La cancellazione della distinzione tra “orientamento e attività” significa la fine della castità come virtù da perseguire, o implica che “la comunità LBGT” non è capace di castità e dovrebbe quindi essere predicata con un vangelo minore.

Un articolo di padre Raymond J. de Souza, pubblicato su National Catholic Register, Eccolo nella mia traduzione. 

 

Robert McElroy, appena creato cardinale, 27 agosto 2022. (AP Photo/Andrew Medichin
Robert McElroy, appena creato cardinale, 27 agosto 2022. (AP Photo/Andrew Medichini)

 

Che un cardinale voglia cambiare l’insegnamento della Chiesa sulla moralità degli atti sessuali tra persone dello stesso sesso non è una novità. Ma ce n’è uno nuovo che sostiene proprio questo, e per giunta uno dei più recenti del collegio.

Il cardinale Jean-Claude Hollerich, creato cardinale da Papa Francesco nel 2019 e nominato relatore generale del processo sinodale sulla sinodalità per una Chiesa sinodale, ha sostenuto la necessità di un cambiamento perché “il fondamento sociologico-scientifico di questo insegnamento non è più corretto”.

Ora il cardinale Robert McElroy, vescovo di San Diego e creato cardinale da Papa Francesco solo lo scorso agosto, si è unito al cardinale Hollerich con un ampio saggio pubblicato questa settimana sulla rivista America. Il cardinale McElroy sostiene che il processo sinodale sulla sinodalità per una Chiesa sinodale è un momento opportuno per rivedere – e revisionare – alcune dottrine della Chiesa. Tra queste c’è la questione dell’ordinazione sacerdotale delle donne, ma l’attenzione principale è stata rivolta alla “radicale inclusione delle persone L.G.B.T.”.

Le reazioni sono state numerose e sicuramente ne seguiranno altre. Qui vorrei solo richiamare l’attenzione su un aspetto dell’approccio pastorale del cardinale McElroy: l’abolizione della castità.

Il cardinale McElroy, nella sua discussione sulla Santa Comunione, obietta all’insegnamento cattolico tradizionale secondo cui “tutte le azioni sessuali al di fuori del matrimonio sono così gravemente malvagie da costituire oggettivamente un’azione che può recidere la relazione di un credente con Dio” – il peccato mortale, nel linguaggio comune.

“Questa obiezione dovrebbe essere affrontata di petto”, scrive, e così fa:

La distinzione tra orientamento e atto non può essere l’obiettivo principale di un tale abbraccio pastorale, perché suggerisce inevitabilmente di dividere la comunità L.G.B.T. in coloro che si astengono dall’attività sessuale e coloro che non lo fanno. Piuttosto, la dignità di ogni persona come figlio di Dio che lotta in questo mondo, e l’amorevole offerta di Dio, devono essere il cuore, l’anima, il volto e la sostanza della posizione e dell’azione pastorale della Chiesa.

Nella pratica pastorale tradizionale le due cose dovrebbero andare insieme, affermando la dignità di ogni persona e consigliando al contempo di evitare gli atti peccaminosi.

L’argomentazione del cardinale McElroy, secondo cui “la distinzione tra orientamento e atto” non può essere un “punto focale”, mina molto di più di quanto egli stesso lasci intendere. Infatti, come confessore saprebbe quanto sia cruciale questa distinzione. Un penitente che accenna a un desiderio involontario di relazioni adulterine ma resiste alla tentazione non solo non è colpevole di un peccato, ma sta praticando la virtù. Un penitente che nutre tali desideri ma non li mette in atto è colpevole di un peccato, anche se probabilmente non grave. E il penitente che commette adulterio è colpevole di un peccato mortale.

Questa distinzione può non essere il “focus principale” – il focus principale è sempre l’amore e la misericordia di Dio – ma la distinzione è pastoralmente essenziale.

Ci sono molti peccati sessuali – pornografia, masturbazione e fornicazione sono i più comuni – in cui la distinzione tra un orientamento, una disposizione, un desiderio, un’abitudine e un atto particolare è assolutamente fondamentale.

Non so come si svolgano i corsi pre-Cana a San Diego, ma presumibilmente vengono affrontate la convivenza e la fornicazione. La “distinzione tra orientamento e attività” non si applica solo all’omosessualità.

Le coppie eterosessuali fidanzate sono certamente orientate verso l’unione coniugale, ma l’unione coniugale vera e propria è peccaminosa prima del matrimonio. Concordo sul fatto che questo non dovrebbe essere il “punto focale” della preparazione al matrimonio, ma non può essere messo da parte per paura di “dividere” le classi pre-Cana in coloro che si sforzano di essere casti e coloro che non lo sono.

La cancellazione della distinzione tra “orientamento e attività” in campo sessuale significa la fine della castità come virtù da perseguire. O, per lo meno, implica l’idea che “la comunità L.B.G.T.” non sia capace di castità e debba quindi essere predicata con un vangelo minore.

Un’ultima nota sul cardinale McElroy stesso. La sua creazione a cardinale lo scorso agosto è stata degna di nota. L’arcivescovo José Gómez di Los Angeles – a capo della più grande diocesi degli Stati Uniti, poi presidente della USCCB, egli stesso immigrato dal Messico e campione degli immigrati – è stato scartato a favore del vescovo di San Diego.

Per un Papa la cui frase preferita è il santo pueblo fiel de Dios – il santo, fedele popolo di Dio – preferire McElroy a un prelato latino è stato curioso. Il giorno stesso della pubblicazione del saggio del cardinale McElroy, il Santo Padre ha rilasciato un’intervista in cui ha denunciato il “cammino sinodale” tedesco come “elitario”.

Sembrerebbe che qualcosa di simile possa essere detto sul desiderio del cardinale McElroy di usare il processo sinodale sulla sinodalità per una Chiesa sinodale che abolisca la castità. E non c’è prelato americano più elitario del cardinale McElroy – laureato ad Harvard, Stanford, Berkeley e alla Gregoriana, l’università gesuita di Roma.

Quando McElroy è stato creato cardinale a San Diego, alcuni si sono chiesti se non fosse una ripetizione di ciò che Papa Francesco ha fatto quando ha creato Joseph Tobin cardinale quando era ancora arcivescovo di Indianapolis. Poco dopo il cardinale Tobin è stato trasferito a Newark. È possibile che il nuovo cardinale di San Diego sia presto in viaggio verso Washington o di nuovo verso Harvard, come arcivescovo di Boston?

Può darsi che il cardinale McElroy abbia le sue mire anche oltre. Il saggio sull'”inclusione radicale” era forse una domanda per essere trasferito in Germania?

Raymond J. de Souza

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments