Articolo scritto da Will Jones e pubblicato su The Daily Sceptic. Ve lo propongo nella nostra traduzione. 

 

professoressa Christine Stabell-Benn dell'Università della Danimarca meridionale
professoressa Christine Stabell-Benn dell’Università della Danimarca meridionale

 

L’autore principale di uno studio pre-print su Lancet che esamina la mortalità per tutte le cause nelle prove del vaccino Covid ha detto che il suo lavoro mostra un “potenziale segnale di pericolo” per le morti legate al cuore collegate ai vaccini mRNA che “merita un ulteriore esame”.

Parlando con Freddie Sayers di UnHerd, la professoressa Christine Stabell-Benn dell’Università della Danimarca meridionale ha aggiunto che c’è “un grande contrasto” ai suoi sforzi per indagare gli effetti dei vaccini sulla mortalità per tutte le cause e molti regolatori e aziende semplicemente non vogliono saperne.

Pur sottolineando che i numeri nel suo studio sono spesso troppo piccoli per fornire significatività statistica e fondare conclusioni definitive, la Prof. Stabell-Benn osserva che “c’è un sovrappeso di morti cardiovascolari nel gruppo Pfizer” che è “un potenziale segnale di pericolo che merita un ulteriore esame”.

Affrontando il più ampio contesto dei segnali di sicurezza dai vaccini mRNA, aggiunge (dal min. 22’50”):

Penso che ci siano segnali di pericolo in relazione alle morti e alle malattie cardiovascolari. Lo sappiamo ora con certezza per i vaccini mRNA rispetto alla miocardite e alla pericardite. Ma anche aneddoticamente, direi che ci sono rapporti di morti cardiovascolari che credo meritino un ulteriore esame. Questo è solo un pezzo del puzzle, ma si aggiunge alle prove che suggeriscono che questo è qualcosa che dovrebbe essere indagato ulteriormente per i vaccini mRNA.

La professoressa Stabell-Benn chiede un confronto back-to-back dei due nuovi tipi di vaccino, mRNA e adenovirus-vettore, per confrontare i loro effetti sulla mortalità per tutte le cause.

Affrontando la linea politica della sua ricerca, ammette che non c’è “molto interesse” da parte dei regolatori e delle aziende. “C’è un grande rifiuto ad essere onesti”. Aggiunge:

È anche un po’ un vaso di Pandora, credo, per le autorità sanitarie, perché se iniziano a riconoscere questi effetti c’è anche l’enorme problema dei potenziali effetti negativi non specifici che sono stati effettivamente portati all’attenzione dell’OMS già 20 anni fa, ma non hanno davvero risposto con le indagini. Così si può vedere il potenziale contraccolpo per l’OMS, per i programmi di vaccinazione, se effettivamente venisse fuori che alcuni vaccini hanno portato questi effetti negativi non specifici.

Quindi sono stata in questo settore per molti anni e so che ci sono poteri là fuori che non sono interessati a scavare veramente in queste scoperte. E di nuovo, ha anche implicazioni per il modo in cui testiamo i vaccini, quindi potete vedere che è roba complicata anche per le aziende, per i regolatori, se dobbiamo progettare studi di fase 3 sui vaccini che non studiano solo la malattia specifica ma anche la mortalità e la morbilità per tutte le cause.

Raccomanderebbe la vaccinazione Covid, chiede Freddie. Sulla base di ciò che sappiamo attualmente, “non raccomanderei la vaccinazione di nessuno [sotto] i 50 anni di età” con i vaccini mRNA, dice.

È vaccinata? Questo è “privato”, ride.

Alla domanda se raccomanderebbe uno dei due vaccini ai suoi (ipotetici) figli adulti di 20 anni, la sua risposta è un immediato ed enfatico “no”.

Questo deriva da decenni di studio degli effetti non specifici dei vaccini e dalla consapevolezza che l’immunità protettiva contro la malattia del vaccino può avere un prezzo elevato. Con le incognite in relazione ai nuovi tipi di vaccino, andrei sul sicuro e direi che finché il vostro rischio di grave Covid è basso, non correrei il rischio di prendere un nuovo vaccino che non è stato testato per i suoi effetti generali sulla salute. E purtroppo ci mancano ancora quei dati. Abbiamo cercato di fare il meglio possibile con i dati molto limitati in questo studio che abbiamo presentato ora, ma non è abbastanza buono.

Nell’intervista, la Prof. Stabell-Benn richiama anche l’attenzione sui benefici statisticamente significativi che il suo studio trova per la mortalità per tutte le cause e la mortalità cardiovascolare dai vaccini adenovirus-vettore (in contrasto con i vaccini mRNA). Ho discusso questo aspetto dello studio in un post precedente, attirando l’attenzione sul fatto che con i dati più recenti e completi da uno dei grandi studi sul vaccino adenovirus, l’apparente miglioramento della mortalità è ora molto più piccolo e non più statisticamente significativo. Inoltre, i dati di mortalità del trial soffrono (come riconosce la stessa Prof. Stabell-Benn) di piccoli numeri suscettibili di strani eventi casuali (in uno studio ci sono quattro morti per incidente nel braccio del vaccino contro zero nel braccio di controllo) e tempi di follow-up molto brevi.

Durante l’intervista, Freddie suggerisce che il Regno Unito può aver fatto meglio di gran parte dell’Europa in termini di mortalità complessiva perché ha usato ampiamente il vaccino adenovirus-vettore di AstraZeneca, a differenza dell’Europa che lo ha in gran parte respinto. Tuttavia, contrariamente a questa affermazione, il Regno Unito è stato in realtà uno dei peggiori in Europa occidentale per la mortalità complessiva per il 2020 e 2021, come mostrato di seguito.

 

 

Anche il Regno Unito non è sfuggito all’ondata europea di morti di non-Covid nella seconda metà del 2021.

 

 

Non c’è nessuna prova qui che io possa vedere per l’idea che i vaccini adenovirus-vettore siano particolarmente benefici per la mortalità per tutte le cause.

Nel mio post originale su questo studio ho notato che l’allarmante aumento delle morti cardiovascolari che la Prof. Stabell-Benn sta ora chiamando un “potenziale segnale di pericolo” è andato “stranamente non osservato nel documento”. Invece, l’attenzione era interamente sul miglioramento della mortalità apparente dai vaccini adenovirus-vettore. Ho suggerito che questo era “dovuto al fatto che gli autori sono cauti nel criticare i vaccini al fine di essere pubblicati” e lamentato questo probabile stato di cose. Ho sottolineato che, mentre questi risultati non erano statisticamente significativi, la dimensione dell’effetto era grande e “nel contesto delle più ampie preoccupazioni circa gli effetti negativi dei vaccini mRNA sul sistema cardiovascolare, giustificano qualche commento, se non altro per segnalarli e dire che sono necessari studi più grandi per vedere se la significatività statistica si ottiene”.

Sono molto contento di sentire la Prof. Stabell-Benn fare esattamente questo pubblicamente – e sgomento nello scoprire che la mia ipotesi era presumibilmente corretta, e la politica non le ha permesso di includere queste importanti osservazioni nel documento stesso.

Questo, naturalmente, non è abbastanza. I “poteri” a cui si riferisce la Prof. Stabell-Benn sono troppo protettivi dei loro vaccini, manipolando la stampa e la società in generale per assecondare la loro propaganda, di solito facendo appello all’idea di mantenere la fiducia nei vaccini al fine di promuoverne l’adozione. Nel Regno Unito, abbiamo persino avuto la Regina e l’Arcivescovo di Canterbury arruolati per dire alla gente che hanno il dovere di essere vaccinati.

Di tutte le medicine, i vaccini sono particolarmente suscettibili a questo tipo di manipolazione e propaganda, poiché mentre la maggior parte delle medicine viene presa solo dai malati per cercare di farli stare bene, i vaccini sono spesso ritenuti funzionare meglio se il maggior numero di persone possibile li prende per cercare di eliminare completamente la malattia o ridurla a livelli minimi. Questo è un peccato, perché essendo farmaci assunti unicamente da chi è sano e sta bene, è ancora più importante che siano molto sicuri, e la propaganda per sostenere la “fiducia” è antitetica a una cultura che indaga pienamente e correttamente l’impatto dei vaccini ed è aperta e trasparente sui risultati.

In questa luce, il significato del concetto di “immunità di gregge” per la vaccinazione e il suo ruolo nel sopprimere l’indagine scientifica libera e aperta e il resoconto dei media deve essere esaminato. Può essere che per molti vaccini, l’immunità di gregge sia un concetto inutile che mette erroneamente l’accento sull’adozione universale e sul mantenimento della fiducia – invece che sull’adozione mirata da parte del rischio più elevato – e così copre i vaccini in un velo di propaganda che nasconde informazioni cruciali e soffoca l’indagine onesta.

La Prof. Stabell-Benn ha ragione sul fatto che ci sono segnali di pericolo per questi vaccini, e non solo per quelli mRNA. È ora di togliere la coltre protettiva di propaganda di “fiducia” con cui sono stati coperti dall’inizio del lancio e guardarli alla fredda luce del giorno per vedere cosa abbiamo creato.

 

 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments