Dopo aver mentito per mesi, i media, prendendo atto della realtà contro cui si va prima o poi a sbattere, preparano l’opinione pubblica al collasso militare dell’Ucraina. Vi propongo un interessante articolo del Colonnello Douglas Macgregor, pubblicato su The American Conservative. Eccolo nella mia traduzione.

 

 

Diogene, uno degli illustri filosofi del mondo antico, riteneva che le bugie fossero la moneta corrente della politica e che fossero proprio quelle che cercava di smascherare e svilire. Per far valere le sue ragioni, Diogene portava di tanto in tanto una lanterna accesa per le strade di Atene alla luce del giorno. Se gli si chiedeva il motivo, Diogene rispondeva che stava cercando un uomo onesto.

Trovare un uomo onesto oggi a Washington è altrettanto difficile. Diogene avrebbe bisogno di un faro allo xeno in ogni mano.

Tuttavia, ci sono brevi momenti di chiarezza all’interno dell’establishment di Washington. Dopo aver mentito proditoriamente per mesi al pubblico americano sulle origini e sulla condotta della guerra in Ucraina, i media stanno ora preparando il pubblico americano, britannico e di altri Paesi occidentali al collasso militare dell’Ucraina. È un evento atteso da tempo.

I media occidentali hanno fatto di tutto per dare alla difesa ucraina l’impressione di essere molto più forte di quanto non fosse in realtà. Gli osservatori più attenti hanno notato che sono stati mostrati ripetutamente gli stessi filmati di carri armati russi sotto attacco. I contrattacchi locali sono stati riportati come se fossero manovre operative.

Gli errori russi sono stati esagerati a dismisura rispetto alla loro importanza. Le perdite russe e la reale entità delle perdite ucraine sono state distorte, inventate o semplicemente ignorate. Ma le condizioni sul campo di battaglia sono cambiate poco nel tempo. Una volta che le forze ucraine si sono immobilizzate in posizioni difensive statiche all’interno delle aree urbane e del Donbas centrale, la posizione ucraina era senza speranza. Ma questo sviluppo è stato dipinto come un fallimento dei russi nel raggiungere i loro “obiettivi”.

Le forze di combattimento di terra che immobilizzano i soldati in difese preparate saranno identificate, prese di mira e distrutte a distanza. Quando i mezzi di intelligence, sorveglianza e ricognizione, con o senza equipaggio, sono collegati ad armi di precisione o a moderni sistemi di artiglieria guidati da dati di puntamento accurati, “tenere il terreno” è fatale per qualsiasi forza di terra. Questo è tanto più vero in Ucraina, perché è stato evidente fin dalla prima azione che Mosca si è concentrata sulla distruzione delle forze ucraine, non sull’occupazione delle città o sulla conquista del territorio ucraino a ovest del fiume Dnieper.

Il risultato è stato l’annientamento frammentario delle forze ucraine. Solo l’infusione episodica di armi statunitensi e alleate ha mantenuto sul campo le malconce legioni di Kiev, che ora stanno morendo in gran numero grazie alla guerra per procura di Washington.

La guerra di Kiev con Mosca è persa. Le forze ucraine sono state dissanguate. I rimpiazzi addestrati non sono in numero sufficiente per influenzare la battaglia e la situazione si fa di ora in ora più disperata. Nessun aiuto o assistenza militare degli Stati Uniti e degli alleati, a meno di un intervento militare diretto delle forze di terra degli Stati Uniti e della NATO, può cambiare questa dura realtà.

Il problema oggi non è cedere a Mosca il territorio e la popolazione dell’Ucraina orientale che Mosca già controlla. Il futuro delle regioni di Kherson e Zaporozhye e del Donbas è deciso. È probabile che Mosca si assicuri anche Kharkov e Odessa, due città storicamente russe e russofone, nonché il territorio ad esse adiacente. Queste operazioni prolungheranno il conflitto fino all’estate. Il problema ora è come fermare i combattimenti.

La cessazione dei combattimenti all’inizio dell’autunno dipenderà da due fattori chiave. Il primo riguarda la leadership a Kiev. Il governo Zelensky acconsentirà al programma di Biden per un conflitto perpetuo con la Russia?

Se l’amministrazione Biden ha la sua strada, Kiev continuerà a operare come base per l’accumulo di nuove forze pronte a minacciare Mosca. In pratica, ciò significa che Kiev deve commettere un suicidio nazionale esponendo il cuore dell’Ucraina a ovest del fiume Dnieper a massicci e devastanti attacchi da parte delle forze dei razzi e missilistiche a lungo raggio della Russia.

Naturalmente, questi sviluppi non sono inevitabili. Berlino, Parigi, Roma, Budapest, Bucarest, Sofia, Vilnius, Riga, Tallin e, sì, anche Varsavia, non devono seguire ciecamente la guida di Washington. Gli europei, come la maggior parte degli americani, stanno già scrutando l’abisso di una recessione economica onnicomprensiva che le politiche di Biden stanno creando a livello nazionale. A differenza degli americani, che devono affrontare le conseguenze delle politiche mal concepite di Biden, i governi europei possono scegliere di non aderire al piano di guerra perpetua di Biden per l’Ucraina.

Il secondo fattore riguarda Washington stessa. Dopo aver versato più di 60 miliardi di dollari o poco più di 18 miliardi di dollari al mese in trasferimenti diretti o indiretti in uno Stato ucraino che ora si sta sgretolando, la domanda importante è: cosa succede ai milioni di ucraini nel resto del Paese che non sono fuggiti? E da dove arriveranno i fondi per ricostruire la società ucraina in frantumi in una situazione di emergenza economica globale?

Quando l’inflazione costa alla famiglia americana media 460 dollari in più al mese per acquistare gli stessi beni e servizi dell’anno scorso, è possibile che l’Ucraina possa affondare tranquillamente sotto le onde come il Titanic senza suscitare grandi preoccupazioni nell’elettorato americano. I politici esperti sanno che l’attenzione degli americani per le questioni al di fuori dei confini americani è così breve che un’ammissione di sconfitta in Ucraina avrebbe probabilmente poche o nessuna conseguenza immediata.

Tuttavia, gli effetti dei ripetuti fallimenti strategici in Afghanistan, Iraq, Libia e Siria sono cumulativi. Negli anni ’80, la General Motors voleva imporre il tipo di automobili che gli americani avrebbero comprato, ma i consumatori americani avevano idee diverse. Ecco perché la G.M., che ha dominato il mercato statunitense per 77 anni, ha perso il primato a favore della Toyota. Washington non può dettare tutti i risultati, né può sfuggire alle responsabilità per le sue spese dispendiose e per aver rovinato la prosperità americana.

A novembre gli americani si recheranno alle urne. Le elezioni in sé faranno molto di più che mettere alla prova l’integrità del processo elettorale americano. L’elezione farà sì che Biden venga ricordato per la sua intransigenza, per il suo rifiuto di cambiare rotta, come Herbert Hoover nel 1932. I democratici ricorderanno che i loro predecessori nel Partito Democratico hanno effettivamente corso contro Hoover per più di mezzo secolo. I repubblicani potrebbero ritrovarsi a correre contro Joe Biden per i prossimi 50 anni.

 

Douglas Macgregor, Col. (in pensione), è senior fellow di The American Conservative, ex consigliere del Segretario alla Difesa nell’amministrazione Trump, veterano decorato e autore di cinque libri.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments