Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Naveen Athrappully e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

mascherina bambini obbligo
(AP Photo/Chris O’Meara, File)

 

L’imposizione dell’obbligo di mascherina ai bambini delle scuole durante la pandemia non ha influito sull’incidenza dell’infezione da COVID-19, secondo una ricerca condotta in Finlandia.

Lo studio, pubblicato sulla rivista BMC Public Health il 21 aprile, è stato condotto in tre città finlandesi: Helsinki, Turku e Tampere. Queste città avevano incidenze di base simili di COVID-19 tra agosto e settembre 2021. All’epoca, il governo federale aveva raccomandato l’uso di mascherine nelle scuole per i bambini dai 12 anni in su. A Helsinki e Tampere, la raccomandazione nazionale è stata imposta come mandato nelle scuole, mentre a Turku il mandato è stato imposto ai bambini dai 10 anni in su.

Il team di ricerca ha esaminato gli effetti delle mascherine su due gruppi di bambini: quelli tra i sette e i nove anni e quelli tra i 10 e i 12 anni. Mentre i bambini tra i sette e i dieci anni non erano soggetti all’obbligo di mascherina, quelli tra i 10 e i 12 anni dovevano indossarla.

“Secondo la nostra analisi, non è stato ottenuto alcun effetto aggiuntivo dall’obbligo di mascherina, in base al confronto tra le città e tra le fasce d’età dei bambini non vaccinati (10-12 anni contro 7-9 anni)”, si legge nello studio.

“Le raccomandazioni sulle mascherine nelle scuole non hanno ridotto l’incidenza della COVID-19 tra i bambini di 10-12 anni in Finlandia. Ciò potrebbe indicare che i casi di COVID-19 nelle scuole riflettono semplicemente le infezioni della comunità piuttosto che i focolai scolastici”.

 

Maschere inefficaci

Lo studio finlandese ha citato una ricerca spagnola sull’obbligo di mascherina nelle scuole, secondo la quale la mascherina non era associata a una minore incidenza o trasmissione della COVID-19. Il rischio di trasmissione nelle scuole è risultato inferiore a quello delle famiglie.

La ricerca cita anche uno studio condotto negli Stati Uniti alla fine del 2022, secondo il quale l’abolizione dell’obbligo di mascherina era associata a un aumento dei casi di COVID-19 tra gli studenti e il personale.

“Tuttavia, questo studio ha aggregato i dati di tutte le fasce d’età, rendendo difficile determinare come gli effetti delle raccomandazioni sulle mascherine possano variare a seconda dell’età”, ha dichiarato lo studio finlandese.

Anche molti altri studi hanno suggerito che le mascherine potrebbero essere inefficaci per controllare la COVID-19.

Il 13 aprile, l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha dichiarato di non essere riuscita a trovare prove che dimostrino che le mascherine N95 o simili di grado medico proteggano le persone clinicamente vulnerabili dall’ammalarsi gravemente della malattia.

Una revisione da parte della UKHSA di migliaia di studi primari sull’efficacia delle coperture facciali non è riuscita a trovare nulla che indichi se l’uso di respiratori N75 o simili possa proteggere o meno le persone. Questo dato è piuttosto significativo, dato che i respiratori N95 sono considerati molto efficienti nel filtrare le particelle trasportate dall’aria.

 

Danni da mascherina

Oltre a essere inefficace, indossare le mascherine si rivela anche dannoso. Una revisione sistematica di 2.168 studi che ha esaminato gli effetti negativi dell’uso delle mascherine durante la COVID-19 ha rilevato che molte persone hanno sofferto di conseguenze per la salute come mal di testa e prurito.

Il mal di testa è risultato essere il “sintomo più frequente” tra coloro che indossavano le mascherine, con una prevalenza del 62% per l’uso generale della maschera. La mancanza di respiro è stata osservata nel 33% degli utilizzatori.

Mentre il 17% dei portatori di mascherine chirurgiche ha accusato prurito, questo numero era del 51% tra gli utilizzatori di N95. La prevalenza dell’acne tra gli utilizzatori di mascherine era del 38% e l’irritazione della pelle del 36%. Le vertigini sono state riscontrate nel 5% dei soggetti.

Le mascherine interferiscono anche con il processo di assorbimento dell’ossigeno e di rilascio dell’anidride carbonica, compromettendo la “compensazione respiratoria”. La restrizione dell’assorbimento di ossigeno e l’ostacolo al rilascio di anidride carbonica sono stati identificati come più significativi tra gli utilizzatori di mascherine N95.

Un sondaggio online condotto dai ricercatori dell’Università dell’Illinois di Chicago ha rilevato che i soggetti asmatici incontrano difficoltà nell’indossare le mascherine.

Mentre l’84% ha provato disagio, il 75% ha riferito di aver avuto problemi di respirazione o respiro corto almeno per un po’ di tempo mentre indossava la mascherina.

Naveen Athrappully

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments