Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Medea Benjamin e Nicolas JS Davies e pubblicato su AntiWar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Guerra-Russia-Ucraina

 

Nel giugno 2022, il Presidente Biden ha scritto sul New York Times che gli Stati Uniti stavano armando l’Ucraina per “combattere sul campo di battaglia ed essere nella posizione più forte possibile al tavolo dei negoziati”.

La controffensiva dell’Ucraina dell’autunno 2022 l’ha lasciata in una posizione più forte, ma Biden e i suoi alleati della NATO hanno comunque preferito il campo di battaglia al tavolo dei negoziati. Ora il fallimento della “controffensiva di primavera”, a lungo rinviata, ha lasciato l’Ucraina in una posizione più debole, sia sul campo di battaglia che al tavolo dei negoziati, ancora vuoto.

Quindi, in base alla definizione di Biden degli obiettivi di guerra degli Stati Uniti, la sua politica sta fallendo, e sono centinaia di migliaia di soldati ucraini, non americani, a pagarne il prezzo, con le loro membra e le loro vite.

Ma questo risultato non era inaspettato. Era stato previsto nei documenti del Pentagono trapelati e ampiamente pubblicati in aprile e nel rinvio dell’offensiva da parte del Presidente Zelenskyy in maggio per evitare quelle che lui stesso ha definito perdite “inaccettabili”.

Il ritardo ha permesso a un maggior numero di truppe ucraine di completare l’addestramento NATO su carri armati e veicoli corazzati occidentali, ma ha anche dato alla Russia più tempo per rafforzare le sue difese anticarro e preparare zone letali lungo le 700 miglia di linea del fronte.

Ora, dopo due mesi, le nuove divisioni corazzate ucraine sono avanzate solo di 12 miglia o meno in due piccole aree, al costo di decine di migliaia di vittime. Il 20% dei veicoli blindati e delle attrezzature occidentali appena schierate sono stati distrutti nelle prime settimane della nuova offensiva, mentre le divisioni corazzate addestrate dal Regno Unito cercavano di avanzare attraverso i campi minati russi e le zone di uccisione senza operazioni di sminamento o copertura aerea.

Nel frattempo, la Russia ha fatto piccoli progressi simili verso Kupyansk, nella provincia orientale di Kharkiv, dove il territorio intorno alla città di Dvorichna è passato di mano per la terza volta dall’invasione. Questi scambi di piccoli pezzi di territorio, con un uso massiccio dell’artiglieria pesante e perdite spaventose, caratterizzano una brutale guerra di logoramento non dissimile dalla Prima guerra mondiale.

Le controffensive dell’Ucraina, che hanno avuto più successo lo scorso autunno, hanno provocato un serio dibattito all’interno della NATO sul fatto che quello fosse il momento per l’Ucraina di tornare al tavolo dei negoziati che aveva abbandonato su sollecitazione britannica e statunitense nell’aprile 2022. Mentre le forze ucraine avanzavano su Kherson all’inizio di novembre, La Repubblica in Italia ha riferito che i leader della NATO avevano convenuto che la caduta di Kherson avrebbe messo l’Ucraina nella posizione di forza che aspettavano per rilanciare i colloqui di pace.

Il 9 novembre 2022, proprio il giorno in cui la Russia ha ordinato il ritiro da Kherson, il generale Mark Milley, presidente dello Stato Maggiore, ha parlato all’Economic Club di New York, dove l’intervistatore gli ha chiesto se i tempi fossero ormai maturi per i negoziati.

Il generale Milley ha paragonato la situazione alla Prima guerra mondiale, spiegando che i leader di tutte le parti avevano capito già nel Natale del 1914 che quella guerra non era vincibile, eppure hanno continuato a combattere per altri quattro anni, moltiplicando il milione di vite perse nel 1914 per 20 milioni nel 1918, distruggendo cinque imperi e ponendo le basi per l’ascesa del fascismo e la Seconda guerra mondiale.

Milley ha concluso il suo racconto ammonitore osservando che, come nel 1914, “… deve esserci un riconoscimento reciproco del fatto che la vittoria militare, probabilmente nel vero senso della parola, non è raggiungibile con mezzi militari. E quindi è necessario ricorrere ad altri mezzi… Quindi le cose possono peggiorare. Quindi, quando c’è un’opportunità di negoziare, quando si può raggiungere la pace, bisogna coglierla, cogliere l’attimo”.

Ma Milley e altre voci di esperienza sono state ignorate. Al discorso di febbraio di Biden sullo Stato dell’Unione al Congresso, il volto del generale Milley era uno studio sulla gravità, una roccia in un mare di autocompiacimento fuori luogo e di ignoranza del mondo reale al di là del tendone del circo, dove l’incoerente strategia bellica dell’Occidente non solo sacrificava vite ucraine ogni giorno, ma flirtava con la guerra nucleare. Milley non ha sorriso per tutta la sera, nemmeno quando Biden si è avvicinato per salutare dopo il suo discorso.

Nessun leader statunitense, della NATO o ucraino è stato ritenuto responsabile di non aver colto quel momento lo scorso inverno, né della precedente occasione di pace persa nell’aprile del 2022, quando Stati Uniti e Regno Unito bloccarono la mediazione turca e israeliana che era così vicina a portare la pace, basata sul semplice principio di un ritiro russo in cambio della neutralità ucraina. Nessuno ha chiesto un resoconto serio del perché i leader occidentali si siano lasciati sfuggire queste possibilità di pace.

Qualunque sia il loro ragionamento, il risultato è che l’Ucraina è intrappolata in una guerra senza uscita. Quando l’Ucraina sembrava avere il sopravvento nella guerra, i leader della NATO erano determinati a far valere il loro vantaggio e a lanciare un’altra offensiva, senza badare allo scioccante costo umano. Ma ora che la nuova offensiva e le spedizioni di armi sono riuscite solo a mettere a nudo la debolezza della strategia occidentale e a restituire l’iniziativa alla Russia, gli artefici del fallimento rifiutano di negoziare da una posizione di debolezza.

Così il conflitto è caduto in uno schema intrattabile comune a molte guerre, in cui tutte le parti in lotta – Russia, Ucraina e i principali membri dell’alleanza militare della NATO – sono state incoraggiate, o potremmo dire illuse, da successi limitati in tempi diversi, a prolungare la guerra e a rifiutare la diplomazia, nonostante gli spaventosi costi umani, il crescente pericolo di una guerra più ampia e il pericolo esistenziale di un confronto nucleare.

Ma la realtà della guerra sta mettendo a nudo le contraddizioni della politica occidentale. Se all’Ucraina non è consentito negoziare con la Russia da una posizione di forza, né da una posizione di debolezza, cosa si frappone alla sua totale distruzione?

E come possono l’Ucraina e i suoi alleati sconfiggere la Russia, un Paese la cui politica di armamento nucleare dichiara esplicitamente che userà le armi nucleari prima di accettare una sconfitta esistenziale?

Se, come ha avvertito Biden, qualsiasi guerra tra gli Stati Uniti e la Russia, o qualsiasi uso di armi nucleari “tattiche”, molto probabilmente degenererebbe in una guerra nucleare su larga scala, dove altro è destinata a portare l’attuale politica di escalation incrementale e di coinvolgimento sempre maggiore degli Stati Uniti e della NATO?

Stanno semplicemente pregando che la Russia imploda o si arrenda? O sono determinati a scoprire il bluff della Russia e a spingerla a una scelta ineluttabile tra la sconfitta totale e la guerra nucleare?

Sperare o fingere che l’Ucraina e i suoi alleati possano sconfiggere la Russia senza scatenare una guerra nucleare non è una strategia.

Al posto di una strategia per risolvere il conflitto, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno imbrigliato l’impulso naturale a resistere all’aggressione russa in un piano statunitense e britannico per prolungare la guerra all’infinito. I risultati di questa decisione sono centinaia di migliaia di vittime ucraine e la graduale distruzione dell’Ucraina da parte di milioni di proiettili di artiglieria sparati da entrambe le parti.

Dalla fine della prima guerra fredda, i governi statunitensi che si sono succeduti, democratici e repubblicani, hanno commesso errori di calcolo catastrofici sulla capacità degli Stati Uniti di imporre la propria volontà ad altri Paesi e popoli. I loro presupposti sbagliati sulla potenza e sulla superiorità militare americana ci hanno portato a questa fatidica, storica crisi della politica estera statunitense.

Ora al Congresso vengono chiesti altri 24 miliardi di dollari per continuare ad alimentare questa guerra. Dovrebbero invece ascoltare la maggioranza degli americani che, secondo l’ultimo sondaggio della CNN, si oppone a ulteriori finanziamenti per una guerra che non si può vincere. Dovrebbero ascoltare le parole della dichiarazione dei gruppi della società civile di 32 Paesi che chiedono un cessate il fuoco immediato e negoziati di pace per porre fine alla guerra prima che distrugga l’Ucraina e metta in pericolo l’intera umanità.

Medea Benjamin e Nicolas JS Davies

 

Medea Benjamin e Nicolas JS Davies sono gli autori di War in Ukraine: Making Sense of a Senseless Conflictpubblicato da OR Books nel novembre 2022.

Medea Benjamin è la cofondatrice di CODEPINK for Peace e autrice di numerosi libri, tra cui Inside Iran: The Real History and Politics of the Islamic Republic of Iran

Nicolas JS Davies è un giornalista indipendente, ricercatore per CODEPINK e autore di Blood on Our Hands: The American Invasion and Destruction of Iraq.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments