Interessante articolo scritto da Jennifer Margulis, Ph.D., pubblicato su The Epoch Times, sulle morti improvvise durante il sonno. Eccolo nella mia traduzione. 

 

miocardite-cuore

 

Durante una conferenza per professionisti del settore medico tenutasi a Sedona, in Arizona, lo scorso fine settimana, diversi relatori – tutti medici – hanno commentato una tendenza preoccupante: l’aumento di persone altrimenti sane che muoiono nel sonno.

Le morti improvvise e inspiegabili, dovute all’età, sembrano essere più frequenti del solito, sia negli Stati Uniti, dove questi medici esercitano, sia in molti altri Paesi del mondo industrializzato.

L’eccesso di mortalità “è un fenomeno diffuso in tutto il mondo”, ha dichiarato il dottor John Campbell, un educatore infermieristico che ha seguito e commentato meticolosamente i dati scientifici per il suo canale YouTube, che conta 2,47 milioni di iscritti.

I dati mostrano che “i decessi sono superiori del 16% rispetto a quanto ci aspetteremmo”, ha dichiarato il dottor Campbell in un recente video, “e la maggior parte di questi non sono decessi dovuti alla COVID”.

Le statistiche raccontano una parte della storia. Le morti insolite che fanno notizia ne raccontano un’altra.

Per esempio, l’attrice sudafricana Franci Swanepoel è stata trovata morta nel suo letto domenica mattina 16 ottobre. Stava girando un nuovo progetto. Swanepoel aveva 50 anni. Le cause del decesso non sono ancora note, secondo quanto riportato dai giornali.

All’inizio del mese, anche un giovane papà, Jack Grozier, è stato trovato morto nella sua casa di New Cumnock, in Scozia. Poche ore prima, aveva mandato un messaggio alla sua ragazza per dirle che le avrebbe parlato il mattino seguente. Grozier aveva 23 anni. Secondo l’Irish Mirror, lascia un figlio di un anno.

Anche la diciassettenne Gwen Casten, il cui padre è un legislatore dello Stato dell’Illinois, è morta nel sonno.

Il 7 ottobre 2022, la famiglia di Casten ha rilasciato una dichiarazione su Instagram in cui spiega che la figlia, che non aveva problemi di salute o comportamentali noti, è morta per un’aritmia cardiaca di causa sconosciuta.

“Era appena tornata a casa da una serata con gli amici, è andata a letto e non si è più svegliata”, si legge nella dichiarazione.

Il dottor Peter McCullough, cardiologo con certificazione in medicina interna e malattie cardiovascolari, che ha presentato alla conferenza, ha detto che quando le persone, soprattutto quelle giovani, muoiono nel sonno, la causa di fondo è spesso la miocardite.

La miocardite, che è un’infiammazione del cuore, può portare a ritmi cardiaci irregolari che possono essere letali senza un trattamento immediato.

Il dottor McCullough ha citato una “revisione dello stato del cuore” effettuata da un team internazionale di cardiologi e pubblicata a maggio sulla rivista Biomedicine & Pharmacotherapy. Secondo questo studio, sono stati segnalati molti problemi cardiaci dopo la vaccinazione, il più comune dei quali è la miocardite. “Sebbene la miocardite sia la ramificazione cardiovascolare più frequentemente segnalata, sono sempre più frequenti anche altre gravi complicazioni”, hanno scritto gli scienziati.

 

Un’impennata di catecolamine

Anche se può sembrare controintuitivo, il dottor McCullough ha affermato che le morti improvvise che avvengono durante il sonno sono biochimicamente simili alle morti improvvise che avvengono durante o subito dopo un esercizio fisico vigoroso.

Il motivo per cui le persone muoiono in modo apparentemente inspiegabile durante il sonno, ha spiegato il Dr. McCullough, è talvolta dovuto a un’impennata di catecolamine durante la fine del ciclo del sonno. Questo cambiamento biochimico naturale è il segnale del corpo di svegliarsi.

Le catecolamine sono ormoni prodotti dalle ghiandole surrenali. Vengono rilasciate nell’organismo in risposta allo sforzo fisico o allo stress emotivo. Ma vengono rilasciate anche durante il sonno, poco prima del risveglio, come segnale al corpo e al cervello che è ora di alzarsi.

Queste catecolamine possono aumentare, tra l’altro, la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la frequenza respiratoria.

Nell’organismo sono presenti tre catecolamine: dopamina, epinefrina e noradrenalina. Un aumento delle catecolamine, che avvenga durante il sonno o l’esercizio fisico, può stressare il cuore e provocare un battito aritmico, ha detto il dottor McCullough.

 

Morire prima dell’alba

Se il cuore di un giovane è stato danneggiato da un’infezione, da una vaccinazione o per qualsiasi altro motivo, l’aumento di catecolamine può essere letale. Questo è il motivo, ha detto McCullough, per cui le persone sembrano morire nel sonno. In realtà stanno morendo poco prima dell’alba.

Dopo un’attenta revisione della letteratura scientifica (a cui ha contribuito con diversi studi come autore o coautore), il dottor McCullough ha affermato che le morti improvvise e inaspettate a cui assistiamo nei giovani sono molto probabilmente dovute a miocardite indotta da vaccino non diagnosticata o asintomatica.

“Abbiamo appreso che circa la metà o più dei casi [di miocardite] sono inizialmente asintomatici. Ciò significa che i giovani non sanno di avere la miocardite”, ha spiegato McCullough. “Quindi, si sta formando una cicatrice nel cuore, ma non è mai stato detto loro di non fare sforzi e molti sono coinvolti nell’atletica e in tutti i tipi di attività”.

Durante un’impennata di catecolamine – che sia il risultato di un esercizio fisico intenso o che faccia parte del normale processo di risveglio – questa miocardite indotta dal vaccino e non rilevata può essere fatale, ha detto il dottor McCullough.

Questi sono anche i risultati di un’analisi pubblicata all’inizio di quest’anno sulla rivista Archives of Pathology & Laboratory Medicine, guidata da un patologo, il dottor James Gill, della Yale School of Medicine di New Haven, nel Connecticut. Il team dello studio, composto da tre medici, ha effettuato l’autopsia di due adolescenti morti subito dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino COVID-19 della Pfizer-BioNTech.

Hanno scoperto che la miocardite post-vaccino aveva “caratteristiche che ricordano una lesione indotta da catecolamine, non la tipica patologia della miocardite”. Lo stesso studio cita altre ricerche che hanno dimostrato come la miocardite sia raramente la causa dei decessi dovuti alle infezioni da COVID-19.

“Capire che questi casi sono diversi dalla tipica miocardite… può aiutare a guidare lo screening e la terapia”, concludono i ricercatori.

 

Aumento dei decessi tra gli adulti in età lavorativa

L’eccesso di decessi non spiegabili con l’infezione da COVID-19 ha iniziato a manifestarsi nelle richieste di risarcimento alle compagnie assicurative nel 2021.

Scott Davison, amministratore delegato di OneAmerica, un’importante compagnia assicurativa con sede a Indianapolis, ha dichiarato a una conferenza stampa online il 30 dicembre 2021 che la sua compagnia stava registrando “i tassi di mortalità più alti mai visti nella storia dell’azienda”.

Davison ha dichiarato che i tassi di mortalità sono aumentati del 40% e che i decessi dovuti al COVID-19 non spiegano la maggior parte dell’aumento. Le persone decedute avevano meno di 65 anni, il che è insolito, dal momento che i decessi dovuti al COVID sono fortemente orientati verso le persone di 65 anni e più.

“Forse non tutti i certificati di morte riportano la sigla COVID, ma i decessi sono aumentati in modo esponenziale”, ha detto McCullough.

Secondo il dottor McCullough, l’ipotesi più scientificamente responsabile da parte delle nostre agenzie regolatorie è che il numero insolitamente elevato di decessi in eccesso verificatosi negli Stati Uniti e in altri Paesi dopo l’introduzione dei vaccini COVID-19 sia causato dalle vaccinazioni stesse.

Il legame tra questi vaccini e l’eccesso di decessi dovrebbe essere l’ipotesi, a meno che non venga chiaramente identificata una causa diversa e non venga dimostrato che il deceduto non era stato vaccinato”, ha dichiarato il Dr. McCullough.

“Questa è una posizione normativa sicura”, ha insistito.

“Quindi, quando sviluppiamo nuovi prodotti, quando si verifica un decesso dopo l’uso di un nuovo prodotto, la posizione sicura è che sia dovuto al nuovo prodotto, a meno che non sia dimostrato il contrario”.

 

La miocardite indotta dal vaccino può richiedere mesi per manifestarsi

Ma i problemi cardiaci causati dai vaccini COVID-19 possono non diventare evidenti per molte settimane o mesi dopo la vaccinazione.

Nel novembre del 2021, un team di scienziati del Dipartimento di Pediatria del Seattle Children’s Hospital, affiliato all’Università di Washington, ha pubblicato sulla rivista Pediatrics uno studio che mostrava un legame definitivo tra i vaccini a base di mRNA e i problemi cardiaci negli adolescenti, una ricerca che è stata poi confermata da oltre una mezza dozzina di altri studi e rapporti di casi.

Il team dell’Università di Washington ha scoperto che la miocardite e la pericardite sono emerse in pazienti di età compresa tra i 12 e i 17 anni che hanno presentato dolore al petto entro una settimana dalla seconda dose di vaccini a base di mRNA.

In questi pazienti sono stati riscontrati livelli di troponina nel sangue superiori alla norma. La troponina è un tipo di proteina presente nei muscoli del cuore. Quando è presente nel sangue, può essere un indicatore di insufficienza cardiaca.

Lo stesso team di scienziati ha pubblicato uno studio di follow-up nel marzo 2022, sempre sul Journal of Pediatrics. Lo studio di follow-up ha esaminato un gruppo di giovani, di età compresa tra i 12 e i 17 anni, a cui era stata diagnosticata un’infiammazione cardiaca dopo la seconda dose dei vaccini a base di mRNA di Pfizer, scoprendo che quasi il 69% dei pazienti continuava a presentare anomalie cardiache nella risonanza magnetica cardiaca, anche otto mesi dopo la vaccinazione e in assenza di altri sintomi clinici.

Questo dato, scrivono gli scienziati nella loro discussione, “è un indicatore di danno cardiaco e di fibrosi [cicatrizzazione] ed è stato fortemente associato a una prognosi peggiore nei pazienti con miocardite acuta classica”.

Il Dr. McCullough ritiene che questo studio del 25 marzo 2022, condotto dalla Dr.ssa Jenna Schauer dell’Università di Washington, sia profondamente preoccupante.

“Ma quello che sappiamo della miocardite è che possono essere necessari diversi mesi per la formazione della cicatrice, e i documenti di Jenna Schauer lo dimostrano”, ha detto il dottor McCullough, aggiungendo che i bambini possono avere una “cicatrice relativamente consistente”.

Ha poi proseguito: “Quindi, come cardiologo, concluderei che il ritmo anomalo potrebbe certamente entrare in azione quattro mesi, sei mesi, otto mesi, dodici mesi dopo la formazione della cicatrice nel cuore”.

Secondo McCullough, la morte improvvisa di un giovane apparentemente sano che muore inaspettatamente nel sonno o durante l’esercizio fisico, anche fino a otto mesi dopo essere stato vaccinato, potrebbe essere dovuta a una miocardite non diagnosticata causata dal vaccino COVID-19.

 

Genitori, fatevi avanti

Il dott. McCullough ha esortato i genitori a dichiarare apertamente se i loro figli hanno assunto il vaccino COVID-19. Il modo più semplice per dimostrare che una morte improvvisa e inaspettata, soprattutto tra i giovani, non è legata alle iniezioni, ha detto, “è che le famiglie si facciano avanti e dicano che non hanno preso il vaccino. In questo caso, l’ipotesi è esclusa”.

Tuttavia, ha proseguito McCullough, “quando le famiglie sono silenziose e non viene detto nulla, sia che abbiano preso il vaccino sia che non l’abbiano preso, penso sia lecito supporre che l’abbiano preso”.

La dottoressa Angelina Farella, pediatra che esercita privatamente a Webster, in Texas, anch’essa intervenuta alla conferenza di Sedona, ha spiegato di aver iniziato a curare gli adulti affetti da COVID-19 quando i suoi colleghi medici si rifiutavano di aiutarli.

La dottoressa Farella ha dichiarato di essere molto preoccupata per i problemi cardiaci dei giovani che lei e i suoi colleghi vedono clinicamente e di cui leggono nella letteratura scientifica.

“Come pediatra, raramente mandiamo un bambino da un cardiologo [che] non abbia un difetto cardiaco congenito”, ha detto la dottoressa Farella. “Molto raramente li mandiamo da un cardiologo”.

Al giorno d’oggi, tuttavia, i problemi cardiaci tra i bambini e i giovani adulti che hanno assunto il vaccino COVID-19 sono abbastanza comuni da indurre la dottoressa Farella a non firmare più i moduli per le visite mediche sportive di routine senza aver eseguito un esame del sangue completo sui suoi pazienti per verificare la presenza di segni di declino cardiaco.

Questo include il test della troponina nel sangue e i livelli di D-dimero (un semplice esame del sangue usato per escludere la presenza di coaguli di sangue).

Sebbene alcune famiglie del suo studio siano contrariate da questo passo in più, la dottoressa Farella ha insistito sul fatto che i test supplementari sono fondamentali per garantire la sicurezza dei bambini.

“Voglio solo rassicurare me stessa e la famiglia che hanno davanti a sé la vita più sicura e migliore possibile”, ha detto la dottoressa Farella.

 

Jennifer Margulis, Ph.D., è una giornalista pluripremiata e autrice di “Your Baby, Your Way: Taking Charge of Your Pregnancy, Childbirth, and Parenting Decisions for a Happier, Healthier Family”. Vincitrice di un premio Fulbright e madre di quattro figli, ha lavorato a una campagna per la sopravvivenza dei bambini in Africa occidentale, ha sostenuto la fine della schiavitù infantile in Pakistan in prima serata in Francia e ha insegnato letteratura post-coloniale a studenti non tradizionali nei quartieri poveri di Atlanta.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments