Le persone che hanno contratto il COVID-19 e sono guarite dovrebbero sapere che il rischio di reinfezione è molto basso, ha detto un medico dopo la pubblicazione di uno studio su cui ha lavorato.

Riporto un articolo di Zachary Stieber, pubblicato su The Epoc Thimes, nella mia traduzione. Oltre agli studi citati nel predetto articolo, in proposito si può consultare anche quest’altro studio a nome di Nabin K. Shrestha, Patrick C. Burke, Amy S. Nowacki, Paul Terpeluk, Steven M. Gordon.

 

SARS-CoV-2 particelle del virus
SARS-CoV-2 particelle del virus

 

I ricercatori hanno analizzato le registrazioni di Curative, un laboratorio clinico con sede a San Dimas che è specializzato nei test COVID-19 e che durante la pandemia ha condotto lo screening di routine della forza lavoro. Nessuno dei 254 dipendenti che hanno avuto il COVID-19 e sono guariti si sono infettati di nuovo, mentre quattro dei 739 che erano completamente vaccinati hanno contratto la malattia.

“Il grande risultato è stato che se non si è vaccinati e non si è stati precedentemente infettati, si ha un rischio molto alto di essere infettati: il 24% dei dipendenti in un anno è risultato positivo. Tuttavia, il rovescio della medaglia, se sei stato vaccinato o precedentemente infettato il tuo rischio è vicino allo zero”, ha detto a The Epoch Times il dottor Jeffrey Klausner, professore clinico di medicina preventiva e medicina alla Keck School of Medicine della University of Southern California.

Klausner e il dottor Noah Kojima dell’Università della California, Dipartimento di Medicina di Los Angeles si sono uniti ai lavoratori di Curative per analizzare i record. Hanno rilasciato un pre-print, cioè una versione pre-peer reviewed dello studio online questa settimana.

I ricercatori hanno scoperto che dei 4.313 dipendenti che non erano stati precedentemente infettati o completamente vaccinati, 254 si sono infettati.

I risultati si aggiungono al crescente corpo di ricerca che indica che le persone che hanno avuto la COVID-19 e si sono ripresi godono di un livello di protezione simile a quelli che hanno ottenuto un vaccino, dopo uno studio nel Regno Unito e uno da ricercatori della Cleveland Clinic.

“Dovrebbe dare fiducia alle persone che si sono riprese dalla malattia che sono a bassissimo rischio di una nuova infezione e alcuni esperti, me compreso, credono che la protezione sia uguale alla vaccinazione”, ha detto Klausner a The Epoch Times.

“E stiamo cercando di aggiornare la politica in modo che le persone che sono guarite abbiano gli stessi privilegi e accesso delle persone che sono vaccinate”.

Secondo la guida federale, i vaccini dovrebbero essere somministrati alle persone indipendentemente dal fatto che abbiano avuto la COVID-19 in passato.

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha detto che i funzionari sono a conoscenza delle prove che suggeriscono un’immunità naturale tra coloro che sono stati infettati, ma non ha modificato le sue raccomandazioni per incorporare tali prove.

“Non commentiamo i documenti non scritti dal CDC. Valutiamo continuamente la scienza che porta alla nostra linea guida, e se deve essere cambiata, ci baseremo sulla nostra ricerca e sui nostri studi”, ha detto un portavoce a The Epoch Times in una e-mail il mese scorso.

Le limitazioni del nuovo studio, che è stato presentato a una rivista ed è in fase di peer review, includono la possibilità che i dipendenti possano essere risultati positivi al COVID-19 al di fuori dello screening di routine o del programma di test dei dipendenti.

Il gruppo prevede di condurre ulteriori analisi sui dati di Curative.

Il dottor David Boulware, professore di medicina all’Università del Minnesota, ha detto a The Epoch Times via e-mail che lo studio “si aggiunge al corpo della letteratura secondo cui generalmente gli adulti sani <65 anni con precedente infezione da COVID-19 non sono generalmente a rischio di infezione ricorrente da SARS-CoV-2 nel breve termine dopo l’infezione sintomatica iniziale”.

SARS-CoV-2 è un altro nome per il virus CCP (Partito Comunista Cinese), che causa COVID-19.

Boulware, che non è stato coinvolto nella ricerca, ha notato che l’età mediana di quelli testati era di 29 anni e molto probabilmente includeva poche persone di 65 anni o più, o molte persone senza problemi al sistema immunitario.

“Così, questo potrebbe non applicarsi a persone anziane o persone con sostanziali co-morbidità – ma probabilmente si applica agli adulti 18-65 anni di età senza grandi problemi medici”, ha detto, aggiungendo che poiché il periodo di tempo di follow-up di quelli studiati era relativamente breve, il documento non dà un’idea della protezione a lungo termine.

“La protezione a lungo termine è più sconosciuta, ed è per questo che alle persone con infezione precedente viene ancora raccomandato di ricevere almeno 1 dose di vaccino, ma non c’è alcuna urgenza di ricevere il vaccino (e aspettare ~ 3 mesi probabilmente andrebbe bene)”, ha detto.

Klausner ha detto che oltre a rafforzare l’idea dell’immunità naturale, lo studio dimostra che la vaccinazione sul posto di lavoro è importante.

“Dobbiamo continuare a promuovere i requisiti di vaccinazione sul posto di lavoro. Le aziende hanno l’autorità e hanno la capacità e il potere legale di richiedere che i dipendenti si vaccinino”, ha detto. “E penso che questo abbia fornito il supporto che ne beneficia.”.

 

 

 

Facebook Comments