“Le persone transgender stanno subendo danni e cancellazioni a causa dell’introduzione e dell’approvazione di leggi anti-LGBTQ+ in diversi Stati, della retorica dannosa di alcune istituzioni cristiane e dei loro leader, compresa la Chiesa cattolica, e della discriminazione e della violenza quotidiane”, ha dichiarato la coalizione di religiose.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Louis Knuffke e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione.

 

 

Il Consiglio di amministrazione della Federazione USA del Centro internazionale delle Suore di San Giuseppe
Il Consiglio di amministrazione della Federazione USA del Centro internazionale delle Suore di San Giuseppe (foto da Facebook)

 

Una coalizione di religiose cattoliche dissidenti ha rilasciato venerdì una dichiarazione a sostegno della “Giornata della visibilità transgender” del 31 marzo, chiedendo che coloro che si identificano come “trans, nonbinary e gender-expansive” siano “riconosciuti, accettati con coraggio e celebrati” dalla Chiesa.
In una dichiarazione intitolata “In Solidarietà: Religiose cattoliche consacrate onorano il “Giorno della visibilità trans”, la Federazione statunitense delle Suore di San Giuseppe, le Suore della Provvidenza di Santa Maria dei Boschi e dell’Indiana e l’ufficio JPIC delle Suore della Carità di Leavenworth hanno dichiarato il pieno sostegno all’agenda transgender, affermando di “rappresentare oltre 6.000 religiose cattoliche consacrate e missionarie presenti in oltre 18 Stati”.
Le suore hanno dichiarato: “Come religiose cattoliche e missionarie consacrate, affermiamo con tutto il cuore che le persone transgender, non binarie e di genere espansivo sono amate e apprezzate da Dio. Il 31 marzo, Giornata internazionale della visibilità transgender, è un momento per celebrare, riconoscere ed elevare le persone che si identificano come transgender, non binarie e/o di genere espansivo. Sappiamo che le nostre azioni e i nostri impegni devono andare oltre questa giornata”.
Usando il tanto decantato mantra dell’inclusione e lamentando la “legislazione anti-LGBTQ+” – che serve soprattutto a proteggere i minori da mutilazioni chirurgiche e irreversibili e/o dalla castrazione chimica attraverso il blocco della pubertà e i farmaci ormonali – le sorelle dissidenti hanno continuato: “Come membra del Corpo di Cristo, non possiamo essere coerenti senza la piena inclusione degli individui transgender, non binari e gender-expansive. In questo momento negli Stati Uniti le persone transgender stanno subendo danni e cancellazioni a causa dell’introduzione e dell’approvazione di leggi anti-LGBTQ+ in diversi Stati, di una retorica dannosa da parte di alcune istituzioni cristiane e dei loro leader, inclusa la Chiesa cattolica, [e] di discriminazioni e violenze quotidiane”.
Le suore hanno poi utilizzato un linguaggio rivoluzionario, affermando di essere chiamate a “smantellare” i sistemi che “rafforzano” la “retorica” della cosiddetta discriminazione nei confronti delle persone “transgender, non binarie e gender-expansive”.
Hanno scritto: “La chiamata evangelica dell’amore unificante ci obbliga a interrompere attivamente le interazioni dannose nella vita quotidiana e a smantellare i sistemi che rafforzano questa retorica e la violenza nella società, in particolare per i neri, gli indigeni e altre persone di colore. Rimarremo oppressori fino a quando – come religiose cattoliche consacrate – non riconosceremo l’esistenza delle persone LGBTQ+ nelle nostre congregazioni. Cerchiamo di coltivare una comunità di fede in cui tutti, specialmente i nostri fratelli transgender, non binari e gender-expansive, sperimentino una profonda appartenenza”.

Invitando all’accettazione coraggiosa e alla celebrazione degli stili di vita e delle persone transgender, hanno concluso: “Agiamo per trasformare i nostri cuori, la nostra chiesa, la nostra politica e il nostro Paese in modo da assicurare che  sia riconosciuta, accettata coraggiosamente e celebrata la dignità dei nostri fratelli trans, non binari e gender-expansive”.
Non è la prima volta che le Suore di San Giuseppe sostengono pubblicamente l’ideologia transgender. Dopo la sparatoria in un bar gay di Colorado Springs, lo scorso novembre, hanno invitato a rifiutare qualsiasi condanna dello stile di vita e dell’ideologia LGBTQ+, dichiarando: “Il linguaggio, le credenze e le pratiche che condannano, rifiutano, prendono di mira o incolpano le persone LGBTQ+ devono essere esplicitamente rifiutate, in particolare dai leader religiosi e dalle chiese”.
Le suore hanno sottolineato in particolare il sostegno della Chiesa cattolica alle leggi che contrastano con l’agenda LGBT. Hanno dichiarato: “Siamo chiamati a interrompere attivamente le interazioni di odio nella vita quotidiana e a smantellare i sistemi che rafforzano questa retorica e la violenza nella società, compresa la legislazione anti-LGBTQ+ che sta attraversando il Paese. Ciò include il richiamo al sostegno e all’appoggio della Chiesa cattolica a tale legislazione”.

La Federazione statunitense delle Suore di San Giuseppe pubblicizza inoltre di essere “orgogliosa” di appoggiare le seguenti dichiarazioni pro-LGBT: “Dio è dalla tua parte” della Fondazione Tyler Clementi, una dichiarazione ai giovani LGBT (febbraio 2021) appoggiata dal cardinale eterodosso Robert McElroy e dal cardinale Joseph Tobin; “Benediremo le coppie omosessuali” del ministero eterodosso New Ways (marzo 2021) e “Una casa per tutti: una chiamata cattolica per la non-discriminazione LGBTQ” (agosto 2021). Nel 2021, New Ways Ministry ha chiesto al Vaticano di revocare la sua condanna delle “benedizioni” per le unioni omosessuali e si oppone alla legislazione conservatrice contro l’ideologia LGBT, le procedure mediche e l’indottrinamento scolastico.
La recente dichiarazione scandalosa delle Suore di San Giuseppe giunge mentre la diocesi di Charleston, nella Carolina del Sud, ha espresso pubblicamente il suo sostegno a una legge statale che proibisce la mutilazione e la castrazione chimica dei minori attraverso i cosiddetti interventi chirurgici e farmaci per la “transizione di genere”.
La posizione pubblica della diocesi di Charleston ha fatto seguito a un’energica lettera della Conferenza episcopale degli Stati Uniti che condanna tali interventi come mutilazioni immorali di parti del corpo sane. Secondo i vescovi statunitensi l’ideologia transgender si basa su un approccio dualistico alla persona umana, in cui il corpo e l’anima sono considerati come due nature complete, permettendo all’anima di trovarsi nel tipo di corpo “sbagliato”. I vescovi hanno ribadito che la Chiesa ha sempre condannato questo dualismo, insegnando invece che il corpo e l’anima insieme formano un’unica natura e sono entrambi costitutivi della persona umana.
I vescovi hanno scritto: “L’anima non viene all’esistenza da sola e non si trova per caso in un corpo, come se potesse benissimo trovarsi in un altro corpo. Un’anima non può mai trovarsi in un altro corpo, tanto meno nel corpo sbagliato. L’anima esiste solo insieme a questo corpo. Ciò che significa essere una persona umana include necessariamente la corporeità”.

Nel condannare tutti gli interventi medici volti alla “transizione” di una persona verso il sesso opposto come tentativo di alterare l’ordine e la finalità del corpo umano come determinato da Dio, i vescovi hanno dichiarato: “Piuttosto che riparare qualche difetto del corpo o sacrificare una parte per il bene del tutto, questi interventi mirano a trasformare il corpo in modo da fargli assumere il più possibile la forma del sesso opposto, contrariamente alla forma naturale del corpo. Sono tentativi di alterare l’ordine fondamentale e la finalità del corpo e di sostituirlo con qualcos’altro”.
“Tali interventi, quindi, non rispettano l’ordine fondamentale della persona umana come unità intrinseca di corpo e anima, con un corpo che è sessualmente differenziato”, hanno dichiarato i vescovi. “La corporeità è un aspetto fondamentale dell’esistenza umana, così come la differenziazione sessuale del corpo”.
L’approvazione della “Giornata della visibilità transgender” da parte delle suore è arrivata mentre la “Giornata della vendetta trans” di Washington D.C. è stata annullata in seguito alla tragica sparatoria avvenuta a Nashville, nel Tennessee, in cui l’assassino si è identificato come “trans” e ha preso di mira i bambini della scuola cristiana.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments