“Hanno deciso che la discriminazione, lo stigma e la soppressione delle minoranze sono accettabili per “proteggere” la maggioranza. Questo è ciò che è stato ed è il fascismo. Coloro che hanno promosso slogan come “pandemia dei non vaccinati” o “nessuno è al sicuro finché non lo sono tutti” conoscono l’intento e i potenziali risultati del capro espiatorio delle minoranze.”

Di seguito un articolo di David Bell, pubblicato su Brownstone Institute, che vi propongo nella mia traduzione. 

 

Benito Mussolini
Benito Mussolini

 

Il fascismo è l’arte di nascondere la verità dietro una facciata di sana virtù. È, presumibilmente, vecchio come l’umanità. Mussolini gli ha solo dato un nome, nascondendo le sue idee autoritarie dietro il prosciugamento delle paludi, il rinnovamento dei villaggi, i bambini a scuola e i treni in orario. L’immagine del nazismo degli anni Trenta non era costituita da finestre rotte e vecchi che venivano picchiati per strada, ma da giovani felici e sorridenti che lavoravano insieme all’aria aperta per ricostruire il Paese.

Applicare queste etichette al presente è pericoloso, perché portano con sé un sacco di bagagli, ma aiuta anche a determinare se il bagaglio attuale che pensavamo fosse progressista è in realtà regressivo. Quei giovani felici e sorridenti degli anni Trenta venivano in realtà addestrati alle arti dell’auto-giustizia, della denigrazione del pensiero sbagliato e dell’obbedienza collettiva. Sapevano di avere ragione e che il problema era l’altra parte. Vi ricorda qualcosa?

I cambiamenti sociali degli ultimi due anni sono stati definiti e guidati dalla “salute pubblica”. È quindi giusto cercare analogie con la sanità pubblica del passato per capire cosa sta succedendo, quali sono i fattori trainanti e dove potrebbero portare. Abbiamo visto le nostre professioni della sanità pubblica e le associazioni che le rappresentano invocare la discriminazione attiva e la coercizione sulle scelte mediche. Hanno sostenuto politiche che impoveriscono gli altri, mantenendo i propri stipendi, controllando la normale vita familiare e persino dettando il modo in cui possono piangere i propri morti.

Gli ospedali hanno rifiutato i trapianti a chi aveva fatto scelte mediche non correlate che l’ospedale non gradiva. Ho visto rifiutare a una famiglia l’accesso a un proprio caro in fin di vita finché non avesse accettato le iniezioni che non voleva, per poi consentire l’accesso immediato, confermando così che non si cercava l’immunità, ma il rispetto delle regole.

Abbiamo tutti visto importanti professionisti della salute vilipendere e denigrare pubblicamente i colleghi che cercavano di riaffermare i principi sui quali siamo stati tutti formati: assenza di coercizione, consenso informato e non discriminazione. Piuttosto che mettere le persone al primo posto, un collega professionista mi ha informato, durante una discussione sull’evidenza e l’etica, che il ruolo dei medici della sanità pubblica era quello di attuare le istruzioni del governo. Obbedienza collettiva.

Tutto ciò è stato giustificato dal “bene superiore” – un termine indefinito, dal momento che in due anni nessun governo che ha portato avanti questa narrazione ha rilasciato dati chiari sui costi-benefici che dimostrassero che il “bene” è maggiore del danno. Tuttavia, il conteggio effettivo, per quanto importante, non è il punto. Il “bene maggiore” è diventato per le professioni della salute pubblica un motivo per annullare il concetto di primato dei diritti individuali.

Hanno deciso che la discriminazione, lo stigma e la soppressione delle minoranze sono accettabili per “proteggere” la maggioranza. Questo è ciò che è stato ed è il fascismo. Coloro che hanno promosso slogan come “pandemia dei non vaccinati” o “nessuno è al sicuro finché non lo sono tutti” conoscono l’intento e i potenziali risultati del capro espiatorio delle minoranze.

Sanno anche, grazie alla storia, che la natura fallace di queste affermazioni non ne impedisce l’impatto. Il fascismo è nemico della verità, e mai suo servitore.

Lo scopo di questo scritto è suggerire di chiamare le cose con il loro nome. Di dire le cose come stanno, di dire la verità. I vaccini sono un prodotto farmaceutico con benefici e rischi variabili, proprio come gli alberi sono cose di legno con le foglie. Le persone hanno diritti sul proprio corpo, non i medici o i governi, in qualsiasi società che consideri tutte le persone di valore uguale e intrinseco.

La stigmatizzazione, la discriminazione e l’esclusione sulla base delle scelte sanitarie, che si tratti di HIV, cancro o COVID-19, sono sbagliate. Escludere e diffamare i colleghi che hanno opinioni diverse sull’uso di farmaci sicuri è arrogante. Denunciare chi si rifiuta di seguire ordini in conflitto con l’etica e la morale è pericoloso.

Seguire ciecamente i dettami governativi e aziendali semplicemente per conformarsi al “gruppo” non ha nulla in comune con la sanità pubblica etica. Tutto ciò ha più a che fare con le ideologie fasciste del secolo scorso che con quanto insegnato nelle lezioni di sanità pubblica che ho frequentato. Se questa è la società che vogliamo sviluppare, dobbiamo essere chiari e dichiararlo, non nasconderci dietro false virtù come “equità dei vaccini” o “tutti insieme”.

Non lasciamoci imbrigliare dalle sottigliezze politiche di “sinistra” e “destra”. I leader dei due principali regimi fascisti europei degli anni ’30 provenivano dalla “sinistra”. Si appoggiavano molto ai concetti di salute pubblica di “bene superiore” per eliminare i pensatori inferiori e gli inadempienti.

La nostra condizione attuale richiede introspezione, non partigianeria. Come professione, abbiamo rispettato le direttive di discriminazione, stigmatizzazione ed esclusione, confondendo i requisiti per il consenso informato. Abbiamo contribuito a eliminare i diritti umani fondamentali – all’autonomia corporea, all’istruzione, al lavoro, alla vita familiare, al movimento e agli spostamenti. Abbiamo seguito gli autoritari aziendali, ignorando i loro conflitti di interesse e arricchendoli mentre i cittadini si sono impoveriti. La sanità pubblica non è riuscita a mettere i cittadini al comando ed è diventata un portavoce di una piccola minoranza ricca e potente.

Possiamo continuare su questa strada, e probabilmente finiremo dove è finita l’ultima volta, ma forse senza gli eserciti di altri per rovesciare la mostruosità che abbiamo sostenuto.

Oppure possiamo trovare l’umiltà, ricordare che la sanità pubblica dovrebbe essere al servizio del popolo e non lo strumento di coloro che cercano di controllarlo, e rimuovere il mostro dal nostro seno. Se non sosteniamo il fascismo, possiamo smettere di esserne lo strumento. Potremmo ottenere questo risultato semplicemente seguendo l’etica e i principi fondamentali su cui si basano le nostre professioni.

 

David Bell, studioso senior del Brownstone Institute, è un medico di sanità pubblica residente negli Stati Uniti. Dopo aver lavorato in medicina interna e sanità pubblica in Australia e nel Regno Unito, ha lavorato presso l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), come responsabile del programma per la malaria e le malattie febbrili presso la Foundation for Innovative New Diagnostics (FIND) di Ginevra e come direttore delle tecnologie per la salute globale presso Intellectual Ventures Global Good Fund a Bellevue, USA. È consulente nel settore delle biotecnologie e della salute globale. MBBS, MTH, PhD, FAFPHM, FRCP

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email