Il governo australiano dovrebbe indagare con urgenza sul tasso di mortalità in eccesso “incredibilmente alto” del 13% nel 2022, secondo il massimo organismo attuariale del Paese.

Di seguito rilancio per la riflessione di tutti un articolo di Frank Chung, pubblicato su news.com.au. Eccolo nella mia traduzione. 

 

ambulanza medici
David Cliff/NurPhoto via Getty Images

 

Il governo australiano dovrebbe indagare con urgenza sul tasso di mortalità in eccesso “incredibilmente alto” del 13% nel 2022, secondo il massimo organismo attuariale del Paese.

Secondo la nuova analisi dell’Actuaries Institute sui dati dell’Australian Bureau of Statistics (ABS), nei primi otto mesi dell’anno sono morte 15.400 persone in più, di cui circa un terzo senza alcun legame con Covid.

Karen Cutter, attuario da oltre 25 anni e portavoce del Covid-19 Mortality Working Group dell’istituto, ha dichiarato che il 13% è un numero “incredibilmente alto per la mortalità” e che non è “chiaro” cosa stia determinando l’aumento.

“La mortalità normalmente non varia di più dell’1-2%, quindi il 13% è molto più alto dei livelli normali”, ha detto.

“Non sono a conoscenza [di qualcosa di paragonabile] nel recente passato, ma non sono andata a guardare indietro [storicamente]”. Si parla della pessima stagione influenzale del 2017, in cui la mortalità è stata dell’1% superiore alla norma. Quindi è ben al di fuori della norma”.

Ha aggiunto: “Oltre ai decessi dovuti a Covid-19, c’è un numero significativo di decessi non dovuti a Covid – non è chiaro quale sia la causa, perché ci sono molti fattori in gioco”.

 

 

Gli attuari sono esperti di dati dietro le quinte, specializzati nell’analisi dei rischi, e uno dei loro punti chiave sono le statistiche sulla mortalità.

“L’analisi della mortalità e di come questa possa essere diversa dalle aspettative è parte integrante del nostro lavoro”, ha detto la signora Cutter.

“Molti prodotti assicurativi si basano su ipotesi di mortalità: assicurazioni sulla vita, sulla morte e sull’invalidità, sulle pensioni di reversibilità… sono molti gli aspetti che si intersecano tra loro. Lo stesso vale per la morbilità. Dico ai miei amici che siamo noi a fare tutti i calcoli dietro le assicurazioni”.

Se lanciare l’allarme è una cosa, la signora Cutter ha detto che quello che è successo dopo è una “domanda molto buona”.

“Penso che il governo dovrebbe occuparsene – non so fino a che punto lo stia facendo o meno, non so che tipo di indagini siano in corso”, ha detto.

“L’AIHW [Istituto australiano per la salute e il benessere] è l’ente australiano che ha il compito di indagare e riferire sulla salute della popolazione australiana, quindi una parte della questione rientra probabilmente nelle loro competenze. Non so cosa stiano facendo”.

Una portavoce dell’AIHW ha dichiarato: “L’AIHW non riferisce di routine sull’eccesso di mortalità”.

La signora Cutter ha fatto notare che il Parlamento australiano sta attualmente conducendo un’inchiesta sul “Long Covid”, ma che l’eccesso di mortalità probabilmente non rientra nei termini di riferimento della commissione.

“Il Covid è una cosa così nuova, ci sono così tante ricerche in corso, nuovi documenti che escono in continuazione”, ha detto.

“Sento che qualcuno dovrebbe fare qualcosa, ma non so chi e cosa”.

 

Mortalità in aumento del 13%

Gli ultimi dati sulla mortalità rilasciati dall’Australian Bureau of Statistics il mese scorso hanno rilevato che ci sono stati 128.797 decessi dal 1° gennaio al 31 agosto, con un aumento del 17% rispetto alla media storica.

Ciò equivale a 18.671 decessi in più. Di questi, solo 7727 sono stati attribuiti a Covid, ovvero il 41%, lasciando 10.944 decessi in eccesso non dovuti a Covid.

I decessi nel mese di agosto sono stati del 12,4% superiori alla media storica, in calo rispetto al 16,2% di luglio.

Secondo i dati dell’ABS, nel 2022 i decessi dovuti alla demenza sono aumentati del 18,9%, il diabete del 20,8%, il cancro del 6,1% e la cardiopatia ischemica del 3,3%.

L’analisi dell’Actuaries Institute arriva a un eccesso di mortalità per i primi otto mesi del 13%, pari a 15.400 decessi in più, e del 10% in agosto, pari a 1.700 decessi.

La signora Cutter ha detto che il motivo per cui la cifra è più bassa – ma comunque eccezionalmente alta – è che l’Actuaries Institute tiene conto della crescita demografica e dell’invecchiamento della popolazione.

Ciò significa che prevede un numero di decessi di base più elevato rispetto all’ABS, che invece considera la media del numero effettivo di decessi verificatisi nel 2017, 2018, 2019 e 2021 – con il 2020 escluso a causa della mortalità molto bassa in quell’anno.

“Abbiamo anche inserito nei nostri numeri le tendenze a lungo termine della mortalità”, ha detto.

“Se si considerano i decessi per cancro, negli ultimi sette anni si è registrata una riduzione di circa l’1% all’anno. Allo stesso modo, i decessi per malattie cardiache sono diminuiti di circa il 5% all’anno, ma la demenza è aumentata per contrastare questo fenomeno”.

 

5100 decessi non dovuti a Covid

L’Actuaries Institute ha rilevato che poco più della metà dell’eccesso di mortalità nei primi otto mesi del 2022, ovvero 8200 decessi, sono stati “da” Covid.

Altri 2100 decessi sono stati elencati come “con” Covid, dove il virus è stato un fattore che ha contribuito.

“Non si tratta di persone che avevano Covid per caso, ma che sono morte per un incidente d’auto”, ha detto la signora Cutter. “Rimane circa un terzo di persone in cui Covid non era affatto coinvolto”.

Tra i 5100 decessi rimanenti, c’è stato un picco intorno al picco di gennaio dei decessi da Covid e un altro in coincidenza con il picco della stagione influenzale in giugno e luglio.

Secondo l’analisi dell’Actuaries Institute, la cardiopatia ischemica è stata la principale responsabile dell’eccesso di decessi nel 2022, seguita dal cancro.

I decessi per malattie respiratorie sono stati significativamente inferiori al previsto per tutta la durata della pandemia – ad eccezione della breve e precoce stagione influenzale di quest’anno – mentre cancro, diabete, malattie cardiache e ictus sono stati i principali responsabili dei decessi in eccesso non dovuti all’influenza nel 2021 e nel 2022.

La dott.ssa Cutter ha affermato che “non è chiaro cosa possa essere alla base di questo fenomeno”, ma in parte potrebbe essere spiegato dalla scomparsa dell’influenza nel 2020 e nel 2021.

“Ci sono state meno persone morte per malattie respiratorie all’inizio [rispetto] a quella che sarebbe stata la normalità pre-pandemia”, ha detto.

“Queste persone tendono a essere più fragili e ad avere altre patologie di base, quindi potrebbero aver vissuto un anno o due in più perché non sono morte di influenza, ma potrebbero morire ora. Questo potrebbe essere uno dei fattori in gioco”.

Ha aggiunto che ci sono stati molti decessi per diabete, malattie cardiache e ictus, che le nuove ricerche hanno dimostrato essere “altamente correlati a Covid”.

5100 decessi non dovuti a Covid

L’Actuaries Institute ha rilevato che poco più della metà dell’eccesso di mortalità nei primi otto mesi del 2022, ovvero 8200 decessi, sono stati “da” Covid.

Altri 2100 decessi sono stati elencati come “con” Covid, dove il virus è stato un fattore che ha contribuito.

“Non si tratta di persone che avevano Covid per caso, ma che sono morte per un incidente d’auto”, ha detto la signora Cutter. “Rimane circa un terzo di persone in cui Covid non era affatto coinvolto”.

Tra i 5100 decessi rimanenti, c’è stato un picco intorno al picco di gennaio dei decessi da Covid e un altro in coincidenza con il picco della stagione influenzale in giugno e luglio.

Secondo l’analisi dell’Actuaries Institute, la cardiopatia ischemica è stata la principale responsabile dell’eccesso di decessi nel 2022, seguita dal cancro.

I decessi per malattie respiratorie sono stati significativamente inferiori al previsto per tutta la durata della pandemia – ad eccezione della breve e precoce stagione influenzale di quest’anno – mentre cancro, diabete, malattie cardiache e ictus sono stati i principali responsabili dei decessi in eccesso non dovuti all’influenza nel 2021 e nel 2022.

La dott.ssa Cutter ha affermato che “non è chiaro cosa possa essere alla base di questo fenomeno”, ma in parte potrebbe essere spiegato dalla scomparsa dell’influenza nel 2020 e nel 2021.

“Ci sono state meno persone morte per malattie respiratorie all’inizio [rispetto] a quella che sarebbe stata la normalità pre-pandemia”, ha detto.

“Queste persone tendono a essere più fragili e ad avere altre patologie di base, quindi potrebbero aver vissuto un anno o due in più perché non sono morte di influenza, ma potrebbero morire ora. Questo potrebbe essere uno dei fattori in gioco”.

Ha aggiunto che ci sono stati molti decessi per diabete, malattie cardiache e ictus, che le nuove ricerche hanno dimostrato essere “altamente correlati a Covid”.

“Uno degli altri fattori importanti è che, in presenza di decessi dovuti alla Covid, si registrano più decessi dovuti a cause diverse dalla Covid”, ha affermato la dottoressa. “In parte potrebbe essere che le persone non ricevono l’assistenza sanitaria quando ne hanno bisogno, in particolare l’assistenza d’emergenza, oppure potrebbe esserci un numero di Covid non diagnosticati superiore a quello che conosciamo”.

Tutti gli Stati e i territori, ad eccezione del Territorio del Nord, hanno registrato un eccesso significativo di mortalità nel 2022.

La dott.ssa Cutter ha detto che in generale circa la metà di questo era dovuto a decessi per Covid, con l’eccezione della Tasmania che ha avuto relativamente meno decessi per Covid e più decessi per altre cause.

In particolare, si è registrato un eccesso di decessi in quasi tutte le fasce d’età, anche se la percentuale era più alta nei gruppi più anziani.

La dott.ssa Cutter ha affermato che, sebbene il numero di decessi nelle fasce d’età 0-44 e 45-64 fosse ridotto, i numeri erano sostanzialmente più alti del previsto, in particolare per le donne.

“Le differenze meritano di essere analizzate, anche se i piccoli numeri significano che c’è una considerevole variazione naturale”, ha detto.

Zero prove del legame con i vaccini

Alcuni social media hanno suggerito che i vaccini Covid sono alla base dell’aumento dei decessi in eccesso.

“Il senatore del Queensland LNP Matt Canavan ha scritto su Twitter all’inizio di quest’anno: “I decessi sono più alti del 17% rispetto al normale in Australia. Non so cosa sia, ma è ora di chiedersi seriamente perché”.

All’epoca, la Therapeutic Goods Administration (TGA) disse all’ABC Fact Check che era “falso e non scientifico concludere automaticamente che i vaccini hanno causato queste morti”.

“Non ci sono prove credibili che suggeriscano che i vaccini Covid-19 abbiano contribuito a un eccesso di decessi in Australia o all’estero”, ha dichiarato la TGA.

Anche la signora Cutter ha smentito queste affermazioni.

“Per quanto mi riguarda, non ci sono prove che i vaccini stiano causando questi decessi, ma non posso dimostrarlo“, ha dichiarato.

Secondo l’ultimo rapporto sulla sicurezza del TGA, su 947 segnalazioni ricevute ed esaminate, sono stati confermati 14 decessi probabilmente correlati ai vaccini Covid.

La sig.ra Cutter ha sottolineato che anche se fosse confermato che gli oltre 900 decessi sono legati al vaccino, si tratterebbe solo di una frazione del totale dei decessi in eccesso.

Inoltre, ha osservato che la tempistica dei decessi in eccesso “non coincide con l’introduzione del vaccino e il profilo di età delle persone morte non corrisponde a quello delle persone vaccinate”.

“Quasi nessun giovane sta morendo”, ha detto. Ha anche osservato che non c’è stato alcun eccesso di mortalità in Australia Occidentale a gennaio, e che il paese era “vaccinato come il resto del paese”.

 


Fin qui l’articolo.

Ed ora vi riporto un grafico dagli USA, fonte CDC, importante organismo di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti d’America:

 

 

 

 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email