Il femminismo sta avendo il merito di mettere in evidenza che dietro un’apparente azione egualitaria (quella di riconoscere il diritto di essere riconosciuto come donna a colui che “si sente” semplicemente donna, ma che rimane biologicamente un uomo) si nasconde la peggiore distruzione del diritto (e delle battaglie) delle donne, quel diritto di essere riconosciuta come donna in quanto biologicamente donna, quel diritto al riconoscimento della specificità dell’essere donna in quanto nata come donna.

Si parla di questo nell’articolo di Paul Smeaton, pubblicato su Lifesitenews, che vi proponiamo nella nostra traduzione.

 

transgender

Uomini che si identificano come donne

 

Un gruppo per i diritti delle donne sta valutando un’azione legale contro una linea guida del governo scozzese che riconosce gli uomini di genere come donne. 

Women Scotland dice che sta considerando di chiedere un riesame giudiziario, dopo che il governo scozzese ha rilasciato una guida legale a giugno, cambiando la definizione di “donna” ai fini del Gender Representation nel Public Boards Act 2018. 

La guida statutaria afferma che gli uomini che stanno pianificando o hanno iniziato i cosiddetti processi di “riassegnazione di genere” e che “vivono continuamente come donne” saranno considerati donne ai fini della legge.

“Ciò non richiederebbe che la persona si vesta, sembri o si comporti in un modo particolare”, dice la guida. 

“Tuttavia, ci si aspetterebbe che ci fossero prove che la persona viva continuamente come donna, come – usando sempre pronomi femminili; usando un nome femminile su documenti ufficiali come la patente di guida o il passaporto, o su bollette o conti bancari; usando titoli femminili; aggiornando il marcatore di genere al femminile su documenti ufficiali come la patente di guida o il passaporto; descrivendo se stessa ed essere descritta da altri in una comunicazione scritta o in altre comunicazioni come donna”.

La guida chiarisce inoltre che una persona “che riassegna il proprio sesso da femmina a maschio non sarebbe inclusa nella definizione di donna ai fini della legge”.

Per Women Scotland, che afferma di ritenere che “i diritti delle donne dovrebbero essere rafforzati” e che “il sesso è immutabile ed è una caratteristica protetta”, ha pubblicato un parere legale che afferma che la guida “va contro l’essenza stessa del Equality Act 2010 e decenni di legge anti-discriminazione” e “non è compatibile con il diritto dell’UE”. 

“E’ incredibile che il governo scozzese abbia introdotto una nuova legislazione che contravviene all’essenza stessa di ciò che è una “donna” nella legge. Questa è solo l’introduzione dell’auto-identificazione del sesso [introdotta] dalla porta di servizio”, ha detto Marion Calder di For Women Scotland.

Sebbene lo scopo del Gender Representation on Public Boards Act 2018 sia quello di assicurare che il 50% dei membri non esecutivi del consiglio di amministrazione delle autorità pubbliche scozzesi quotate in borsa siano donne, la guida afferma che “la legge non richiede che una persona incaricata di nominare una persona chieda a un candidato di dimostrare che soddisfa la definizione di donna contenuta nella legge”.

La guida afferma che “la disposizione si riferisce solo al significato di ‘donna’ nella legge” e che “non ha l’effetto di creare una nuova definizione legale di donna in nessun altro contesto”.

“Noi crediamo che questa legge sollevi preoccupazioni significative per lo status delle donne in Scozia”, afferma il comunicato stampa di For Women Scotland. 

“Come strumento per aumentare la rappresentanza delle donne, è reso inefficace e può essere usato come precedente per minare le tutele legali per le donne in un modo che è in contrasto con la legge sull’uguaglianza britannica e dell’UE”.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1