In un paio di decreti inattesi emessi martedì mattina, Papa Francesco ha rimosso l’obbligo del segreto pontificio dai casi di abusi sessuali clericali e ha rafforzato il divieto canonico della Chiesa contro il possesso clericale di pornografia infantile. Tutto bene. Ma gli americani dopo 18 mesi aspettano ancora chiarezza sull’ex card. McCarrick.

Ecco un articolo di JD Flynn, pubblicato sul Catholic News Agency, che vi propongo nella mia traduzione. 

Papa Francesco di sera

In un paio di decreti inattesi emessi martedì mattina, Papa Francesco ha rimosso l’obbligo del segreto pontificio dai casi di abusi sessuali clericali e ha rafforzato il divieto canonico della Chiesa contro il possesso clericale di pornografia infantile.

Le mosse sono l’ultima di una serie di sforzi del Papa per riformare l’approccio della Chiesa all’abuso sessuale clericale e alla coercizione, e saranno sicuramente accolte con favore dai cattolici che chiedono una riforma in materia. I cambiamenti legali arrivano, tuttavia, mentre gli osservatori guardano per vedere come Francesco agirà in diversi casi di abuso di alto profilo.

La decisione del Papa di porre fine all’obbligo del segreto pontificio sui casi di abuso, coercizione o possesso di pornografia infantile è una mossa che alcuni riformatori e sopravvissuti agli abusi hanno chiesto sin dall’emergere dello scandalo di Theodore McCarrick nel giugno 2018. Infatti, la Pontificia Commissione per la protezione dei minori ha raccomandato tale azione nel 2017, prima che lo scandalo McCarrick esplodesse.

Formalmente parlando, il segreto pontificio vincola la segretezza degli atti procedurali e sostanziali di un caso canonico riguardante l’abuso o la coercizione clericale, o effettuato, fino a quando il papa ha modificato la legge della Chiesa questa settimana. Ciò significa che i funzionari diocesani e vaticani saranno ora liberi di fornire sintesi di come è stato deciso un caso canonico interno, o, se un caso lo giustifica, anche di rilasciare essi stessi i documenti del processo canonico.

Naturalmente, il decreto del Papa insiste sul rispetto di un’adeguata riservatezza nei casi canonici, soprattutto per proteggere il buon nome di una persona non giudicata colpevole di crimini canonici o di gravi reati morali, ma ora sembra esserci un margine di manovra decisamente più ampio per i funzionari ecclesiastici nell’esprimere giudizi appropriati su ciò che possono rivelare e ciò che non possono rivelare.

Ma c’è anche una sorta di significato simbolico nel decreto del papa sul segreto pontificio. Il segreto pontificio è spesso considerato grave e sacrosanto quanto il sigillo confessionale, e così il suo ruolo nei casi di abuso è diventato, secondo alcune valutazioni, una sorta di deterrente psicologico, impedendo a coloro che si preoccupano di come vengono trattati i casi di alzare una bandiera rossa, o dando l’impressione alle vittime e ai testimoni di non essere liberi di parlare di abuso o coercizione, e la sua gestione da parte della Chiesa.

Anche il segreto pontificio è stato talvolta invocato, a torto, come motivo per cui i funzionari ecclesiastici non hanno denunciato [il caso] alle autorità civili. Il decreto del Papa del 17 dicembre chiarisce, in termini inequivocabili, che un adeguato segreto ecclesiastico non deve impedire la denuncia alle autorità civili, la cooperazione con le autorità civili o la manifestazione pubblica delle accuse delle presunte vittime e dei testimoni.

Il decreto sembra concepito, insomma, per dire che, mentre alcune cose sono adeguatamente riservate, l’impegno per la trasparenza e la responsabilità civile è all’ordine del giorno, e la riservatezza ecclesiastica non deve diventare una barriera pratica, o psicologica, a queste cose.

Il secondo decreto del Papa del 17 dicembre ridefinisce la comprensione che la Chiesa ha della pornografia infantile. Mentre era già un grave reato canonico per un chierico possedere pornografia infantile, il decreto del Papa stabilisce che qualsiasi rappresentazione sessualizzata di persone al di sotto dei 18 anni deve essere considerata pornografia infantile. Fino al decreto, la legge della Chiesa universale ha definito la pornografia infantile come “immagini pornografiche di minori di quattordici anni”.

Per molti americani, questo decreto sembra un’idea di poco conto. Ma mentre molti sostenitori americani della riforma hanno invocato il cambiamento per anni, si è spesso sostenuto che la Chiesa avrebbe avuto difficoltà a criminalizzare il possesso di pornografia che è legale in alcuni stati civili, e che la pornografia che ritrae adolescenti è di fatto legale in alcune nazioni. È stato anche sostenuto che una persona potrebbe accidentalmente possedere materiale pornografico di un adolescente maturo, che egli pensa di fatto essere un adulto.

Il decreto del papa, tuttavia, è stato ampiamente elogiato per aver ignorato questi argomenti e per aver stabilito un nuovo standard ecclesiale di pornografia infantile, in linea con le definizioni della maggior parte degli stati occidentali. Per questa mossa, è probabile che il Papa sia visto come [una persona che fa sul] serio nell’estirpare quanta più perversione sessuale possibile dal clero, e nel farlo in modo diretto.

Infatti, i decreti del Papa del 17 dicembre sono solo l’ultimo dei suoi sforzi per affrontare il flagello dell’abuso sessuale clericale e della coercizione.

La lettera di maggio del Papa, Vos estis lux mundi, ha ampiamente ridefinito gli abusi sessuali clericali e la coercizione, e ha stabilito procedure chiare, e in gran parte ben tenute in considerazione, per il trattamento sia dei sacerdoti, che abusano o che effettuano coercizione, sia dei vescovi accusati di coprire o evitare accuse di abuso o cattiva condotta.

Il summit mondiale di febbraio del Vaticano sull’abuso sessuale ha incoraggiato i leader della Chiesa di tutto il mondo a stabilire standard per la condotta del clero, e ha reso chiara l’aspettativa di una cooperazione con le autorità civili e di denunciare le accuse di abuso e cattiva condotta.

E anche lo sforzo in gran parte abbandonato del Papa ad un tribunale per i vescovi negligenti è stato uno sforzo per affrontare questo problema, stabilito molto prima che lo scandalo McCarrick lo portasse alla ribalta.

Per queste misure, Papa Francesco ha ottenuto i voti più alti per i suoi sforzi istituzionali per affrontare l’abuso sessuale clericale e la coercizione.

Ma allo stesso tempo, il Papa è stato criticato per i suoi evidenti punti ciechi: per aver manifestamente ignorato, in molteplici casi, le accuse che gli sono state portate personalmente dalle presunte vittime o dai funzionari della Chiesa; per aver riabilitato un famigerato sacerdote abusante, per aver trovato lavoro in Vaticano per un vescovo accusato di cattiva condotta (qui si riferisce a Zanchetta, ndr); e per essere lento, o riluttante, a rispondere alle domande su McCarrick.

A dire il vero, il Papa ha agito sul personale. Infatti, il 17 dicembre, lo stesso giorno in cui ha emanato i suoi decreti, Papa Francesco ha accettato le dimissioni di un nunzio apostolico, o diplomatico papale, accusato di cattiva condotta sessuale. Molti osservatori si aspettano che le dimissioni spianino la strada al nunzio perché affronti le accuse penali in Francia.

Francesco ha anche facilitato le dimissioni dei vescovi sotto tiro, come il vescovo di Buffalo Richard Malone, e ha ordinato indagini su altri vescovi, tra cui il vescovo della West Virginia Michael Bransfield.

Tuttavia, il punto centrale delle critiche riguardo l’operato di Papa Francesco sugli abusi non si concentra sulle sue politiche, ma sulle sue stesse decisioni amministrative riguardanti il personale.

Per i cattolici americani, due di queste decisioni sono pendenti.

Il vescovo di Crookston, Minnesota, è il primo vescovo americano ad essere indagato sotto l’egida di Vos estis lux mundi. Il vescovo Michael Hoepnner è accusato di aver fatto pressione su un candidato diaconale per ritrattare un’accusa di abuso, di non aver esercitato un sufficiente controllo su un chierico su un “piano di sicurezza”, e di altri fallimenti del giudizio o dell’amministrazione. Le deposizioni rilasciate al pubblico dimostrano la sua stessa ammissione di non aver rispettato le norme canoniche.

Fonti della sua diocesi dicono al CNA che il vescovo ha quasi completamente perso la fiducia dei suoi sacerdoti, e dei laici cattolici nella diocesi, a causa di queste accuse.

Hoeppner sarà a Roma per la sua visita quinquennale con il Papa a gennaio, e gli osservatori della Chiesa americana cercheranno di vedere se Hoeppner sarà, al momento, rimosso dal suo ufficio, e, in caso contrario, quali informazioni verranno fornite riguardo ai risultati delle indagini del vescovo.

Gli americani sono ancora più in attesa del rilascio di un’indagine vaticana del 2018 ordinata dal Vaticano sulla carriera, le attività e l’influenza dell’ex cardinale Theodore McCarrick, che ha abusato sessualmente, costretto e molestato seminaristi, minori e giovani sacerdoti, secondo un processo penale vaticano.

Il rapporto è una cartina di tornasole immensamente importante dell’impegno della Chiesa per la trasparenza; i cattolici americani hanno chiesto risposte su McCarrick per 18 mesi, e si aspettano che il prossimo rapporto, che si dice sarà pubblicato a gennaio, fornisca loro quelle risposte.

Se i cattolici americani cominceranno o meno a riporre la fiducia nei loro leader dopo un anno tumultuoso dipenderà molto dalla chiarezza e dalla completezza del rapporto McCarrick.

Mentre l’operato del Papa sulla politica è stato reso lucido dai suoi decreti del 17 dicembre, per molti cattolici, ciò che conta ancora di più è se finalmente otterranno risposte sulla rete e l’influenza di Theodore McCarrick.

McCarrick Theodore ex cardinale ora ridotto allo stato laicale

McCarrick Theodore ex cardinale ora ridotto allo stato laicale

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1