Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Brenda Baletti Ph.D. e pubblicato su The Defender. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

CEO-Pfizer-Bourla-World-Economic-Forum
Bourla, CEO Pfizer

 

Un’agenzia di regolamentazione britannica ha stabilito che i dipendenti di primo piano di Pfizer hanno “gettato discredito” sull’industria farmaceutica quando hanno fatto affermazioni fuorvianti promuovendo un “farmaco senza licenza” in alcuni tweet sul vaccino COVID-19, come ha riportato domenica il Telegraph.

La Prescription Medicines Code of Practice Authority (PMCPA), un organismo indipendente di autoregolamentazione istituito dall’Associazione dell’industria farmaceutica britannica, ha stabilito che l’azienda ha violato cinque regole del suo Codice di condotta per la pubblicità.

L’organizzazione di vigilanza dell’industria farmaceutica britannica UsForThem ha presentato il reclamo al PMCPA nel febbraio 2023. Il reclamo riguardava tweet del 2020 di alti dirigenti di Pfizer, tra cui il direttore medico del Regno Unito Berkeley Phillips. I tweet erano ancora visibili sui social media quando è stata presentata la denuncia.

L’organizzazione ha affermato che Pfizer ha “promosso in modo fuorviante e illegale il suo vaccino COVID-19” riportando tassi di efficacia relativa molto elevati senza fornire informazioni sui tassi di efficacia assoluta o informazioni richieste sulla sicurezza.

UsForThem ha dichiarato che è stato importante presentare questa denuncia due anni dopo perché “questo comportamento scorretto era ancora più diffuso” di quanto si pensasse in precedenza, si estendeva “fino ai vertici” delle operazioni di Pfizer nel Regno Unito e “a quanto pare continua ancora oggi”.

Commentando l’importanza delle scoperte, Daniel O’Conner di Trial Site News, che si è occupato della vicenda, ha dichiarato a The Defender: “Il comportamento di Pfizer durante tutta la pandemia è stato davvero scandaloso. E naturalmente l’obiettivo: grandi guadagni”.

O’Connor ha detto che il “comportamento aziendale di Pfizer durante la pandemia”, come rivelato da questa e da altre sentenze del PMCPA, è “altrettanto insidioso” dei problemi con i percorsi normativi per i farmaci e dei gravi difetti negli stessi studi clinici che Trial Site News ha seguito.

La Pfizer ha una chiara esperienza nell’agire come una “inaccettabile impresa di profitto durante la peggiore pandemia del secolo”, ha aggiunto. “La domanda che ci poniamo è chi ha dato loro il potere di governare”.

Grave censura per aver gettato “discredito su” Big Pharma

La denuncia si è concentrata su un tweet condiviso da Phillips di Pfizer su Twitter, ora X, originariamente fatto da un dipendente di Pfizer con sede negli Stati Uniti. Il tweet affermava:

“Il nostro candidato vaccino è efficace al 95% nella prevenzione del COVID-19 e al 94% nelle persone di età superiore ai 65 anni. Presenteremo tutti i nostri dati alle autorità sanitarie entro pochi giorni. Grazie a tutti i volontari che hanno partecipato alla nostra sperimentazione e a tutti coloro che stanno combattendo instancabilmente questa pandemia”.

Il gruppo investigativo del PMCPA ha scoperto che quattro dipendenti di Pfizer U.K. avevano ritwittato il post e altri lo avevano “apprezzato”. Hanno affermato che è probabile che membri del pubblico e operatori sanitari abbiano visto il tweet.

Il gruppo di esperti ha concordato con le affermazioni di UsForThem, secondo cui il messaggio conteneva informazioni limitate sull’efficacia e nessuna sulla sicurezza, in violazione delle norme sull’inganno del pubblico e sulla fornitura di dati accurati sulla sicurezza.

Il panel ha anche sottolineato che i codici di condotta esistenti vietano la promozione di farmaci prima della loro autorizzazione al commercio. Eppure, in diretta violazione dei codici, i tweet dei dipendenti di Pfizer hanno fatto sì che “un farmaco non autorizzato venisse diffuso in modo proattivo su Twitter agli operatori sanitari e al pubblico nel Regno Unito”, ha rilevato il panel.

I tweet hanno inoltre violato la politica di Pfizer che vieta ai dipendenti di interagire con i social media in relazione ai farmaci e ai vaccini dell’azienda.

Il gruppo di esperti PMCPA ha concluso che “Pfizer ha gettato discredito e ridotto la fiducia nell’industria farmaceutica”, una censura grave che riserva a violazioni gravi come questa, in cui un’azienda promuove un farmaco prima ancora che sia stato autorizzato.

I casi che hanno gettato discredito sull’industria vengono pubblicizzati dalla stampa medica, farmaceutica e infermieristica.

Un portavoce di Pfizer U.K. ha dichiarato che l’azienda “riconosce e accetta pienamente le questioni evidenziate da questa sentenza del PMCPA” e che è “profondamente dispiaciuta”, secondo quanto riportato dal The Telegraph.

Pfizer ha inoltre dichiarato che rivedrà l’uso dei social media da parte dei suoi dipendenti per garantire che siano conformi ai codici attuali e per prevenire problemi simili in futuro.

Il giornale ha anche riportato che Phillips, il cui re-tweet era principalmente in questione, ha dichiarato che il post era “accidentale e non intenzionale”. Ha poi aggiunto: “Detto questo, abbiamo immediatamente accettato la sentenza del caso e facciamo tutto il possibile per garantire che i nostri dipendenti aderiscano alla nostra rigorosa politica sui social media e al Codice di condotta del settore quando utilizzano i loro social media personali”.

 

Altre cinque ammonizioni relative alla promozione del vaccino COVID

Pfizer è stata ammonita dall’autorità di regolamentazione per la promozione non etica del vaccino COVID-19 per ben sei volte.

Il 4 marzo, pochi giorni dopo l’annuncio della decisione del PMCPA in merito ai tweet del 2020 che promuovevano il vaccino, l’agenzia ha annunciato anche una seconda decisione, in cui ha riscontrato che Pfizer ha violato un’altra clausola del codice di condotta in un tweet del 2022 di Pfizer UK che “non ha mantenuto gli standard professionali”.

La sentenza, anch’essa emessa in risposta a un reclamo presentato da UsForThem, riguardava una serie di tre tweet pubblicati sul feed Twitter di Pfizer UK che includevano un link a un articolo di Pulse Today.

Il tweet diceva

“Mentre il Regno Unito entra nel suo primo ‘inverno sbloccato’ dal 2019, il nostro [nominato dipendente medico senior di Pfizer] spiega l’impatto devastante che le malattie respiratorie possono avere durante i mesi più freddi”. Per saperne di più @PulseToday 👇 #WinterPressures”.

Il tweet rimandava a un articolo promozionale – ripostato qui – commissionato da Pfizer su un sito web per operatori sanitari, ma non era chiaramente indicato come contenuto promozionale pagato da Pfizer.

In questo caso, il PMCPA si è detto preoccupato del fatto che i tweet fossero disponibili al pubblico in generale, mentre il materiale contenuto nell’articolo di PulseToday era destinato agli operatori sanitari. Secondo le autorità di regolamentazione, ciò violava gli elevati standard creati dai codici di condotta.

Nel febbraio 2023, l’agenzia ha riscontrato che l’amministratore delegato di Pfizer Albert Bourla, Ph.D., ha fatto commenti “fuorvianti” e “non qualificati” per promuovere l’uso dei vaccini COVID-19 mRNA per i bambini piccoli durante un’intervista alla BBC.

In quel caso, UsForThem ha accusato il redattore medico della BBC, Fergus Walsh, di aver condotto l’intervista “come una chiacchierata amichevole”, dando a Bourla “un’opportunità promozionale gratuita che il denaro non può comprare”, permettendogli di promuovere l’adozione del vaccino, in particolare tra i bambini piccoli per i quali il vaccino non era nemmeno stato autorizzato.

All’epoca, nessun vaccino COVID-19 era stato approvato dalla Medicines and Healthcare products Regulatory Agency del Regno Unito per i bambini al di sotto dei 12 anni, per cui la commissione ha ritenuto che i commenti di Bourla violassero il codice.

Due delle altre sentenze del PMCPA nei confronti di Pfizer riguardavano post su LinkedIn e una riguardava affermazioni fatte in un comunicato stampa.

La sanzione per la serie di violazioni, secondo quanto riportato dal The Telegraph, è una multa di 34.800 sterline.

Ben Kingsley, responsabile degli affari legali di UsForThem, ha dichiarato al Telegraph: “È sorprendente il numero di volte in cui gli alti dirigenti di Pfizer sono stati giudicati colpevoli di gravi infrazioni normative – in questo caso anche dell’infrazione più grave in assoluto ai sensi del Codice di condotta britannico”.

“Eppure le conseguenze per Pfizer e per i singoli interessati continuano a essere irrisorie. Questo sistema di regolamentazione senza speranza per un’industria multimiliardaria della vita e della morte è diventato una farsa, che necessita di una riforma”, ha dichiarato Kingsley.

“È assolutamente necessaria una revisione radicale del quadro normativo e legale in base al quale questa industria corrotta e fallita è autorizzata a operare”, ha twittato UsForThem.

I critici negli Stati Uniti hanno chiesto che le autorità di regolamentazione nazionali chiedano a Pfizer di rispondere delle proprie azioni. In un tweet, Jay Bhattacharya, M.D. e Ph.D. di Stanford, ha invitato la Food and Drug Administration statunitense a farlo.

James Lyons-Weiler, Ph.D., ha scritto che la Federal Trade Commission e la Security and Exchange Commission devono intraprendere azioni simili.

Brenda Baletti

 

Brenda Baletti Ph.D. è giornalista del Defender. Ha scritto e insegnato capitalismo e politica per 10 anni nel programma di scrittura della Duke University. Ha conseguito un dottorato di ricerca in geografia umana presso l’Università del North Carolina a Chapel Hill e un master presso l’Università del Texas ad Austin.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments