Peter Andrew McCullough è un cardiologo americano e professore alla Texas Christian University & University of North Texas Health Science Center School of Medicine. In precedenza, è stato vice primario di medicina interna al Baylor University Medical Center di Dallas, Texas e professore alla Texas A&M University. Qui trovate un’altra interessante intervista che abbiamo pubblicato a giugno scorso e che merita di essere letta. 

L’intervista al dottor McCullough, pubblicata il 4 agosto 2021 da Peter Levinson su LifeSiteNews, riferisce alcune evidenze scientifiche fondamentali, ma generalmente censurate dal mainstream: l’immunità naturale è reale, le persone asintomatiche non sono contagiose, le terapie domiciliari precoci sono efficaci, i vaccini anti Covid sono  inadatti a contrastare le varianti e molto altro (rif. video). La traduzione è a cura di Wanda Massa. 

 

 

Peter-A.-McCullough-MD-MPH
Peter A. McCullough, MD, MPH

 

In una recente intervista con il caporedattore di LifeSiteNews John-Henry Westen, il dottor Peter McCullough, uno dei principali medici americani esperti di trattamento precoce del COVID-19, ha elencato cinque importanti verità scientifiche sul coronavirus di Wuhan.

McCullough ha detto che i seguenti punti sono “cinque messaggi chiave di verità scientifica che vorrei che tutti capissero sul virus e sulla pandemia. Sono abbastanza semplici“.

McCullough ha anche parlato alla conferenza “Stop the Shot” della Truth for Health Foundation, che è stata trasmessa in diretta da LifeSiteNews, oggi.

  1. Il COVID-19 NON si diffonde in modo asintomatico

Il Dr. McCullough ha iniziato sfatando la credenza comune che le persone asintomatiche possano trasmettere la malattia ad altri e ha insistito sul fatto che solo le persone che mostrano sintomi sono effettivamente contagiose.

Il virus non si diffonde in modo asintomatico. Solo le persone malate lo trasmettono ad altre persone“.

  1. Le persone asintomatiche non dovrebbero fare il test

In un secondo punto, ha affrontato la questione dei test sulle persone asintomatiche, sostenendo che questa pratica genera dati falsi sui casi di COVID-19:

Tutto quello che stiamo facendo è generare falsi positivi, creare casi extra e creare preoccupazioni extra. La FDA non ha mai approvato questi strumenti diagnostici per i test asintomatici. L’OMS dal 25 giugno ha detto ‘nessun test asintomatico’“.

Ha continuato ad esortare le persone asintomatiche a non sottoporsi a test: “Non dovrebbe esserci una sola persona sulla terra che dovrebbe sottoporsi ad un test asintomatico… la gente dovrebbe semplicemente passare oltre quelle stazioni di test“.

Quando gli è stato chiesto di chiarire se questo vale anche per i test per i viaggi internazionali, ha risposto: “Per qualsiasi motivo. Viola le [direttive] dell’OMS“.

  1. L’immunità naturale è robusta completa e durevole

Il terzo punto che il Dr. McCullough ha affrontato è stata la questione dell’immunità naturale, che ha qualificato come “robusta, completa e durevole“, fugando così ogni paura che si possa contrarre un caso grave della malattia più di una volta e respingendo un altro mito comune sul COVID.

Non c’è alcuna possibilità significativa di contrarre un secondo caso grave di COVID“, ha detto McCullough a LifeSite. “Infatti, non è mai successo in un caso confermato finora nel mondo“.

Ha poi continuato ad affrontare i molti esempi riportati di persone che hanno contratto il COVID più di una volta, affermando che: “tutti i presunti casi che sono emersi hanno riguardato un’errata interpretazione di un test PCR falsamente positivo. Non succede. Se fosse successo, avremmo visto migliaia se non milioni di persone essere ricoverate più e più volte per COVID-19. Non è successo. Fondamentalmente non succede“.

Per illustrare ancora più chiaramente il suo terzo punto, ha concluso il suo commento sull’immunità naturale con la seguente immagine: “Qualcuno che è naturalmente immune può avvicinarsi a qualcuno con il COVID-19, ricevere una grossa tosse in faccia, e non si prenderà la malattia“.

  1. COVID-19, indipendentemente dalla variante, è facilmente curabile a casa

Trattare il COVID-19 è stato il fulcro del lavoro del dottor McCullough fin dall’inizio della pandemia.

L’anno scorso, è stato censurato su YouTube per aver promosso un trattamento che avrebbe potuto ridurre i decessi dell’85%.

Ha ribadito ancora una volta che il trattamento precoce può fare la differenza tra la vita e la morte: “Circa l’85% dei ricoveri e delle morti sono completamente evitabili con un trattamento precoce. L’unico modo in cui le persone finiscono in ospedale e passano un periodo miserabile è quando non ricevono alcun trattamento: non si ammalano o non viene loro offerto un trattamento e finiscono in ospedale dopo essere stati malati due settimane a casa“.

Ha anche esortato le persone che contraggono il COVID-19 a non aspettare a cercare un trattamento, insistendo sul fatto che “chiunque abbia buon senso dovrebbe capire che è facile trattare la malattia precocemente e i sintomi sono lievi. Diventa progressivamente peggiore man mano che le persone progrediscono nella malattia“.

Ha concluso il suo quarto punto deplorando il fatto che l’ospedalizzazione e la mancanza di trattamento sono spesso sinonimo di morte: “Alla fine la gente muore di coaguli di sangue. Ed è molto difficile evitarli. Questo è il motivo per cui, se aspettiamo l’ospedalizzazione, è troppo tardi. Se aspettiamo che i livelli di ossigeno siano bassi a causa di coaguli di sangue nei polmoni, è troppo tardi“.

  1. Gli attuali vaccini COVID-19 sono obsoleti e dovrebbero essere considerati inadatti all’uso umano

Ultimo ma non meno importante, il medico ha affrontato la questione dei vaccini COVID.

Secondo McCullough, i vaccini attualmente disponibili – come quelli di AstraZeneca, Johnson & Johnson, Pfizer e Moderna – sono “obsoleti“.

Non coprono le nuove varianti; i pazienti stanno fallendo con questi vaccini. Vengono ricoverati in ospedale e si ammalano nonostante abbiano ricevuto i vaccini“, ha detto, aggiungendo, “i vaccini finora hanno raggiunto una mortalità e lesioni record e dovrebbero essere considerati non sicuri e non adatti all’uso umano“.

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email