Vi propongo un articolo del dott. Vinay Prasad, un ematologo-oncologo e professore associato di epidemiologia e biostatistica alla University of California, San Francisco, che è molto critico sulla quarta dose di vaccino COVID che viene attivamente spinta dalle case farmaceutiche. L’articolo è stato pubblicato su city-journal.org e ve lo presento nella mia traduzione. 

 

covid-19-vaccino

 

Il regolamento sui vaccini della FDA sta scivolando ulteriormente nel baratro. La scorsa settimana, Pfizer ha annunciato che avrebbe chiesto l’autorizzazione all’uso di emergenza per una quarta dose del suo vaccino mRNA, basato sul ceppo Wuhan originale di Covid-19, per le persone di età superiore ai 65 anni. Nel frattempo, Moderna ha annunciato che sta cercando una quota di mercato ancora più ampia: una quarta dose per chiunque abbia più di 18 anni, basata sul suo vaccino a mRNA originale. Se la FDA procede all’autorizzazione di entrambi i prodotti, cementerà un precedente pericoloso: prove inadeguate utilizzate per giustificare una vaccinazione diffusa negli anni a venire.

Più di 255 milioni di americani hanno ricevuto almeno una dose dei vaccini, 217 milioni hanno completato un ciclo completo e 76 milioni hanno ricevuto il richiamo, facendo guadagnare miliardi di dollari a Pfizer e Moderna nel processo. Almeno 140 milioni di americani hanno avuto il Covid-19. Molti hanno sperimentato sia la vaccinazione che l’infezione rivoluzionaria (quella che ha rotto la barriera offerta dal vaccino, ndr). Diverse fonti suggeriscono che la vaccinazione rimane altamente efficace contro il ricovero e la morte, mentre la capacità di diversi vaccini di prevenire infezioni lievi è precipitata. Ciò significa che è altamente improbabile che ulteriori richiami bloccherebbero infezioni lievi oltre pochi mesi, o riducano ulteriormente il rischio di esiti gravi in ​​una persona altrimenti sana che ha ricevuto due o tre dosi e probabilmente anche la Covid-19.

Inoltre, la FDA non sta operando a pieno regime per quanto riguarda la regolamentazione dei vaccini. Il direttore dell’agenzia e il vicedirettore dei prodotti vaccinali si sono dimessi lo scorso autunno (dalla FDA, ndr), citando le pressioni della Casa Bianca per far approvare le terze dosi per tutti gli adulti e hanno scritto poi editoriali accusatori critici nei confronti della successiva decisione della FDA di farlo. In particolare, un esperto di vaccini, Paul Offit, ha consigliato a suo figlio di 20 anni di non ricevere una terza dose perché non era convinto che fornisse un beneficio netto a quell’età. Queste argomentazioni si applicano con ancora più forza alle quarte dosi e oltre. La medicina, come molti altri campi, è soggetta alla legge dei rendimenti decrescenti. È sempre più difficile ridurre il rischio di esiti negativi per ventenni sani e con booster (che potrebbero anche essere stati infettati da Omicron) perché il loro rischio (verso la COVID, ndr) è già così molto basso.

Se la FDA autorizza una quarta dose, possiamo aspettarci che gli obblighi del vaccino seguiranno subito dopo. Diverse istituzioni hanno già imposto la terza dose anche nelle popolazioni a rischio ultra basso. I college di tutto il paese hanno istituito mandati di richiamo per gli studenti. Princeton ha rifiutato di esentare gli studenti sani con due dosi e una precedente infezione dal suo obbligo di richiamo. La politica di richiamo dell’Università della California si applica anche alla scuola di laboratorio dell’UCLA (una scuola superiore), che prevede una terza dose per gli studenti dai 12 anni in su. Non c’è motivo di dubitare che istituzioni come queste imporranno rapidamente una quarta dose.

I dati a supporto della quarta dose non sono all’altezza del gold standard della medicina: uno studio randomizzato. Invece, abbiamo due studi osservazionali che confrontano le persone che si sono affrettate a ricevere il richiamo con quelle che non l’hanno fatto. Naturalmente, questi due gruppi comprendono tipi di persone fondamentalmente diversi, come possiamo vedere in uno degli studi, che sembrava mostrare un grande effetto benefico il primo giorno dopo che i soggetti avevano ricevuto una quarta dose. È impossibile che un vaccino funzioni in un solo giorno, quindi la differenza deve essere dovuta a distorsione, mettendo così in discussione anche le stime successive. L’altro studio, che ha esaminato gli operatori sanitari in Israele e si è affidato a test attivi su persone senza sintomi, ha riscontrato una riduzione delle infezioni (30 percento), un risultato che, ancora una volta, la natura non randomizzata dello studio mette in discussione. (Come hanno ammesso anche gli autori di quello studio, “La maggior parte degli operatori sanitari infetti ha riportato sintomi trascurabili.”)

Non importa quante dosi la FDA approvi, la vaccinazione non fermerà mai la trasmissione. Alla fine, tutti noi avremo un’infezione di rottura. Idealmente, dovremmo affrontare il virus nel migliore dei modi, avendo affrontato i problemi di salute sottostanti e ricevuto la vaccinazione primaria.

La politica dei vaccini dell’amministrazione Biden è andata male in questo senso. Gli Stati Uniti hanno un tasso di vaccinazione più basso di Iran, Cambogia, Colombia, El Salvador, Brasile, Perù, Canada, Unione Europea, Regno Unito, Australia, Nuova Zelanda, Corea del Sud e Giappone. La FDA ha inutilmente agitato i genitori sulla vaccinazione dei bambini dai sei mesi ai quattro anni, basandosi su dati inaffidabili, poi ha staccato la spina all’autorizzazione. Ora, usando altri dati errati, è pronta a cementare un precedente normativo che potrebbe portare a richiami annuali o biennali. Pfizer e Moderna diventeranno ricchi, le nostre braccia ci faranno male, e nessuno saprà se avremo preso la decisione giusta.

 

 

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email