Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Igor Chudov e pubblicato sul suo Substack. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

vaccini-COVID

 

Il dicembre 2023 è stato insolitamente ma non inaspettatamente grave: una nuova variante di COVID, JN.1, ha invaso l’Europa e il resto del mondo. Sono circolati anche altri agenti patogeni, oltre ai soliti killer come cancro, malattie cardiache, coaguli di sangue, demenza e così via. Di conseguenza, l’Europa ha vissuto un mese con una mortalità superiore del 10% rispetto a quella prevista.

Quello che è successo nel dicembre 2023 ci permette di chiederci: i tassi di vaccinazione possono influenzare i tassi di mortalità in eccesso molto tempo dopo le vaccinazioni? Il dicembre 2023 è stato 2,5 anni dopo che le persone hanno ricevuto le prime dosi, quindi l’esame dei dati di quel mese potrebbe aiutarci a rispondere a questa domanda.

Purtroppo, i dati dello scorso dicembre mostrano una forte correlazione positiva tra l’eccesso di mortalità e i tassi di vaccinazione Covid, nonostante la maggior parte delle prime dosi sia stata somministrata molto tempo fa, 2,5 anni prima di quel mese.

Ci è stato detto che i vaccini COVID-19 ci proteggono da gravi malattie e dalla morte. Pertanto, dovremmo aspettarci che i Paesi che hanno somministrato ai loro cittadini un maggior numero di vaccini COVID-19 siano migliori.

Coloro che credono ancora a queste affermazioni potrebbero rimanere sorpresi: nel dicembre 2023, come in molti altri periodi recenti, un maggior numero di vaccini Covid ha significato un maggior numero di morti in eccesso.

Ho scaricato i dati sulla mortalità in eccesso da Eurostat e i tassi di vaccinazione Covid (percentuale di cittadini che hanno ricevuto le prime dosi di vaccino Covid) da Statista.

Ecco i dati:

 

 

Possiamo analizzare questo set di dati con un “calcolatore di regressione lineare” per vedere se i dati mostrano una tendenza:

 

 

Sorprendentemente, l’analisi mostra che i tassi di vaccinazione COVID spiegano il 24% della mortalità in eccesso, nonostante le vaccinazioni siano avvenute in un lontano passato! Non solo c’è una tendenza, ma è anche altamente significativa dal punto di vista statistico, con un valore p pari a 0,0057.

I risultati di dicembre sono simili a quelli dell’intero anno scorso, il che suggerisce che non sono spuri ma riflettono un fenomeno reale.

Leggi qui: 2023 Eccesso di mortalità associato positivamente ai tassi di vaccinazione COVID

La relazione per l’intero anno 2023, tratta dal post precedente, è qui:

 

 

Il mio desiderio è che la mortalità torni alla normalità e che tutte le persone, indipendentemente dallo stato vaccinale, godano di un basso tasso di morte e di malattie gravi. Purtroppo, invece, abbiamo tassi elevati di mortalità e i vaccini Covid continuano a influenzare i cambiamenti negativi dei destinatari inconsapevoli.

Questo eccesso di mortalità non viene indagato. Le persone che chiedono perché i cittadini dei loro Paesi muoiono a tassi elevati vengono demonizzate e liquidate come teorici della cospirazione.

 

 

Il vero colpevole, ci dicono, è il cambiamento climatico:

 

 

Perché i tassi di vaccinazione COVID spiegherebbero l’eccesso di mortalità se il colpevole fosse il cambiamento climatico? Aiutatemi a rispondere a questa domanda!

Dovremmo smettere di chiedere spiegazioni? Dire la verità è pericoloso per la nostra democrazia? Dovremmo stare tutti zitti?

Igor Chudov

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments