Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Dr Ah Kahn Syed (uno pseudonimo) e pubblicato sul suo Substack. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte, comprese eventuali donazioni. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Sidney (Australia)
Sidney (Australia)

 

Ormai è risaputo che l’anno della pandemia non è stato il 2020 o il 2021, ma l’anno successivo al lancio del vaccino, il 2022. Questo dato è ancora più evidente in Australia, uno dei pochi Paesi che dispone di un set di dati COVID relativamente completo che può essere analizzato.

Che cosa è successo? Secondo l’ultima pubblicazione dell’Australian Bureau of Statistics (ABS, l’Ufficio nazionale di statistica australiano, ndr), sembra che nel 2022 moriranno molte persone che normalmente non sarebbero morte in base agli anni precedenti. Ci sono anche dei grafici che mostrano la carneficina….

 

 

Da questo grafico si possono notare un paio di cose. In primo luogo, la linea della mortalità complessiva è enorme e ben al di fuori della gamma degli anni precedenti. In secondo luogo, sotto il grafico ci sono un mucchio di dichiarazioni di non responsabilità, di cui la (d) è la più interessante ed è un’aggiunta politica di cui parleremo. Infine, c’è una linea blu per “tutti i decessi meno i decessi COVID” che sembra un po’ più vicina ma è un trucco psicologico per far credere che la spaventosa linea rossa sia tutta dovuta a “COVID” e quindi a una sorta di incidente che non poteva essere evitato. Questo è ben lontano dalla verità e verrà discusso più avanti.

 

La mortalità complessiva è aumentata in modo massiccio

Diciamolo subito. È un aumento enorme. Ho pubblicato in precedenza il mio modo preferito di rappresentare l’incredibile eccesso di decessi in seguito all’introduzione dei vaccini e questo è l’aggiornamento, togliendo la loro ridicola linea blu.

 

 

Vale la pena notare che in agosto ho segnalato l’eccesso di morti in Australia, come hanno fatto altri.

A quel tempo i decessi in eccesso erano 15.000. Vale a dire, 15.000 morti in più rispetto a quanto si sarebbe dovuto prevedere sulla base dei decessi degli anni precedenti. Ora il numero aggiornato è di circa 21.000.

Per metterlo in prospettiva, è l’equivalente di circa 100 Q37-800 (aereo qui sotto, ndr) a pieno carico che si schiantano in un anno.

Peggio ancora: 30 di questi incidenti si sono verificati dopo che abbiamo lanciato l’allarme sui primi 70 incidenti.

 

 

Quel breve articolo è stato letto da oltre 25.000 persone e nessun rappresentante dei media o del governo ha cercato di mettersi in contatto per discuterne. Vi garantisco che sanno che se ne è parlato. Invece di avviare un’indagine urgente, la loro risposta è stata quella di cercare di far apparire i dati migliori e trovare qualche scusa.

Un altro modo di rappresentare i dati è il nostro preferito multiplo del sigma (multiplo della deviazione standard). Nei calcoli rivisti che presento di seguito, i decessi complessivi nel 2022 (fino alla settimana 34) rappresentano un aumento di nove sigma. Ecco come appare

 

 

Si nota come un pollice dolente, non è vero? Per mettere le cose in prospettiva, questo è un piccolo grafico su wikipedia che mostra la frequenza con cui si può verificare un tale “evento cigno nero” (evento non previsto, che ha effetti rilevanti, ndr) evento per caso. Si ferma a 7-sigma. Noi stiamo parlando di un evento a 9 sigma. (ad esempio, dalla tabella sotto riportata in ultima riga,  per 7-sigma, l’evento imprevisto si verifica 1 ogni miliardo di anni, ndr)

 

 

[EDIT: Vale la pena di aggiungere che c’è stato un piccolo aumento della popolazione dal 2015, da 24 milioni a 25,8 milioni. L’aggiustamento per la popolazione non fa alcuna differenza nella significatività dell’aumento dei decessi (8,7 vs 9 sigma)].

La base di riferimento non chiara

Fino a questo punto l’ABS non ha sbagliato a pubblicare i dati. Certo, non sono completamente trasparenti (perché nessun dipartimento governativo lo è mai), ma hanno fornito statistiche provvisorie in anticipo rispetto a molti altri Paesi. Ma quello che hanno fatto è stato inventare questa nuova linea di base poco chiara. Vediamo quindi l’impatto di ciò che hanno fatto.

Ecco i dati sulla mortalità per settimana [1]

 

 

Si dovrebbe notare che le linee verdi (pre-2020) sono abbastanza vicine e la linea gialla del 2020 è complessivamente più bassa, a parte una variazione in aprile che non era in realtà legata ai decessi COVID, che hanno colpito soprattutto Victoria in luglio. Il rapporto mensile ha un aspetto simile a questo, esteso a tutto l’anno

 

 

Si può quindi notare che l’anno 2020 è relativamente tipico. Infatti, è possibile effettuare un test statistico e dimostrare che il numero medio di decessi mensili nel 2020 è stato di 13.549 contro 13.553 per tutti gli altri anni 2015-2021 (p=0,98), dimostrando che si trattava quasi esattamente dell’anno medio per i decessi negli ultimi tempi [2].

Allora perché l’ABS ha deciso di eliminarlo dal calcolo di base? Ecco la loro spiegazione:

“La media di riferimento è la media degli anni 2017, 2018, 2019 e 2021. Il 2020 è stato escluso perché non assomigliava a un tipico anno di mortalità. Si rimanda alla metodologia per ulteriori discussioni sulla selezione dell’anno di riferimento”.

Quindi, pensate che rappresenti un anno di mortalità tipico, dato che era esattamente la media degli anni circostanti, o è l’ABS che aggiusta inutilmente le statistiche per adattarle a una narrativa?

Qual è l’effetto del cambiamento? Un aumento abbastanza significativo della linea di base, cioè un effetto che fa sembrare la “nuova normalità” della mortalità un po’ meno spaventosa.

 

 

Non è incredibile che ogni volta che un’agenzia governativa o un “fact check” dei media sbaglia, sembra sempre che il governo o le aziende che lavorano direttamente con il governo ne traggano vantaggio. La cosa davvero fastidiosa è che questo è già successo in passato e noi continuiamo a ignorarlo.

 

Traduzione del titolo di giornale pubblicato durante la Seconda Guerra Mondiale: L’Associated Press si è impegnata autonomamente ed ha licenziato il suo staff tedesco costituito da ebrei per placare il nazista

 

Sì, quell’Associated Press. Quella che pretende di essere l’arbitro della verità. Voglio dire, l’idea che l’AP collabori con i governi per aiutare a imporre un regime fascista usando la propaganda è totalmente ridicola [anche se l’hanno fatto davvero 75 anni fa].

 

 

Quindi, cosa succede quando si gonfia la linea di base e poi si decide di rimuovere i “decessi per COVID” dal numero complessivo di decessi? Beh, non sembra affatto male (😬).

 

 

“Vedete, una volta tolta la COVID dall’equazione, le curve di mortalità si sovrappongono quasi alla gamma storica!”.

Insomma, è assolutamente ridicolo. Non solo stanno travisando i dati manipolando la linea di base, ma lo fanno per cercare di dimostrare che – dopo aver imposto a ogni singolo membro della popolazione i vaccini che sostenevano avrebbero fermato la pandemia™ e poi l’hanno peggiorata – non era poi così grave. Ebbene, lo è, perché il tasso di mortalità complessivo è ora del 21% superiore a quello di base, e si tratta di un sacco di morti.

C’è stato anche un altro imbroglio con la “linea blu”. Sottrarre i “decessi COVID” non è appropriato come intervento unilaterale, perché prima del 2020 i decessi “COVID” erano più o meno i decessi per “influenza e polmonite”, dato che le stesse persone erano a rischio (anziani, infermi, persone con comorbidità, ecc.). Non si possono quindi sottrarre i decessi per COVID dal 2020+ e non sottrarre le “infezioni respiratorie” dalla linea di base. Questo è un imbroglio. Questo aspetto viene approfondito nella prossima sezione

 

Dove l’ABS ha nascosto i corpi?

Un aspetto molto importante del rapporto dell’ABS è il modo in cui sono stati riportati i decessi classificati. Poiché in tutto il mondo si registra un numero crescente di decessi per miocardite e malattie cardiache, è di vitale importanza per coloro che credono che i vaccini a base di mRNA siano “sicuri ed efficaci” assicurarsi che i dati non lo dimostrino. Se leggete il rapporto, vedrete infatti che non c’è quasi nessun aumento dei decessi per malattie cardiovascolari. Ancora più assurdamente, i tumori, gli ictus (malattie CV) e la polmonite sono diminuiti! Ci credete? Il nostro governo sta facendo un ottimo lavoro – guardate:

 

 

Quindi, al di là della propaganda (e sì, i tumori sono in aumento, è stata solo la presentazione a far credere il contrario), guardiamo ai dati reali. Un punto da notare è che i rapporti contengono cifre per “Morti totali” e per “Morti certificate dai medici”. Sebbene sia possibile nascondere ulteriori decessi in questo differenziale, i decessi certificati dai medici sono abbastanza coerenti con l’88% dei decessi complessivi, quindi questo dato non è cambiato dal 2015. Per il 2022 è l’88,2%.

 

 

Ecco i dati categorizzati raccolti dai rapporti scaricati per il periodo 2015-2022. Per la settimana 1-34 il totale dei decessi certificati dal medico è di 111.391 e il totale di tutti i decessi è di 126.289 (pari all’88,2%).

 

 

Queste cifre si riferiscono ai decessi certificati dai medici ed è abbastanza chiaro dove sono sepolti i corpi. La categoria più grande è “Respiratorio incl COVID”, per la quale ho combinato i decessi per respiratori e polmonite con COVID perché, beh, dovrebbero essere nella stessa categoria.

Solo in questa categoria ci sono quasi 8000 decessi in eccesso e costituiscono la maggior parte dei decessi in eccesso. Perché sono così tanti?

 

La catastrofe COVID

Una parte del motivo è da ricercare nei protocolli di trattamento per i pazienti affetti da “polmonite virale”, che non era così comune come causa di morte. Infatti, è abbastanza comune prendere un raffreddore e poi un’infezione al torace (alias polmonite) e prima del 2020 questo sarebbe stato tranquillamente trattato dal medico di famiglia con antibiotici prima di ammalarsi abbastanza da dover andare in ospedale. Ora non più. Ora, a causa dei “protocolli di trattamento basati sull’evidenza” di covid19evidence.net.au (che non hanno un autore – quindi chi li ha scritti?), se ci si ammala di polmonite dopo un test positivo per “COVID-19” questo è ciò che viene detto:

1) andate a casa
2) non tornate finché non vi manca il respiro
3) non prendere antibiotici di nessun tipo
4) non prendete nessun altro farmaco sicuro e riproposto
5) prenda solo molnupiravir o paxlovid, che non solo non funzionano ma possono peggiorare la situazione e sono sperimentali.
6) se tornate, vi daremo il remdesivir anche se sappiamo che non funziona e causa insufficienza renale
7) se non riuscite a mantenere la saturazione di ossigeno, vi metteremo un ventilatore [in terapia intensiva]  piuttosto che trattarvi con antibiotici.

Indovinate cosa succede se si segue questo protocollo, soprattutto se si è fragili? Il rischio di morte sale alle stelle. E se non mi credete che questi sono i protocolli, eccovi accontentati:

 

 

E non si tratta nemmeno di una novità. È in corso dall’aprile 2020, quando tutti sapevano che la combinazione idrossiclorochina + azitromicina aveva effetto nel trattamento precoce della “COVID”, motivo per cui nel 2020 sono stati scritti oltre 500 articoli solo su questa combinazione. L’azitromicina era già ampiamente utilizzata dai medici, ma si può capire quanto l’impatto di questa combinazione abbia avuto sulle pratiche di prescrizione in Australia, perché il TGA bloccò la prescrizione dell’idrossiclorochina “a causa di problemi di approvvigionamento”, anche se Clive Palmer ne importò 30 milioni di dosi.

Per ribadire il concetto (che la mortalità dovuta al COVID era – ed è – probabilmente interamente dovuta alla mancata somministrazione di un trattamento precoce per la polmonite), se avete tempo date un’occhiata al blog del nostro amico Daoyu, che racconta cosa è successo al primo caso di COVID negli Stati Uniti, che aveva i polmoni bianchi a causa del “COVID”, ma che è miracolosamente guarito entro 2 giorni dalla terapia antibiotica.

Non lo sottolineerò mai abbastanza, quindi lo metterò in una casella:

Se verrà mai confermato che la totalità dei decessi causati dal COVID-19 è dovuta all’omissione della terapia antibiotica nelle polmoniti precoci, che era una pratica standard prima del 2020, gli autori di covid19evidence.net.au (e di protocolli simili in tutto il mondo che hanno implementato il dogma del NON TRATTARE) non possono essere indagati penalmente perché non esistono.

I medici che hanno rifiutato trattamenti validi sulla base di un protocollo scritto anonimamente devono assumersene la responsabilità e non hanno alcuna immunità dai loro governi.

Vorrei approfondire l’argomento, ma questo articolo è già troppo lungo. Se siete interessati, dovreste assolutamente ascoltare JJ Couey, che di recente ha parlato proprio di questo nel suo stream gigaohmbiologico. Tutto ciò che posso dire è: preparatevi al conflitto.

 

La nuova epidemia di demenza

Tra le altre categorie di morte, la “demenza” è aumentata del 27%, con 2453 morti in più (12 aerei Qantas). Sono felice di dare la colpa a questo fenomeno alla politica governativa, perché il governo ha deciso che non solo gli operatori dell’assistenza agli anziani devono assumere 3 dosi della terapia sperimentale a base di RNA (spinto da Ben Fordham, un pezzo grosso di 2GB, che si è mascherato da paladino contro i mandati, promuovendoli invece per gli operatori sanitari), provocando un esodo dal settore, ma anche gli stessi residenti dell’assistenza agli anziani sono stati praticamente esclusi dal mondo per mesi e mesi a causa delle ridicole politiche e legislazioni del COVID. Quindi gli anziani venivano trascurati fino alla morte, ma andava bene così perché il certificato di morte poteva essere firmato come “demenza” e nessuno se ne sarebbe accorto. Finché non ce ne siamo accorti.

Come promemoria, Harold Shipman, il famoso medico britannico che ha posto fine alle sofferenze di 250 persone (ovvero le ha uccise con eroina e midazolam), impallidisce se paragonato ai 2453 decessi per demenza in più causati dalle politiche combinate dei Chief Health Officers statali e federali dell’Australia.

 

 

Un’ondata di cancro in arrivo?

I dati forniti indicano un aumento molto significativo di quasi il 10% dei decessi per cancro nel 2022 rispetto agli anni precedenti. Questo dato non può assolutamente essere spiegato con la scusa del COVID, quindi cosa sta succedendo?

È possibile che un numero maggiore di persone muoia di cancro – anche se non c’è un aumento dei tassi di cancro – a causa del fatto che le persone si sono tenute lontane dagli ospedali (a causa della paura della COVID propagandata dai media e dalle autorità sanitarie). Se così fosse, quei decessi (2659 quest’anno – 13 aerei di linea della Qantas) sarebbero da attribuire ai media che hanno aiutato il governo a spaventare il Paese e a farlo rimanere a casa.

Una spiegazione più insidiosa è già stata discussa in precedenza e riguarda la possibilità che i vaccini stessi aumentino il rischio di mortalità per cancro. Non abbiamo tempo di approfondire questo aspetto nell’articolo di oggi, ma se avete tempo lo troverete in “Welcome to Gilead”.

Di fatto, sappiamo che i vaccini COVID causano l’insorgenza o la recidiva di casi di cancro – con un’ampia serie di rapporti già pubblicati su Pubmed sui tumori maligni ematologici dopo la vaccinazione COVID. Il più drammatico di questi è stato pubblicato dal professor Michael Goldman, la cui storia è stata riportata anche dalla rivista Atlantic. L’esito del suo linfoma è visibile in questa drammatica immagine della PET (le macchie nere oltre al cervello, al cuore e alla vescica sono il linfoma).

 

 

Il punto è che un aumento del 10% dei decessi per cancro è un enorme segnale di sicurezza. L’ABS e il governo o non si preoccupano o preferiscono che non si parli di tutti questi decessi, perché dobbiamo dare la colpa a qualcuno. E quel qualcuno è la persona che ha deciso di intraprendere questa strada per uscire da una “pandemia” che forse non sarebbe mai stata tale senza manipolazioni e propaganda.

 

Dove sono tutti gli infarti?

Una notizia rassicurante di questa analisi sembra essere che non c’è stato un enorme aumento dei decessi per infarto – o forse sì?

L’aumento più consistente, in termini assoluti, è stato registrato nella categoria “non classificati”, che ha registrato un incremento di ben 5591 decessi (pari a 28 aerei Qantas). Non c’è alcun motivo valido per cui i morti “non classificati” dovrebbero essere in aumento. E questo senza contare i 14.898 morti non certificati, di cui possiamo stimare altri 4000 nella categoria “non classificati”.

L’aumento del 23% di questa (non) categoria di decessi è estremamente significativo sia in termini statistici sia in termini di numeri assoluti, con oltre 6.000 decessi in eccesso solo in questa categoria.

Non ci sono scuse per sottovalutare questo enorme tributo di morte, che sa di dolo.

Indipendentemente dalla causa, sappiamo che l’introduzione dei vaccini è stata associata a un aumento della mortalità per tutte le cause. Da allora ci sono state numerose notizie di atleti vaccinati che sono morti sui campi sportivi in un numero senza precedenti e di giovani che sono morti improvvisamente, tra cui 80 medici in Canada. È un elefante così grande nella stanza che ora abbiamo anche un nuovo termine per definirlo: “Sindrome della morte improvvisa dell’adulto”. Non si può letteralmente inventare. Non è mai stata una cosa del genere prima del 2020, quando un trentenne in salute che muore nel sonno semplicemente non succedeva.

 

 

Quindi cosa potrebbe accadere? Beh, se ci fosse permesso di parlarne, potremmo essere in grado di impedire che le morti avvengano. Perché ciò accada, è necessaria una conversazione aperta in un ambiente in cui medici e scienziati non debbano nascondersi dietro avatar su blog anonimi. In una situazione del genere potremmo effettivamente discutere in modo libero e aperto non solo se i vaccini a base di mRNA sono responsabili dell’enorme picco di decessi, ma anche perché lo sono. In realtà, lo stiamo già facendo, ma non lo sapreste perché siamo costretti a condurre questo tipo di ricerca in gruppi telegram clandestini [sì, è proprio quello che sta accadendo a medici e scienziati nel 2022].

Comunque, ecco la teoria. Spiegata in dettaglio dal mio amico “Doorless Carp” nel suo articolo “MicroRNA miR-21, Cancer and Circadian Rhythm Related Cardiovascular Accidents”. Vi invito a leggerlo, ma la mia opinione è questa:

Teoria: I vaccini a base di mRNA sembrano fornire un’aggressione continua e persistente al miocardio attraverso molteplici vie. Queste includono la malattia autoimmune, la tossicità diretta della proteina spike e le vie mediate da microRNA. Il tutto culmina nella combinazione di miocardite, cardiomiopatia e/o aritmia. Il colpo finale si verifica al momento dello stress circadiano dovuto al picco di catecolamine del mattino presto e provoca un’aritmia ventricolare acuta che porta a una morte improvvisa non infartuale.

Si tenga presente che questo riguarda solo le possibili morti cardiache, ma ci sono tutta una serie di altri meccanismi, come l’esaurimento delle cellule T, attraverso i quali i vaccini COVID potrebbero avere un impatto sulle vie che dipendono dalla vita, che non abbiamo nemmeno sfiorato.

 

 

Poiché questa enorme coorte di decessi non è categorizzata, è impossibile sapere se sono stati inseriti in questa categoria per diluire un’altra categoria, o se c’è qualche altra causa comune ai decessi. Non c’è modo di saperlo perché l’ABS ha il controllo di questi dati.

Dove sono sepolti tutti i corpi?

Lo scopo di questo articolo è quello di evidenziare l’enorme numero di morti non necessarie che si stanno verificando su una scala senza precedenti in Australia nel 2022. La maggior parte di questi sono “non classificati”, ma l’entità della mancata prevenzione delle morti respiratorie – la maggior parte delle quali avrebbe dovuto essere evitata – è enorme.

Le ragioni per cui questo disastro sarebbe potuto accadere sono molteplici e sono state descritte in precedenza, ma il messaggio da trarre è il seguente:

Perché l’ABS e tutti gli altri dipartimenti governativi sono palesemente decisi a insabbiare migliaia di morti, non indagando, respingendo le richieste di informazioni e nascondendosi dietro un muro di segretezza?

E ho un messaggio per tutti i dipartimenti governativi e i loro burocrati che pensano di essere al di sopra di noi:

I dati non sono vostri, sono nostri. Non avete il diritto di nasconderli. Non avete il diritto di creare politiche che distruggono vite umane senza averne la paternità o la responsabilità. Non avete il diritto di negare le richieste di libertà di informazione e non avete il diritto di manipolare i dati per nascondere morti su scala senza precedenti.

Alla fine, la verità verrà sempre a galla.

 

Note: 

  1. Deaths by week of occurrence Excel file

      2. La “normalità” delle statistiche di mortalità del 2020 rimane anche quando i dati sono aggiustati per la popolazione.

 

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





Facebook Comments