Rilancio un articolo del prof. Paul Craig Roberts sulle ragioni profonde del conflitto in Ucraina. L’articolo è stato pubblicato sul suo sito. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Ucraina-e-Donbass

 

L’errore di calcolo della Russia in Ucraina risale al 2014, quando il Cremlino rifiutò la richiesta dei russi del Donbass, nell’Ucraina orientale, di essere riuniti alla Russia. Storicamente parte della Russia, la regione del Donbass è stata annessa alla provincia ucraina dell’Unione Sovietica dai leader sovietici, così come la Crimea. Questi territori popolati da russi, storicamente parte della Russia, hanno rifiutato il governo anti-russo installato a Kiev quando Washington ha rovesciato il governo ucraino e installato un regime fantoccio. Se il Cremlino avesse accettato la richiesta dei russi del Donbass, non ci sarebbe stata la necessità di un intervento russo nel Donbass.

L’Ucraina ha inviato forze per sottomettere le due repubbliche dichiarate di Donetsk e Luhansk. L’esercito ucraino e le milizie naziste non erano all’altezza del compito di sottomettere le milizie frettolosamente create delle due repubbliche, ma riuscirono a occupare parte del territorio del Donbass da cui bombardarono le popolazioni civili del Donbass per 8 anni.

Il Cremlino ha cercato di fermare il conflitto con l’accordo di Minsk. L’Ucraina e le repubbliche lo hanno firmato e l’Europa avrebbe dovuto farlo rispettare, ma l’Ucraina non ha rispettato l’accordo e l’Europa non lo ha fatto rispettare. Anzi, Washington ha incoraggiato l’Ucraina a ignorarlo, perché vedeva l’opportunità di avviare un conflitto che poteva essere usato per demonizzare e isolare la Russia.

All’interno della Russia, i russi si opponevano all’uccisione di russi da parte degli ucraini. Il Cremlino è stato messo sotto pressione affinché smettesse di placare l’Occidente accettando le vittime civili russe. Nel febbraio di quest’anno, il Cremlino ha finalmente rinunciato alla morte dell’accordo di Minsk, vecchio di 8 anni, e ha riconosciuto le due repubbliche.

Se l’Occidente non avesse voluto un conflitto, il riconoscimento russo avrebbe fermato i bombardamenti e posto fine al conflitto. Invece un esercito ucraino di 150.000 uomini e milizie naziste, addestrati ed equipaggiati da Washington e dal Regno Unito, sono stati inviati a invadere e riconquistare i russi del Donbass. Per il Cremlino, questo sarebbe stato un disastro politico. Washington, ovviamente, lo sapeva e contava sull’ennesima tolleranza russa di un’enorme provocazione, visto che la risposta del Cremlino alle provocazioni di Washington è sempre stata questa: accettare, perdonare e affidarsi ai negoziati.

Tuttavia, il Cremlino si è reso conto di non poter sopravvivere politicamente al massacro dei russi del Donbass.

Il Cremlino ha definito il suo intervento militare in Ucraina come un’operazione limitata per impedire all’Ucraina di invadere il Donbass e per cacciare le forze ucraine che occupavano parte del Donbass e bombardavano le popolazioni civili. L’obiettivo era il Donbass, non l’Ucraina.

I politici e i media occidentali fingono che la Russia abbia invaso l’Ucraina, non sia semplicemente intervenuta nel Donbass e abbia attaccato Kiev, ma sia stata sconfitta. Si tratta di un’evidente menzogna. I russi hanno lasciato Kiev in pace. Hanno messo delle truppe intorno alla città per impedire che venissero inviati rinforzi nel Donbass. Una volta circondate le forze ucraine nel Donbass, in modo che i rinforzi non potessero raggiungerle in numero significativo, si sono ritirati dall’area di Kiev.

I politici e i media occidentali che si sono prostituiti hanno mentito quando hanno detto che la Russia ha invaso l’Ucraina. La Russia non ha invaso l’Ucraina e questo è stato il loro errore. I russi sono intervenuti in Ucraina orientale, nel Donbass, per prevenire un’invasione ucraina per la riconquista delle due repubbliche del Donbass.

I fatti rivelano che non si tratta di un’aggressione russa, ma di un’aggressione occidentale. L’accordo di Minsk, sponsorizzato dalla Russia, avrebbe posto fine al conflitto mantenendo il Donbass come parte dell’Ucraina, ma concedendo al Donbass una certa autonomia, come una propria forza di polizia, per minimizzare l’oppressione del Donbass sotto il regime anti-russo installato da Washington. L’accordo era inapplicabile perché Washington voleva il conflitto.

La guerra che sta per arrivare è la conseguenza dell’insistenza di Washington sull’egemonia e dell’incapacità del Cremlino di comprendere la situazione e di capire come l’infinita tolleranza del Cremlino di insulti e provocazioni incoraggi l’Occidente a spingere sempre di più fino a quando la Russia non sarà messa all’angolo e dovrà finalmente combattere.

 

***

 

Paul Craig Roberts ha ricoperto incarichi accademici presso la Virginia Tech, l’Università di Tulane, l’Università del New Mexico, l’Università di Stanford, dove è stato Senior Research Fellow presso la Hoover Institution, l’Università di George Mason, dove ha ricoperto l’incarico congiunto di professore di economia e di professore di amministrazione aziendale, e l’Università di Georgetown, dove ha ricoperto la cattedra William E. Simon di economia politica presso il Centro di studi strategici e internazionali.

Ha contribuito con capitoli a numerosi libri e ha pubblicato molti articoli in riviste specializzate, tra cui Journal of Political Economy, Oxford Economic Papers, Journal of Law and Economics, Studies in Banking and Finance, Journal of Monetary Economics, Public Choice, Classica et Mediaevalia, Ethics, Slavic Review, Soviet Studies, Cardoza Law Review, Rivista de Political Economica e Zeitschrift fur Wirtschafspolitik. È presente nella McGraw-Hill Encyclopedia of Economics e nel New Palgrave Dictionary of Money and Finance.

Ha collaborato con Commentary, The Public Interest, The National Interest, Policy Review, National Review, The Independent Review, Harper’s, New York Times, Washington Post, Los Angeles Times, Fortune, London Times, Financial Times, TLS, The Spectator, The International Economy, Il Sole 24 Ore, Le Figaro, Liberation e il Nihon Keizai Shimbun. Ha testimoniato davanti alle commissioni del Congresso in 30 occasioni.

Giornalismo

Roberts è stato redattore associato ed editorialista del Wall Street Journal ed editorialista di Business Week e dello Scripps Howard News Service. È stato editorialista a livello nazionale per Creators Syndicate di Los Angeles. Nel 1992 ha ricevuto il Warren Brookes Award for Excellence in Journalism. Nel 1993 la Forbes Media Guide lo ha classificato come uno dei sette migliori giornalisti degli Stati Uniti.

Servizio pubblico
Il Presidente Reagan ha nominato Roberts Assistente del Segretario del Tesoro per la politica economica ed è stato confermato dal Senato degli Stati Uniti. Dal 1975 al 1978, Roberts ha fatto parte dello staff del Congresso, dove ha redatto la legge Kemp-Roth e ha svolto un ruolo di primo piano nello sviluppo di un sostegno bipartisan per una politica economica orientata all’offerta. Dopo aver lasciato il Tesoro, è stato consulente del Dipartimento della Difesa e del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email