Rilancio un articolo scritto da Snježana Majdandžić-Gladić e pubblicato su Vjera i djela (Fede e Opere), portale dei teologi cattolici di Zagabria. L’articolo, per ovvie ragioni, è tradotto con un traduttore elettronico e pertanto potrà avere sbavature, di cui mi scuso. Riporto questo articolo sia per la fonte sia per mostrare come ciò che sta a cuore di noi cattolici italiani trova le medesime esigenze nei cattolici croati. 

 

Papa Francesco: "Vaccinarsi è un atto di amore" - 18 agosto 2021

 

Sono sempre di più le persone che ammettono pubblicamente che promuovendo misure rigorose contro la malattia COVID-19, e sostenendo la necessità della vaccinazione, hanno commesso un errore, e tra loro probabilmente puoi trovare chi lo fa sinceramente, ma anche chi è motivato ​​dal timore che magari in un futuro prossimo o lontano vengano perseguiti. Ciò che è particolarmente importante, lo vediamo nel fatto che già un buon numero di scienziati nel mondo, in particolare la professione medica, vengono pubblicati articoli scientifici che confermano che le misure adottate hanno causato incomparabilmente più danni che benefici. [1] È ancora difficile trovare tali opere nel nostro paese, ma con l’esperienza odierna possiamo guardare indietro in modo critico a molte di quelle che sono state pubblicate in precedenza e concludere da quanto è stato scritto che sono in gran parte carenti intellettualmente, scientificamente e moralmente. [2] Tuttavia, mentre gli scienziati sono ancora per lo più moderati, notiamo che sempre più di quelle case [editrici] dei media che hanno sostenuto misure rigorose stanno ora sempre più apertamente, anche se ancora timidamente, mettendo in guardia sulle loro conseguenze negative. Infatti, la maggior parte dei promotori di misure severe, dai familiari, vicini di casa e colleghi, alla sede della Protezione Civile, che quotidianamente umiliavano chi resisteva alla tirannia, ora tacciono per lo più su questo argomento.

Viene così alla luce che i pericoli della pandemia sono stati maliziosamente esagerati, e per vari motivi, dallo sciacallaggio all’ideologico e allo spopolamento, per cui tutto ciò che è stato intrapreso potrebbe presto essere chiaramente mostrato, come alcuni hanno subito avvertito, come un crimine contro l’umanità. A causa di misure inadeguate, molti hanno perso la vita e altri subiscono molteplici gravi conseguenze, incomparabilmente più gravi di quelle causate dalla malattia stessa. Come affermano, il virus non è scomparso, ma quasi nessuno ci fa più caso. Tale stato non può essere attribuito ai successi della vaccinazione, perché nel nostro Paese non è stata effettuata nella misura che si riteneva necessaria per debellare la malattia. In altre parole, tutte le argomentazioni dei fautori di misure rigorose, lockdown, vaccinazioni, certificazioni COVID (green pass, ndr), ecc. ed è per questo che è comprensibile che la loro unica risposta sia il silenzio. E la paura che non accada che a causa delle loro parole e azioni oggi o domani saranno ritenuti penalmente responsabili o in qualche modo diverso.

In questa luce, non sarebbe oggettivo ignorare alcuni importanti media, associazioni e società cattoliche, che pure direttamente e quasi quotidianamente promuovevano provvedimenti severi, sostenendo che fossero espressione di amore per il prossimo, ma hanno subito taciuto. Lo stesso vale per la maggioranza dei vescovi, dei teologi, dei sacerdoti e dei monaci, nonché dei fedeli laici pubblicamente impegnati. Lo stesso, infine, si può applicare, e soprattutto, allo stesso Santo Padre. Come conclusione visibile a tutti, ne consegue che la Chiesa gerarchica ha fatto passi sbagliati, a partire dalla negazione della Santa Messa e del sacramento della confessione per il popolo, alla giustificazione delle vaccinazioni e dei certificati COVID, quindi dovreste prepararvi per il possibilità che dovranno pagare per questo. Finora non abbiamo notato che nessuno dei suoi ranghi si sia scusato a causa di quelle mosse sbagliate, e pensiamo che sia necessario.

Vale a dire, è ovvio per noi credenti che dovremmo perdonare, e questo senza riserve, proprio come il Padre misericordioso perdona i peccati di chiunque si penta sinceramente. Tuttavia, se non c’è una sincera confessione del peccato, non c’è sostanza che possa essere perdonata, quindi il peccato rimane. Così, il peccato impedisce la riconciliazione con Dio e con la Chiesa. In questa luce, possiamo dire che è importante per la vera unità del Popolo di Dio che tutti coloro che hanno contribuito alla diffusione del male, anche se lo hanno fatto principalmente nell’ignoranza e con la convinzione di fare del bene ai loro vicini, ammettere che si sbagliavano. A causa delle loro azioni, soprattutto considerando la riduzione della gravità delle restrizioni nelle chiese e la ridicolizzazione di coloro che hanno rifiutato di essere vaccinati con aborti contaminati dal vaccino, molti all’interno della Chiesa sono stati profondamente feriti spiritualmente e si aspettano un balsamo nella parola: Perdona! Del resto, anche molti al di fuori si aspettano lo stesso, perché speravano che il Santo Padre e i vescovi li proteggessero e li sostenessero nella dignità umana, ma si è verificato il contrario.

Pertanto, se molti di coloro che non sono credenti riconoscono il loro errore nel loro atteggiamento nei confronti della pandemia, non è troppo aspettarsi che sia ancora più chiaro ai credenti. Finora tutto poteva essere giustificato dall’ignoranza e dall’influenza della propaganda, ma ora non più. Forse questa volta non c’è bisogno di aspettare che arrivi il pentimento dal Santo Padre, ma per cominciare basterà qualche onesta confessione pubblica di un prete o di un fedele laico, con la speranza che ne comprenda anche altri e finalmente finisca con un documento ecclesiastico in cui, almeno a parole, si correggerà ciò che non sarebbe dovuto accadere nei fatti. In tal modo, la Chiesa ha la possibilità non solo di ammettere onestamente e correggere ciò che ha fatto di male, ma anche di diventare un vero protettore della dignità di tutti coloro che ancora soffrono a causa di misure irragionevoli. 

 


[1] Qui richiamiamo l’attenzione solo sugli scritti del Dr. Valerij Vrček e del Dr. Gordan Lauc, che rimandano regolarmente i lettori a nuovi articoli professionali pubblicati su riviste scientifiche. Cfr. https://www.glas-koncila.hr/author/vvrcek/ https://www.facebook.com/gordan.lauc .

[2] Cercando articoli per parole chiave (es. COVID-19, corona, vaccino a mRNA, certificati COVID, ecc.) sul portale che raccoglie le riviste scientifiche e professionali croate “Hrčak” possiamo vedere che ci sono pochissimi articoli in cui gli autori hanno analizzato criticamente la necessità e la nocività delle misure e dei vaccini, cioè la maggioranza di coloro che li hanno giustificati e promossi o almeno hanno preso una posizione neutrale. Cfr. parole chiave su: https://hrcak.srce.hr/ . Vediamo una deviazione più grave da quella direzione soprattutto tra gli scienziati dei campi della psicologia, psichiatria, sociologia ed economia, che sono stati in grado di prevedere chiaramente e mettere in guardia pubblicamente sulle conseguenze per la salute mentale delle persone e l’economia, senza dover entrare in quelle aree tematiche che hanno causato c’era il pericolo che venissero censurate. 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments