Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Zachary Stieber e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

vaccino vaccinazione puntura siringa braccio covid
Foto: Stephane de Sakutin/AFP

 

Le persone che hanno ricevuto un nuovo richiamo del vaccino COVID-19 hanno avuto maggiori probabilità di contrarre il COVID-19 rispetto a quelle che non hanno ricevuto alcuna dose di vaccino COVID-19, secondo un nuovo studio condotto sulle carceri della California.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 33 carceri statali da gennaio a luglio 2023 per cercare di valutare l’efficacia dei vaccini bivalenti, introdotti nell’autunno del 2022.

Tra i 96.201 detenuti con dati sul test COVID-19 e sulla vaccinazione, i ricercatori hanno identificato 2.835 casi.

Hanno scoperto che 1.187 dei casi erano tra le persone che avevano ricevuto un vaccino bivalente, contro i soli 568 casi tra i non vaccinati.

Il resto era costituito da persone che avevano ricevuto solo vaccini monovalenti, o vecchi vaccini. Questo gruppo è stato escluso da ulteriori analisi.

Sebbene la popolazione dei riceventi del bivalente fosse più numerosa di quella dei non vaccinati (36.609 contro 20.889), il tasso di infezione era comunque elevato nel gruppo del bivalente, a causa di un numero quasi doppio di infezioni, hanno rilevato i ricercatori.

Il tasso di infezione nel gruppo che ha ricevuto l’iniezione bivalente è stato del 3,2%, rispetto al 2,7% dei non vaccinati.

“Il gruppo dei vaccinati bivalenti aveva un tasso di infezioni leggermente ma statisticamente significativo rispetto al gruppo dei non vaccinati”, hanno scritto il dottor Robert Mayes del California Correctional Healthcare Services e gli altri autori.

Stratificando per età, i ricercatori hanno scoperto che il divario era maggiore nei detenuti anziani.

Tra i detenuti di almeno 65 anni, il tasso di infezione era del 6,4% tra i vaccinati e del 4,5% tra coloro che non avevano ricevuto l’iniezione. Tra i detenuti di almeno 50 anni, i tassi erano rispettivamente del 4% e del 3%.

Il primo dato non era statisticamente significativo, hanno detto i ricercatori.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere le ragioni di questi risultati e considerare altri fattori, come le condizioni di salute sottostanti. Questo studio sottolinea l’importanza di sviluppare vaccini che colpiscano le infezioni residue da COVID-19, soprattutto per quanto riguarda le varianti di COVID-19 in evoluzione”, hanno poi aggiunto i ricercatori.

Lo studio è stato pubblicato dalla rivista Cureus.

L’autore corrispondente del gruppo non ha risposto alle domande, tra cui il motivo per cui sono state escluse le persone vaccinate che non hanno ricevuto un’iniezione bivalente.

Il gruppo ha ipotizzato che il divario tra i vaccinati e i non vaccinati possa derivare dall’immunità naturale o dalla protezione che le persone hanno dopo la guarigione dalla COVID-19. Non sono riusciti a incorporare l’immunità naturale nei loro calcoli. Hanno anche detto che i detenuti potrebbero non riferire i sintomi, il che potrebbe falsare i risultati.

 

Affermazioni discutibili

I ricercatori hanno riconosciuto i risultati negativi, scrivendo che la ricerca “sottolinea l’importanza di sviluppare vaccini mirati alle infezioni residue da COVID-19, soprattutto per quanto riguarda le varianti di COVID-19 in evoluzione”.

Hanno anche scritto: “Questo studio suggerisce che, sebbene il vaccino bivalente possa offrire una protezione contro gli esiti gravi, potrebbe non ridurre significativamente il rischio di infezioni complessive”.

I ricercatori non hanno fornito prove a sostegno della protezione del vaccino contro gli esiti gravi.

Il dottor Ray Andrews, medico in pensione, ha affermato che la dicitura è un esempio di offuscamento.

“Le parole ‘può darsi’ e ‘potrebbe’ rendono la tesi scientifica un’opinione personale”, ha detto il dottor Andrews a The Epoch Times via e-mail.

“I risultati hanno dimostrato che i vaccini non sono efficaci”.

I vaccini bivalenti sono stati autorizzati senza dati di sperimentazione clinica e a tutt’oggi non sono stati prodotti dati di efficacia. I funzionari statunitensi si stanno preparando a sostituirli con nuovi vaccini a causa delle scarse prestazioni.

I dati osservazionali indicano che i vaccini forniscono una protezione di breve durata contro le malattie gravi.

 

Altri studi

Anche altri studi hanno rilevato che i vaccini bivalenti forniscono una protezione scarsa o nulla.

I ricercatori francesi, ad esempio, hanno stimato che un vaccino bivalente aggiunge solo l’8% di protezione contro l’infezione sintomatica, mentre i ricercatori sudcoreani hanno stimato solo il 12% di protezione aggiuntiva. I ricercatori del Qatar hanno stimato un’efficacia relativa del 25%, con un’efficacia inferiore tra le persone senza infezione precedente.

A giugno i ricercatori della Cleveland Clinic hanno scoperto che i dipendenti della clinica che erano “aggiornati” con i loro vaccini, o che avevano ricevuto una dose bivalente, avevano un rischio maggiore di contrarre l’infezione rispetto agli altri.

“Questo studio mette in evidenza le difficoltà di contare sulla protezione offerta da un vaccino quando la sua efficacia diminuisce nel tempo con l’emergere di nuove varianti antigenicamente molto diverse da quelle utilizzate per lo sviluppo del vaccino”, hanno dichiarato all’epoca il dottor Nabin Shrestha e altri ricercatori.

Anche i dati osservativi hanno sostenuto l’idea che i booster non funzionano bene.

I documenti precedenti hanno fornito stime di efficacia negative per i vecchi vaccini, compresi quelli di Moderna e Pfizer.

Altri studi hanno esaminato la protezione dei bivalenti contro l’ospedalizzazione o la malattia grave.

I bivalenti come secondo o terzo richiamo hanno inizialmente aumentato la protezione contro le malattie gravi solo del 25% negli anziani e tale protezione è scesa al 18% nel tempo, hanno rilevato i ricercatori italiani.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno riscontrato che negli adulti sani, coloro che avevano ricevuto un bivalente avevano maggiori probabilità di essere ricoverati in ospedale.

I ricercatori di Singapore hanno riscontrato che le persone che hanno ricevuto un richiamo bivalente avevano meno probabilità di contrarre la COVID-19 o di andare in ospedale con la COVID-19, ma non hanno tenuto conto del fatto che le persone che ricevono i vaccini sono spesso più sane di quelle che non li ricevono.

Correzione: È stata corretta un’affermazione del dottor Andrews sull’efficacia dei vaccini. L’Epoch Times si rammarica dell’errore.

Zachary Stieber

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments