Le persone vaccinate dovrebbero andare a fare i richiami o no? Risponde l’esperto Geert Vanden Bossche con un commento pubblicato sul suo blog.

 

Geert Vanden Bossche
Geert Vanden Bossche

 

Domande e risposte con Geert Vanden Bossche #1


Domanda:Le persone vaccinate dovrebbero andare a fare i richiami o no?

Risposta: Da un punto di vista immunologico, i richiami e la vaccinazione di massa in generale sono dannosi come la muffa su un muro.

 

Il vaccino non può prevenire l’infezione né la trasmissione. Aumentando di nuovo gli anticorpi (con il richiamo), il virus viene messo sotto una pressione immunitaria ancora più alta, espandendo ulteriormente la sua capacità di sfuggire agli anticorpi vaccinali (Abs). Di conseguenza, le varianti più infettive ottengono un vantaggio competitivo e quindi si diffondono più fortemente tra la popolazione. Questo non fa che precipitare ed espandere la capacità evolutiva del virus di resistere ai vaccini. Il livello di protezione che l’OMS ha recentemente dichiarato (40%) è tutt’altro che dovuto ai vaccini e può essere attribuito solo a una certa immunità innata “allenata” che gran parte della popolazione ha acquisito prima della vaccinazione a seguito di un’infezione asintomatica/moderata. È chiarissimo, infatti, che nessuno dei vaccini C-19 è in grado di bloccare la trasmissione, nemmeno dell’1%! Poiché gli Abs vaccinali sopprimono gli Abs innati rilevanti, questi vaccini non hanno alcuna capacità di conferire un’immunità sterilizzante. Di conseguenza, nessuno di questi vaccini aiuta a costruire un’immunità di gruppo; al contrario, generano un terreno di coltura nei vaccinati per varianti più infettive, aumentando così ulteriormente i tassi di infezione e minacciando sia i non vaccinati che i vaccinati. Inoltre, gli Abs vaccinali tendono a superare gli Abs innati per legarsi alla SARS-CoV-2 a causa della loro maggiore affinità per il virus. Questo vale in particolare per gli Abs innati ingenui (i bambini!) e spiega già perché la vaccinazione C-19 rischia di indebolire drammaticamente la prima linea di difesa immunitaria delle persone, soprattutto nei bambini. La nostra immunità innata non è solo ben armata per proteggere contro il COVID-19 (comprese tutte le sue varianti!), ma anche contro una serie di altri virus che causano malattie respiratorie acute.

Non c’è dubbio, quindi, che un tale assalto al nostro sistema immunitario avrà conseguenze drammatiche sulla salute individuale e pubblica. Fondamentalmente, la vaccinazione di massa sta ora trasformando la Covid-19 in una malattia dei giovani e dei sani non vaccinati, mentre permette al virus di sfondare sia la difesa immunitaria innata che quella adattativa dei vaccinati a causa della soppressione vaccino-mediata degli Abs innati e della resistenza virale agli Abs vaccinali, rispettivamente. Per coloro che non l’hanno capito finora, Omicron ripeterà quella lezione; il suo insegnamento sarà solo un po’ più duro e metterà presto a tacere tutti coloro che stanno cercando di convincere la loro gente che possono superare in astuzia il virus e, come affermano ridicolmente, ‘stare davanti al virus’.

 

 

Geert Vanden Bossche ha ricevuto il suo DVM dall’Università di Ghent, in Belgio, e il suo dottorato in virologia dall’Università di Hohenheim, in Germania. Ha avuto incarichi di facoltà aggiuntiva nelle università del Belgio e della Germania. Dopo la sua carriera accademica, Geert è entrato in diverse aziende produttrici di vaccini (GSK Biologicals, Novartis Vaccines, Solvay Biologicals) per ricoprire diversi ruoli nella R&S dei vaccini e nello sviluppo tardivo dei vaccini. Geert è poi passato a far parte del team Global Health Discovery della Bill & Melinda Gates Foundation a Seattle (USA) come Senior Program Officer; ha poi lavorato con la Global Alliance for Vaccines and Immunization (GAVI) a Ginevra come Senior Ebola Program Manager. Alla GAVI ha seguito gli sforzi per sviluppare un vaccino contro l’Ebola. Ha anche rappresentato GAVI nei forum con altri partner, tra cui l’OMS, per esaminare i progressi nella lotta contro l’Ebola e per costruire piani di preparazione alla pandemia globale. Già nel 2015, Geert ha esaminato e messo in discussione la sicurezza del vaccino contro l’Ebola che è stato utilizzato nelle prove di vaccinazione ad anello condotte dall’OMS in Guinea. La sua analisi scientifica critica e il suo rapporto sui dati pubblicati dall’OMS sul Lancet nel 2015 sono stati inviati a tutte le autorità sanitarie e normative internazionali coinvolte nel programma di vaccinazione contro l’Ebola. Dopo aver lavorato per GAVI, Geert si è unito al Centro tedesco per la ricerca sulle infezioni di Colonia come capo dell’ufficio per lo sviluppo dei vaccini. Attualmente è principalmente un consulente di biotecnologie/vaccini, mentre conduce anche una propria ricerca sui vaccini basati sulle cellule Natural Killer.

 

 

Facebook Comments