ha dato un pugno al sovrano de facto dell’Arabia Saudita, una dittatura ricca di petrolio che, con l’assistenza degli Stati Uniti, ha condotto una guerra contro lo Yemen durata otto anni e costata quasi 400.000 vite.

La macchina della guerra ha bisogno di essere costantemente oliata dai media. Ciò richiede il continuo mantenimento dell’assunto del doppio senso secondo cui, quando Israele terrorizza e uccide persone dall’aria, la Forza di Difesa israeliana sta combattendo il “terrorismo” senza impegnarsi in esso.

Un’altra nozione utile nelle ultime settimane è stata la presunzione che – mentre Hamas fa “propaganda” – Israele non la fa. Così, il 2 novembre, il corrispondente per gli affari esteri del PBS NewsHour, Nick Schifrin, ha riferito di quelli che ha definito “video di propaganda di Hamas”. È giusto così. Se non fosse che sarebbe praticamente impossibile per i principali media statunitensi definire “propaganda” anche la produzione pubblica del governo israeliano. (Ho chiesto a Schifrin un commento, ma le mie diverse e-mail e messaggi non hanno avuto risposta).

A prescindere dalle differenze che possono emergere di tanto in tanto, gli Stati Uniti e Israele rimangono legati. Per l’élite di potere a Washington, l’alleanza bilaterale è molto più importante della vita dei palestinesi. Ed è improbabile che il governo statunitense affronti davvero Israele per la sua serie di uccisioni a tempo indeterminato a Gaza.

Considerate questo: Poche settimane prima di iniziare il suo secondo mandato come speaker della Camera nel gennaio 2019, la rappresentante Nancy Pelosi è stata ripresa in un video durante un forum sponsorizzato dall’Israeli American Council mentre dichiarava: “Ho detto alla gente, quando me lo chiedevano, che se questo Campidoglio si sgretolasse, l’unica cosa che rimarrebbe è il nostro impegno nei confronti del nostro aiuto – non lo chiamo nemmeno aiuto – della nostra cooperazione con Israele. È fondamentale per quello che siamo”.

Anche tenendo conto delle bizzarre iperboli, la dichiarazione della Pelosi è rivelatrice del tipo di mentalità che continua a regnare nella Washington ufficiale. Non cambierà senza un grande movimento di base che si rifiuta di andarsene.

Norman Solomon

 

Norman Solomon è direttore nazionale di RootsAction.org e direttore esecutivo dell’Institute for Public Accuracy. È autore di molti libri, tra cui War Made Easy. Il suo ultimo libro, War Made Invisible: How America Hides the Human Toll of Its Military Machine, è stato pubblicato nell’estate del 2023 da The New Press.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments