“…martedì il cardinale canadese Marc Ouellet, il prefetto della Congregazione per i vescovi, compirà 77 anni, quindi due anni oltre l’età tecnica di pensionamento di 75 anni. A soli 67 anni, Marx potrebbe ricoprire quel ruolo per il prossimo decennio senza perdere un colpo, e senza dubbio supervisionerebbe la nomina di un’intera generazione di “vescovi Francesco” in tutto il mondo. (…) Sì, il cardinale Reinhard Marx si è offerto di dimettersi. No, questo non significa che la sua carriera sia finita – infatti, il capitolo più significativo potrebbe ancora arrivare.”

Un editoriale di John L. Allen Jr, pubblicato su Cruxnow, nella mia traduzione. 

 

Card. Reinhar Marx di Monaco di Baviera
Card. Reinhar Marx di Monaco di Baviera

 

Coprire la Chiesa cattolica è un lavoro duro per i reporter, anche perché siamo spesso costretti ad essere dei guastafeste. Siamo sempre messi nella posizione di far piovere su una parata mediatica, e tale è stato il caso anche venerdì con le sensazionali “dimissioni” del cardinale Reinhard Marx di Monaco.

I vescovi si dimettono di continuo, ma ciò che ha reso questo caso una notizia da prima pagina è A) Marx è un pesce grosso nella Chiesa, un alleato chiave e confidente di Papa Francesco; B) Mentre la Chiesa tedesca è stata colpita duramente dagli scandali degli abusi sessuali dei chierici, Marx personalmente non è stato accusato di abusi o di comportamenti illeciti significativi; C) Tuttavia, si è offerto di dimettersi comunque per assumersi la “responsabilità istituzionale” dei fallimenti della Chiesa.

Questo è uno sviluppo degno di nota per qualsiasi standard. Tuttavia, ci sono almeno tre fraintendimenti immediati sulla storia – naturali e, in una certa misura, inevitabili – che sono rapidamente entrati in circolazione venerdì quando la notizia ha fatto il giro.

Ecco il controllo obbligatorio della realtà.

In primo luogo, Marx non si è dimesso, perché nel sistema cattolico i vescovi non si dimettono di propria iniziativa. Possono presentare le loro dimissioni al papa – in effetti, sono tenuti a farlo all’età di 75 anni – ma spetta sempre al papa accettare o meno.

In secondo luogo, il semplice fatto che Marx abbia presentato le sue dimissioni non significa necessariamente che vada da qualche parte. A parte il fatto che queste particolari dimissioni, se non altro, probabilmente faranno aumentare il prezzo delle azioni di Marx, i papi abitualmente mantengono i vescovi in carica ben dopo che hanno presentato le loro dimissioni. Il defunto cardinale Kazimierz Świątek della Bielorussia, per esempio, ha consegnato la sua lettera di dimissioni obbligatorie nel 1990 ma ha servito fino alla matura età di 91 anni nel 2006, sedici anni dopo.

In terzo luogo, anche se le dimissioni di Marx da arcivescovo di Monaco fossero accettate, egli rimarrebbe un cardinale in regola, pienamente idoneo a votare per il prossimo papa, e continuerebbe anche a ricoprire tutte le posizioni vaticane a cui Francesco lo ha assegnato, compreso il servizio come presidente del Consiglio per l’economia e come membro del Consiglio dei cardinali del papa sulla riforma del Vaticano. In altre parole, tutto ciò che cambierebbe è che Marx non sarebbe più in carica a Monaco – diversamente, è status quo.

È importante essere chiari su tutto questo, perché ciò che accade quando un vescovo si dimette è una fonte di perenne confusione e irritazione in molta copertura mediatica e discussione pubblica.

Quando il cardinale Bernard Law di Boston si è dimesso nel 2003 al culmine della crisi degli abusi negli Stati Uniti, per esempio, la maggior parte degli americani ha pensato che ciò significasse che se ne fosse andato completamente, come un allenatore sportivo licenziato o un amministratore delegato aziendale. Quando si sono resi conto che Law è rimasto l’arciprete di Santa Maria Maggiore a Roma e un membro a pieno titolo della Congregazione vaticana per i vescovi, e per il resto ha continuato a godere di tutti i privilegi di essere un cardinale, si sono sentiti traditi, spesso concludendo che il Vaticano aveva fatto marcia indietro o ne aveva fatto uno veloce.

In realtà, questo è sempre stato il significato delle dimissioni di Law a Boston, e molto dolore avrebbe potuto essere evitato se ci fosse stata chiarezza su questo all’inizio.

Nel caso di Marx, le probabilità che rimanga nei paraggi e rimanga rilevante ben dopo la sua lettera di dimissioni sono molto più alte, perché mentre nel 2003 Law era percepito come un peso per San Giovanni Paolo II, Marx è visto come una risorsa fondamentale per il papato di Francesco. In particolare, mentre Papa Francesco ha detto a Marx che poteva rendere pubblica la lettera di dimissioni, ha anche detto che vuole che Marx continui a servire finché non avrà deciso cosa fare.

Per cominciare, Marx è stato un sostenitore chiave di molte delle iniziative firmate da Francesco, compresa la sua apertura alla Comunione per i credenti divorziati e risposati durante i due Sinodi dei vescovi sulla famiglia nel 2014 e 2015. Come il cardinale Christoph Schönborn di Vienna, Marx è visto come un importante prelato occidentale che dà peso intellettuale e politico all’agenda del papa.

Inoltre, è stato anche visto per molto tempo come un leader nello sforzo di riforma dagli scandali degli abusi clericali. È stato lo sponsor originale del Centro di protezione dell’infanzia guidato dal gesuita tedesco padre Hans Zollner, ora situato presso l’Università Gregoriana di Roma e recentemente aggiornato a “Istituto di antropologia, studi interdisciplinari sulla dignità umana e la cura”.

Il modo in cui Marx ha offerto le sue dimissioni, insistendo sul fatto che i leader della Chiesa devono assumersi la responsabilità non solo per la loro condotta personale, ma anche per i fallimenti istitutzionali che hanno contribuito a presiedere, è una perfetta espressione della spinta alla responsabilità che è stata al centro dello sforzo di riforma.

È del tutto possibile che Papa Francesco decida di accettare le dimissioni di Marx da Monaco, sulla base del fatto che non farlo ora potrebbe far sembrare il tutto una trovata politica piuttosto che un autentico atto di coscienza. In tutta onestà, Marx è stato oggetto di rumors per diversi importanti incarichi vaticani nel corso degli anni, quindi sollevandolo dai suoi doveri a Monaco di Baviera, si spianerebbe la strada perché ciò accada.

Per fare solo un esempio, martedì il cardinale canadese Marc Ouellet, il prefetto della Congregazione per i vescovi, compirà 77 anni, quindi due anni oltre l’età tecnica di pensionamento di 75 anni. A soli 67 anni, Marx potrebbe ricoprire quel ruolo per il prossimo decennio senza perdere un colpo, e senza dubbio supervisionerebbe la nomina di un’intera generazione di “vescovi Francesco” in tutto il mondo.

Questa è solo una possibilità, ma il punto generale è questo: Sì, il cardinale Reinhard Marx si è offerto di dimettersi. No, questo non significa che la sua carriera sia finita – infatti, il capitolo più significativo potrebbe ancora arrivare.

 

 



Facebook Comments
image_pdfimage_print
1