Una nuova ricerca della Cleveland Clinic e della Case Western Reserve University ha scoperto che mentre i nuovi ceppi e le mutazioni della SARS-CoV-2 sono spesso più contagiosi del ceppo originale COVID-19, possono anche essere responsabili di meno ricoveri e morti.

Un articolo dello staff del TrialSiteNews che vi propongo nella mia traduzione. 

 

coronavirus
coronavirus

 

Dettagli della ricerca

Gli scienziati di entrambe le istituzioni dell’Ohio nord-orientale hanno tracciato le sequenze del genoma di SARS-CoV-2 tra l’11 marzo e il 22 aprile 2020, e hanno recentemente scoperto che i cladi, che sono sottogruppi di un ceppo iniziale, erano associati a un tasso di mortalità più elevato rispetto a quelli di origine più recente. 

Questo gruppo di ricercatori, guidato dal Dr. Frank Esper, un medico di malattie infettive pediatriche alla Cleveland Clinic Children’s, comprendeva anche scienziati che studiano la genomica del cancro, scienze dei dati e dei computer, neurologia e patologia, tra cui il Dr. Brian Rubin, presidente dell’Istituto di patologia e medicina di laboratorio Robert J. Tomsich della Cleveland Clinic, e Jing Li, Ph.D., il Leonard Case Jr. professore nel dipartimento di scienze dei dati e dei computer della Case Western Reserve University. 

“Questo studio offre una descrizione dettagliata di come i diversi cladi di COVID-19 si siano evoluti e competano una volta portati a Cleveland”, ha detto il dottor Rubin. “Il collegamento dei cladi virali ai risultati è piuttosto importante e mette in evidenza l’importanza del sequenziamento del genoma virale per ottenere una comprensione più profonda delle nuove malattie”.

Il team ha analizzato le sequenze di RNA dagli esami del sangue di più di 302 pazienti che hanno contratto il COVID-19 nel nord-est dell’Ohio entro il primo mese della pandemia.

 

Risultati

I risultati della ricerca hanno anche mostrato che durante le prime sei settimane della prima ondata della pandemia, i primi ceppi hanno contribuito al maggior numero di ricoveri e morti, ma le mutazioni dei ceppi originali hanno rapidamente superato il ceppo originale perché erano più trasmissibili, ma meno gravi. 

“Questi risultati offrono una maggiore comprensione di come le infezioni da COVID-19 abbiano superato significativamente i tassi di ricoveri e di decessi con il progredire della pandemia”, ha detto il dottor Esper. “La ricerca aiuta anche a convalidare come i cladi virali possano giocare un ruolo importante nel predire i risultati dei pazienti”.

 

 

Facebook Comments