Rilancio un commento dal punto di vista economico di David Stockman sulla situazione della guerra in Ucraina. L’articolo è apparso su Antiwar.com. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

borsa finanza indici

 

La vile guerra per procura di Washington contro la Russia ha raggiunto un nuovo livello di assurdità nel fine settimana.

Per esempio, le teste di legno del G-7 hanno dichiarato un embargo sulle importazioni di oro di provenienza russa e hanno costretto la Russia a un default tecnico sui suoi debiti esteri, vietando alle società statunitensi di riscuotere i pagamenti che i debitori russi avevano depositato sui loro conti presso banche russe non autorizzate.

In una parola, il commercio ordinario è stato talmente armato da Washington che la moneta più antica del mondo non può più essere scambiata liberamente sui mercati internazionali. Allo stesso tempo, i pagamenti degli interessi effettuati in buona fede dai mutuatari russi sono stati di fatto sequestrati e congelati dal governo statunitense.

Ma dove sono i repubblicani della libera impresa?

Risposta: Sono talmente intossicati da febbri belliche istigate dai neocon che sono disposti a subordinare i diritti fondamentali dei proprietari e dei commercianti privati statunitensi al perseguimento di una guerra di sanzioni contro la Russia – una “guerra” che non è stata dichiarata dal Congresso e che non ha nulla a che fare con la libertà e la sicurezza della patria americana.

In effetti, il “default” forzato di Washington è così assurdo da far pensare che la burocrazia abbia perso completamente il senno. La settimana scorsa la Russia ha codificato i piani per pagare gli obbligazionisti in rubli con un decreto firmato dal Presidente Putin.

In base a tale decreto, la Russia ha inviato i pagamenti in rubli ai conti degli obbligazionisti stranieri presso banche russe non autorizzate. Gli investitori stranieri sono stati quindi autorizzati a convertire liberamente i rubli in dollari o altre valute estere, ricevendo così il pagamento del 100% degli importi dovuti e nella forma specificata dagli accordi di prestito.

In effetti, il Ministero delle Finanze russo ha dichiarato di aver effettuato circa 400 milioni di dollari di pagamenti di questo tipo giovedì e venerdì agli obbligazionisti in base al nuovo meccanismo. Quindi non c’è stato un vero e proprio “default” del mutuatario.

Tuttavia, gli obbligazionisti statunitensi e occidentali avranno difficoltà a spostare il denaro dalla Russia senza violare le sanzioni occidentali. Questo perché i pagamenti devono passare attraverso il National Settlement Depository russo, che è stato sanzionato dall’Unione Europea, mentre gli Stati Uniti hanno impedito alle banche americane di elaborare i pagamenti del debito russo dalla fine di maggio.

Se questo non è un vero e proprio furto di proprietà, non sappiamo cosa sia. Il Tesoro degli Stati Uniti ha di fatto rubato 400 milioni di dollari di proprietà privata in modo che i guerrieri della domenica pomeriggio sulle rive del Potomac possano fingere di fare la guerra alla Russia, anche se incoraggiano il peso piuma ora a capo del governo di Kiev a mandare a morire decine di migliaia di soldati e civili ucraini senza alcuno scopo razionale.

Dovrebbe essere ormai evidente che l’Ucraina ha perso la guerra e che è solo questione di tempo prima che sia costretta a chiedere la pace e a cedere i territori orientali e meridionali di quella che storicamente era conosciuta come “Novorussiya”, che si estende da Kharkiv a Odessa. Questi territori, infatti, hanno fatto parte della Russia per più di 200 anni, fino a quando, tra il 1922 e il 1954, il trio malvagio della storia sovietica – Lenin, Stalin e Kruscev – li ha annessi a un’unità amministrativa totalitaria nota come Repubblica Socialista Sovietica Ucraina.

E allora? Tutte le distruzioni e le perdite di vite umane che si sono verificate dal 24 febbraio si sarebbero potute evitare se la fantasia di Zelensky di aderire alla NATO, i suoi brutali attacchi ai separatisti del Donbas e i suoi piani di riconquista della Crimea fossero stati bloccati da Washington prima dell’invasione russa.

Cinque mesi dopo, tuttavia, l’uomo è diventato ancora più delirante e genocida, mentre i funzionari di Washington si limitano a stare in disparte tenendogli il cappotto. Come ha detto al G-7 durante il fine settimana,

Il leader ucraino ha detto ai leader del G-7 che non è il momento di negoziare con la Russia. “L’Ucraina negozierà quando sarà in grado di farlo, cioè quando avrà ristabilito una posizione forte”, ha detto il presidente ucraino, secondo un funzionario francese.

(Come al solito) il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto ai leader del Gruppo dei Sette che ha bisogno di un maggiore sostegno da parte degli alleati per spingere la Russia fuori dai territori appena conquistati prima che il freddo permetta agli invasori di consolidare le loro conquiste, secondo un funzionario presente al discorso video.

L’Ucraina ha bisogno di un maggiore sostegno militare, politico e finanziario da parte dei Paesi del G-7 per concludere la guerra entro la fine dell’anno e spingere la Russia a tornare alla linea di separazione prima dell’invasione di febbraio, ha detto lunedì Zelensky, secondo quanto riferito da questo e altri funzionari.

In realtà, non c’è una sola possibilità che ciò accada. Quello che ci aspetta sono altri mesi di cinico tritacarne di Washington. Gran parte dell’Ucraina è stata trasformata in un Derby di Demolizione di Armi – un luogo dove le scorte USA e NATO possono essere distrutte nel lungo e pericoloso transito dal confine polacco al fronte orientale o in battaglia stessa – in modo che Raytheon e altri possano ricevere immediatamente ordini di rifornimento.

Ma ciò che non emergerà da questa crudele follia è una posizione militare ucraina più “forte”. E nemmeno una foglia di fico di rivendicazione per la strategia demenziale di Washington, che sacrifica senza ritegno i corpi e le infrastrutture economiche ucraine nella sua inutile guerra per procura contro la Russia.

Nel frattempo, la guerra delle sanzioni è stata un fallimento quasi totale. Ad esempio, quest’anno l’India ha aumentato notevolmente i suoi acquisti di petrolio russo dopo essersi assicurata accordi con Mosca per ottenerlo a un profondo sconto rispetto ai prezzi di mercato. E non si tratta di un aumento frazionale come il 10% o il 25%.

No, il Paese ha acquistato una media di 1 milione di barili al giorno a giugno, rispetto ai 30.000 barili al giorno di febbraio, secondo i dati Kpler. Si tratta di un aumento di 33 volte in quattro mesi!

In altre parole, gli acquisti dell’India sono passati da un errore di arrotondamento di qualche mese fa all’equivalente di oltre un quarto degli acquisti europei, secondo i dati dell’Agenzia Internazionale dell’Energia.

Inutile dire che lo spostamento delle vendite all’esportazione di energia della Russia verso le nuove case dell’India, della Cina e di altri acquirenti del mondo in via di sviluppo ha reso vana la strategia di punizione economica di Washington. In effetti, le entrate russe derivanti dai combustibili fossili, di gran lunga le sue maggiori esportazioni, sono salite a livelli record nei primi 100 giorni della sua guerra contro l’Ucraina, grazie a un guadagno dalle vendite di petrolio in seguito all’impennata dei prezzi.

Secondo i dati analizzati dal Centro per la ricerca sull’energia e l’aria pulita con sede a Helsinki, in Finlandia, durante questo periodo la Russia ha guadagnato la cifra record di 97 miliardi di dollari di entrate dalle esportazioni di petrolio, gas e carbone. Circa due terzi di questi guadagni provengono dal petrolio e la maggior parte del resto dal gas naturale.

“L’attuale tasso di entrate è senza precedenti, perché i prezzi sono senza precedenti e i volumi di esportazione sono vicini ai livelli più alti mai registrati”, ha dichiarato Lauri Myllyvirta, un analista che ha guidato la ricerca del centro.

Non sorprende che, quando si parla del weekend speciale del G7 rispetto all’embargo sull’oro, i maggiori acquirenti di oro negli ultimi anni non siano stati i Paesi del G7 (Stati Uniti, Francia, Canada, Germania, Giappone, Regno Unito e Italia). Molti di questi ultimi, infatti, hanno ingenuamente venduto molto se non tutto il loro oro nel recente passato e hanno rifiutato o semplicemente non hanno i fondi per rifornirsi.

Gli acquisti di oro sono stati invece effettuati principalmente dalle banche centrali dei paesi in via di sviluppo, come quelle dell’India e della Turchia e, naturalmente, della Cina. Tutti questi ultimi si stanno preparando silenziosamente a fare quello che ha fatto la Russia prima della guerra: Ovvero, de-dollarizzarsi allocando i capitali nell’unico asset privo di controparti e di sequestri, universalmente apprezzato: l’oro.

Come mostra il grafico sottostante, gli sforzi congiunti di Cina e Russia non sono stati trascurabili. Negli ultimi anni, le loro partecipazioni congiunte in obbligazioni in dollari sono diminuite del 20%, mentre le loro partecipazioni congiunte in oro sono aumentate di oltre l’80%.

 

 

La banca centrale russa, in particolare, è stata un acquirente aggressivo di oro, non un venditore. Di conseguenza, come ha osservato Zero Hedge,

…… Se non altro la decisione di Biden non farà altro che rendere il mercato dell’oro l’ultimo a seguire l’esempio del petrolio e a biforcarsi: meno costoso per gli amici russi e molto più costoso per i nemici russi.

Quindi, sì, la Russia è diventata il secondo produttore d’oro dopo la Cina, ma l’embargo sull’oro appena imposto difficilmente ne ridurrà lo stile. I minatori d’oro russi hanno comunque venduto il loro oro alle banche commerciali russe, e gran parte delle vendite è finita alla banca centrale russa.

 

 

In questo contesto, la Russia è stata anche tra i principali acquirenti di oro negli ultimi dieci anni, portando le sue riserve auree da 883 tonnellate alla fine del 2011 a 2.302 tonnellate alla fine del 2021. Complessivamente, il Paese ha aggiunto più di 1.900 tonnellate d’oro dal 2005, il che significa che le riserve auree della Russia costituiscono ora circa un quinto delle sue riserve totali e sono approssimativamente equivalenti a 140 miliardi di dollari.

È quindi probabile che l’embargo sull’oro sposti semplicemente la direzione delle vendite di oro da parte dei minatori russi verso i mercati non allineati e verso la propria banca centrale. Ma il valore aggiunto sottostante all’economia russa, derivante dal quasi raddoppio della produzione mineraria nell’ultimo decennio, non ne risentirà affatto.

 

 

Nel complesso, le ondate di sanzioni di Washington, che vanno dalle sanzioni contro i funzionari e gli oligarchi russi ai controlli sulle esportazioni fino alle sanzioni contro le principali banche russe, non hanno ridotto il rublo in macerie e non hanno nemmeno lontanamente schiacciato l’economia russa.

Al contrario, il rublo russo, che Biden aveva volentieri deriso a febbraio, è salito ai massimi di sette anni rispetto all’euro.

 

 

Per quanto riguarda la “punizione” della Russia, ecco un grafico del saldo delle partite correnti tra Stati Uniti e Russia: Il surplus record appartiene alla Russia, mentre il deficit in calo è opera di Washington.

 

 

In fin dei conti, Washington ha messo in ginocchio le economie occidentali e soprattutto i consumatori americani (ed europei, ndr). Al momento dell’invasione del 24 febbraio, l’indice delle materie prime globali era a 203, esattamente al picco economico delle materie prime globali del luglio 2008.

Purtroppo, ora l’indice è a 227, ovvero quasi il 12% in più. Si tratta sicuramente di un premio di guerra, un’estrazione dalla prosperità tanto inutile e stupida quanto la guerra per procura di Washington contro la Russia stessa.

 

 

 

David Stockman è stato per due mandati deputato del Michigan. È stato anche direttore dell’Ufficio di gestione e bilancio sotto il presidente Ronald Reagan. Dopo aver lasciato la Casa Bianca, Stockman ha avuto una carriera ventennale a Wall Street. È autore di tre libri, Il trionfo della politica: Perché la rivoluzione di Reagan è fallita, La grande deformazione: La corruzione del capitalismo in America e TRUMPED! Una nazione sull’orlo della rovina… e come riportarla indietro. È anche il fondatore di David Stockman’s Contra Corner e di David Stockman’s Bubble Finance Trader.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email