Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Zachary Stieber e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

EMA-European-Medicines-Agency

 

Pfizer non ha evidenziato una sequenza di DNA nel suo vaccino COVID-19, come ha confermato un’autorità di regolamentazione europea.

“Mentre la sequenza completa del DNA del materiale plasmidico di partenza è stata fornita nella domanda iniziale di autorizzazione all’immissione in commercio per Comirnaty, il richiedente non ha specificamente evidenziato la sequenza SV40”, ha dichiarato l’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) a The Epoch Times in una e-mail.

L’e-mail è arrivata dopo che Health Canada ha dichiarato a The Epoch Times che si aspetta che gli sponsor identifichino sequenze come l’enhancer del DNA del Virus Simiano 40 (SV40), ma Pfizer non l’ha fatto.

Pfizer e il suo partner, BioNTech, non hanno risposto alle richieste di commento.

Pfizer non ha evidenziato l’inclusione dell’enhancer nel suo vaccino perché “era considerato una parte non funzionale del plasmide”, ha dichiarato l’EMA. “In seguito ha chiarito questa informazione in risposta alle domande poste dall’EMA”.

L’EMA ha dichiarato che parti della sequenza SV40 sono “comunemente presenti nei plasmidi utilizzati per la produzione di sostanze biologiche attive”, ma né le autorità né Pfizer sono state in grado di dire perché la sequenza sia stata inserita nel vaccino Pfizer.

Il dottor Robert Malone, un esperto di vaccini il cui lavoro è stato citato da Pfizer, ha dichiarato a The Epoch Times che “non c’è alcun motivo” per includere la sequenza. Egli ha esortato le autorità di regolamentazione statunitensi a richiamare il vaccino, ma le autorità hanno rifiutato.

 

Affermazioni contestate

Secondo l’EMA, le sequenze di DNA, compresa la sequenza SV40, vengono “scomposte e rimosse” durante il processo di produzione.

“I frammenti della sequenza SV40 possono essere presenti solo come impurità residue a livelli molto bassi che vengono controllati di routine”, ha affermato l’EMA.

L’agenzia non ha fornito alcuna prova a sostegno dell’affermazione.

“Le migliori stime indipendenti indicano la presenza di 100-200 frammenti B del plasmide in ogni dose”, ha dichiarato in un’e-mail a The Epoch Times Kevin McKernan, un microbiologo che per primo ha identificato la sequenza nel vaccino. “L’EMA non ha offerto alcuna prova scientifica per fare una tale affermazione, se non quella di ‘fidarsi del nostro fallimento non sottoposto a peer review e pesantemente redatto in trasparenza’”.

All’inizio di quest’anno, un portavoce dell’EMA aveva dichiarato che non c’erano “prove che indicassero la presenza di SV40… nella formulazione del vaccino COVID-19”.

L’EMA sta ora riconoscendo che quell’affermazione non era corretta.

Ma l’ente regolatore ha dichiarato di “non aver riscontrato alcuna prova di un’associazione tra vaccini a mRNA ed eventi avversi che potrebbero essere collegati alla presenza di materiale a DNA, né siamo a conoscenza di alcuna prova scientifica che dimostri che le piccolissime quantità di DNA residuo che possono essere presenti nei lotti di vaccino possano integrarsi nel DNA degli individui vaccinati”.

Inoltre, “non abbiamo riscontrato alcuna prova affidabile di DNA residuo che superi i livelli approvati/sicuri” per il vaccino Pfizer.

Il Dr. Malone ha affermato che gli standard citati non sono stati concepiti per i vaccini Pfizer e Moderna, che utilizzano la tecnologia dell’acido ribonucleico messaggero (RNA) modificato.

“La soglia di sicurezza in presenza di questi complessi di rilascio è qualcosa che deve essere stabilita sperimentalmente eseguendo studi di genotossicità”, ha affermato il Dr. Malone. “Dire che solo perché non l’abbiamo rilevata, o perché è al di sotto del livello che normalmente accettiamo con, ad esempio, un vaccino antinfluenzale, è del tutto irrilevante”.

 

I frammenti agiscono come mutageni?

Alcuni scienziati si dicono preoccupati perché i frammenti di DNA potrebbero agire come mutageni, ovvero modificare la sequenza del DNA in un gene, anche tenendo conto del fatto che la sequenza SV40 nel vaccino non è l’antigene T grande che causa il cancro.

“Il fatto è che i pezzi più piccoli potrebbero essere molto significativi”, ha dichiarato a The Epoch Times David Wiseman, ex scienziato della Johnson & Johnson. “Potenzialmente potrebbero entrare nel genoma”.

Wiseman faceva parte di un team che ha recentemente rilevato livelli di DNA residuo nel vaccino di Pfizer e in quello di Moderna.

Patrick Provost, professore presso il Dipartimento di Microbiologia, Malattie Infettive e Immunologia della Facoltà di Medicina dell’Università Laval, ha dichiarato a The Epoch Times che il pericolo della presenza dell’enhancer SV40 nel vaccino è la sua possibile integrazione nel genoma del DNA di una cellula.

“Basta una singola integrazione nel punto sbagliato di una singola cellula per avviare un processo canceroso e uccidere una persona”.

In risposta a queste preoccupazioni, l’EMA ha dichiarato che “non ci sono prove scientifiche che questi frammenti di SV40 possano agire come mutageni inserzionali”.

Il Dr. Malone ha affermato che ciò non è vero.

“Brevi frammenti di DNA e oligonucleotidi sono specificamente utilizzati nella moderna ricerca biomedica per alterare sperimentalmente i genomi di cellule ed embrioni”, ha scritto in una e-mail. “Tali frammenti di DNA sono ben noti a chi è esperto del settore e sono utili per alterare le informazioni genomiche e l’integrità del genoma attraverso la ricombinazione e la mutagenesi inserzionale”.

McKernan (qui tutti gli articoliin italiano su questo blog sulla contaminazione dei vaccini COVID), ex ricercatore e team leader del Progetto Genoma Umano del Massachusetts Institute of Technology, ha osservato che gli scienziati hanno scoperto che le sequenze SV40 sono ottimali per la terapia genica e che un articolo ha descritto un tasso di mutagenesi inserzionale con la trasfezione pari al 7% delle cellule modificate.

“Dato che l’EMA ha rinunciato a tutti gli studi di genotossicità, la loro dichiarazione non è altro che un complice pio desiderio”, ha detto McKernan.

Zachary Stieber

 

Matthew Horwood ha contribuito a questa relazione.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments