Di seguito vi propongo un post sulla mortalità dopo i 28 giorni dalla infezione da COVID per vaccinati e non vaccinati che apre ipotesi interessanti. Il post è di ‘Amanuensis‘, che è lo pseudonimo di un ex-accademico e ricercatore/scienziato senior del governo del Regno Unito. Il post è stato pubblicato per la prima volta sulla sua pagina Substack. Eccolo nella mia traduzione. 

 

terapia intensiva covid

 

Gli ultimi dati UKHSA (UK Health Security Agency, Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito , ndr) su casi, ricoveri e decessi di Covid mostrano la continuazione di una tendenza interessante – mentre la maggior parte dei decessi con Covid avviene nei 28 giorni successivi al test positivo, sembra esserci un numero relativamente maggiore di vaccinati che muoiono dopo questo punto, rispetto ai non vaccinati.

Questo effetto può essere visto nella seguente tabella 1, che mostra i dati dai rapporti di sorveglianza del vaccino UKHSA per le settimane da 36 a 48:

Traduzione della Nota: non stiamo semplicemente confrontando le morti <60 giorni e le morti <28 giorni nella tabella UKHSE - dobbiamo confrontare le morti tra 28 giorni e 60 giorni in un mese con le morti prima dei 28 giorni nel mese precedente. Per esempio, per i dati più recenti (settimana 48) dobbiamo sottrarre i <60 giorni dai <28 giorni per ottenere le morti solo nel secondo mese, e poi confrontare le morti <28 per la settimana 44, un mese fa. Inoltre, non prestate troppa attenzione ai valori assoluti - la ragione per cui ci sono molti più decessi nei vaccinati per i gruppi di età più avanzata è perché la maggioranza è vaccinata.
Traduzione della Nota: non stiamo semplicemente confrontando le morti <60 giorni e le morti <28 giorni nella tabella UKHSE - dobbiamo confrontare le morti tra 28 giorni e 60 giorni in un mese con le morti prima dei 28 giorni nel mese precedente. Per esempio, per i dati più recenti (settimana 48) dobbiamo sottrarre i <60 giorni dai <28 giorni per ottenere le morti solo nel secondo mese, e poi confrontare le morti <28 per la settimana 44, un mese fa. Inoltre, non prestate troppa attenzione ai valori assoluti - la ragione per cui ci sono molti più decessi nei vaccinati per i gruppi di età più avanzata è perché la maggioranza è vaccinata.

Per esempio, per gli ultraottantenni (l’ultima riga della tabella), ci sono stati 480 decessi con Covid negli individui non vaccinati nei primi 28 giorni dopo il loro test positivo, ma altri 59 nei giorni successivi, fino al giorno 60 – questo è un aumento di circa il 12%. Tuttavia, per gli individui vaccinati di età superiore a 80 anni ci sono stati 3.521 decessi con Covid nei primi 28 giorni e un ulteriore 852 morti dal giorno 28 al giorno 60 – un aumento di circa il 24%.

Questo modello di relativamente più morti con Covid tra il giorno 28 e 60 nei vaccinati è visibile per tutti i gruppi di età:

Si noti l’enorme disparità per i gruppi di età più giovani – per quelli vaccinati e di età compresa tra i 20 e i 30 anni ci sono stati quasi altrettanti decessi per Covid dopo il giorno 28 come prima.

Naturalmente, questo è solo per le morti aggiuntive nel secondo mese – come impatta questo effetto sulle morti in generale?

Si può vedere che c’è un piccolo ma non banale aumento dei decessi nei vaccinati rispetto ai non vaccinati, ma, di nuovo, si noti quanto sia significativo l’aumento per i gruppi di età più giovani.

È molto importante notare che ogni gruppo di età ha tassi di mortalità assoluti molto diversi – anche con livelli di vaccinazione significativi quelli di età superiore agli 80 anni hanno ancora i tassi di mortalità più alti, e le morti in quelli di età 20-30 anni rimangono molto rare.

Questa non è una questione banale, per due motivi:

  • I tassi di mortalità ufficiali di Covid contano solo i decessi nei 28 giorni successivi a un test positivo. Ci sono chiaramente più morti legate all’infezione da Covid nel mese successivo. Nei vaccinati questo ammonta ad almeno un 25% di morti in più.
  • Le stime ufficiali dell’efficienza del vaccino confrontano le morti nei vaccinati rispetto ai non vaccinati nei 28 giorni successivi al test positivo – dato che i vaccinati sembrano avere relativamente più morti tra il 28° e il 60° giorno dopo il loro test positivo, è probabile che le cifre ufficiali sovrastimino l’efficienza del vaccino. Questo è particolarmente preoccupante per i giovani adulti, per i quali i decessi nei vaccinati sembrano essere quasi il doppio di quelli utilizzati per le stime dell’efficienza del vaccino in base all’età.


Quindi, perché questo potrebbe accadere? Posso pensare ad alcune potenziali ragioni:

  • I vaccinati potrebbero ricevere una migliore attenzione medica. Penso che questo sia altamente improbabile – il personale sanitario è composto da professionisti e non sarebbe disposto a introdurre pregiudizi nelle loro cure.
  • I vaccini permettono a coloro che sono stati infettati di affrontare meglio la Covid grave, e quindi “rimangono in vita” più a lungo dei non vaccinati. Penso che anche questo sia improbabile – il Covid grave non è una malattia virale – anzi, in molti casi il virus è completamente sradicato durante le prime fasi del Covid grave. Il Covid grave è un disordine immunitario in cui il sistema immunitario del corpo va ‘fuori controllo’. Quindi la capacità degli anticorpi indotti dal vaccino di combattere l’infezione virale è meno rilevante.
  • I vaccini comportano un periodo più lungo con sintomi minori, ritardando così l’ospedalizzazione e, quando si verifica, la morte.

Credo che quest’ultimo punto sia quello che si sta verificando. Questo è compatibile con la nostra comprensione dell’impatto del vaccino sulla risposta immunitaria:

  • I vaccini stimolano principalmente il sistema immunitario a produrre anticorpi IgG più duraturi. Questi proteggono contro il virus che infetta tutto il corpo, ma forniscono poca protezione contro l’infezione nel tratto respiratorio superiore (questo richiede anticorpi IgA, che sono prodotti dal sistema immunitario dopo la vaccinazione, ma che diminuiscono molto rapidamente e sono a livelli insignificanti da circa 50 giorni dopo la vaccinazione, ad esempio vedi qui).
  • Quindi i vaccini offriranno probabilmente una scarsa protezione contro l’infezione da SARS-CoV-2 a partire da circa 50 giorni dopo la vaccinazione – tuttavia, i loro anticorpi IgG circolanti renderanno meno probabile che il vaccinato sviluppi un’infezione sistemica da SARS-CoV-2 e quindi renderanno meno probabile una grave Covid.
  • In alcuni individui la mancanza di protezione contro la SARS-CoV-2 nel tratto respiratorio superiore permette di trattenere qualsiasi infezione. Questa può quindi tentare ripetutamente di infettare altre parti del corpo fino al punto in cui o il sistema immunitario supera l’infezione e l’individuo si riprende o, in una minoranza di casi, il virus supera il sistema immunitario e l’individuo sviluppa una grave Covid.


Se l’ipotesi di cui sopra è vera, allora potremmo aspettarci di vedere relativamente più individui non vaccinati in ospedale nelle prime tre o quattro settimane di qualsiasi ondata di Covid emergente, ma che dopo questo periodo di tempo il numero di individui vaccinati negli ospedali dovrebbe aumentare. Sembra che stiamo per entrare in una nuova ondata di Covid nel Regno Unito – vediamo come si svolgeranno le cose.

Infine, noto che se l’ipotesi di cui sopra è vera, allora una parte degli individui vaccinati sarà infettata con un’alta carica virale per un periodo di tempo relativamente lungo – questo spiega il numero molto alto di casi di Covid che abbiamo visto in così tanti paesi del mondo da quando i livelli di vaccinazione hanno raggiunto una soglia abbastanza alta?

Stop Press: Nell’ultimo rapporto dello ZOE Covid Symptom Study, gli autori avvertono che i primi sintomi del Covid, come il mal di testa e la febbre, potrebbero essere scambiati per effetti collaterali del vaccino e le persone che hanno fatto il vaccino di recente potrebbero diffondere involontariamente il virus.

 

 

Facebook Comments